1664 punti 1267 punti 1021 punti 1415 punti 1750 punti 1032 punti

Messaggioda Monique » 30/05/2013, 20:54

Spero di esserne all'altezza, e di riuscire ad aiutare al meglio tutti.

Sono sicura che sarà così, e chissà che qualche studente non voglia diventare tuo assistente, nel caso in cui Typhon Seal decidesse di lasciare il suo posto... so che frequenterà l'Accademia Erbologica l'anno prossimo, ed è uno studio impegnativo.

Almeno, dal suo punto di vista: magari in realtà si trattava del corso di studi più semplice del mondo, e lei non lo sapeva, visto che non era propriamente ferrata in quel campo; ma se dava risultati simili a quelli di Lindë Vilvarin, beh, era un bene che lui la frequentasse.
Ma non c'era solo quello di cui parlare: Monique aveva anche bisogno di un'assistente per il coro ora che Alexis Parker si accingeva a lasciare la scuola, perciò chi meglio di Estelle poteva ricoprire quel ruolo? Una volta che la collega ebbe accettato l'incarico, la Vice Preside prese a spiegare alla sua nuova Vice Coordinatrice quali sarebbero state le sue mansioni, in particolare in vista dello scontro con la Cyprus che, purtroppo, non si presentava con molto probabilità a favore di Hogwarts.

Benissimo. Allora vorrà dire che lavoreremo abbastanza per, non dico vincere, ma almeno ottenere un buon risultato.
Non conosco ancora i ragazzi, ma credo nelle capacità di ogni persona.


E' esattamente quello a cui punto io: va bene non vincere, ma vorrei almeno che riuscissimo a dare agli americani del filo da torcere, che gliela facessimo sudare la vittoria.

Confermò Monique, annuendo lentamente.
Non poteva pretendere la vittoria, seppur l'1% di possibilità ci fosse, ma di rendere la competizione davvero infervorata, quello sì, quello potevano farlo.

Presupponendo che ancora non conosco bene i ragazzi e spero di farlo al più presto, può sembrare banale, e non so se avevi già pensato a cosa fare, e quali pezzi portare, ma io consiglio un duetto. E magari una ballad. Naturalmente possiamo vagliare tutte le possibilità, e magari cambierò idea una volta ascoltati i ragazzi. E' tutto da vedere, certo.

Sì, avevo pensato anch'io ad un bel duetto, ma è anche vero che le voci maschili sono in netta minoranza rispetto a quelle femminili... dobbiamo pensarci bene.
Naturalmente sentiti libera di convocare una riunione con tutti i cantanti e musicisti, o di vagliare singolarmente le loro doti: il materiale di Alexis, conoscendo la persona, sarà sicuramente completo, ma è giusto e doveroso che tu ti faccia un'idea personale su ciascuno di loro.


Concluse Monique, facendo l'occhiolino alla giovane donna per poi concentrarsi su qualcosa di più leggero ma sicuramente gradevole, ovvero le ultime novità che riguardavano Estelle, come la casa che Monique aveva sentito avesse comprato ad Hogsmeade.

Già, ho comprato un piccolo loft. In realtà non avevo intenzione di spostarmi ulteriormente, ma ho pensato che, una volta trovato un lavoro che mi appagasse, per essere ulteriormente indipendente mi servisse. Poi è in un posto tranquillissimo. Hogsmeade è esattamente il tipo di città in cui desideravo vivere. E la vita non manca, così come lo shopping.. Hogsmeade ha veramente di tutto.

In effetti è diventata una cittadina completa di qualsiasi cosa una persona possa aver bisogno... credo tu abbia fatto un'ottima scelta, e poi si trova a pochi passi da scuola. Se hai bisogno di fare un po' di shopping casalingo, ricordati di chiamarmi... è da tanto che non faccio qualche giro per trovare mobilia con cui arredare casa!

Esclamò la Vireau con una breve risata: ovviamente non avrebbe mai imposto ad Estelle, se fossero uscite insieme, il suo gusto e pensiero, si sarebbe limitata a darle dei consigli, visto che un po' di esperienza, arredando personalmente le sue quattro case in giro per il mondo, l'aveva accumulata.

Il prezzo poi era accessibile. Avrei potuto benissimo comprare un appartamento più piccolo, ma.. quando ho visto quel loft.. ho pensato che magari, in un futuro prossimo, poteva essere l'ambiente perfetto per.. sai.. vivere in compagnia..

Sorrise dolcemente di quelle parole, comprendendola alla perfezione: aveva un ideale romantico e non c'era niente di male in questo, almeno dal punto di vista della francese.

Hai fatto bene a pensarla così, non si può mai sapere cosa la vita ti riserverà per il futuro, e chissà che magari così il Destino non venga invogliato a darsi da fare, mh?

E nuovamente strizzò l'occhio alla giovane donna, augurandosi per lei che trovasse l'amore presto, un amore che le riempisse la vita come era successo a lei e a Sandyon.
Parlarono ancora e a lungo sulla strategia da adottare per il Coro e di tante altre cose, fino a che non fu ora di congedarsi: ma tanto, ora che Estelle era tornata, si sarebbero potute rivedere presto.

[FINE]
Avatar utente
Monique
Vice Preside
Vice Preside
 
Grado: 14+
 
Messaggi: 1877
Iscritto il: 05/09/2011, 11:51
Località: Cittadina del mondo

Messaggioda Robyn » 19/10/2014, 14:26

Ufficio Vice Preside
01 Gennaio 2109
Ore 09:00


Sì, lo so che è una decisione un po' drastica, ma preferisco gestirla in questo modo.

Il bando degli Auror parlava chiarissimo: una volta ripreso incarico al Ministero sotto qualsiasi carica, non era necessario svolgere nuovamente il periodo di addestramento, di nessun livello di difficoltà, ma Robyn, con tutto che aveva lasciato la domanda di riammissione senza obblighi, aveva anche chiesto di partecipare alle sedici settimane di allenamento presso una delle sedi estere dell'Accademia, dando anche il proprio consenso all'iscrizione nella categoria "Ultima", ovvero la più difficile, rischiosa e lontana, dove spesso e volentieri molti colleghi mollavano a metà percorso per via della difficoltà e delle quasi impossibili condizioni di vita messe a disposizione. L'intento del ragazzo era quello di dimenticare l'accaduto con Margaret avvenuto verso la fine di Dicembre. Se non avesse fatto qualcosa per distrarsi probabilmente avrebbe finito per deprimersi in un letto o sul divano tutto il giorno, mandando a quel paese tutti gli sforzi fatti fino a quel momento per migliorarsi.

Ho già avvertito Veronique per la sospensione delle lezioni, Aryanne l'ho informata ieri pomeriggio.
Mio zio lo passerò a trovare una volta uscito di qui.
Avrei voluto avvertirvi ieri sera, ma stavate a cena con Celine e non mi andava di rovinarvi il pasto, scusami zia.


Vedersi con la divisa Auror faceva un po' strano anche a lui: rispolverata dopo così tanto tempo, in alcuni punti gli cominciava anche a stare stretta. Sperava che nel corso dei successivi quattro mesi fosse cresciuto ancora di più, cambiando radicalmente la propria struttura fisica, tornando non solo rinforzato nella psiche ma anche nella forma. Non immaginava di certo di raggiungere la cugina, ma se non altro poteva ipotizzare di farle un minimo di concorrenza. Zaino grosso in spalla con tutto il necessario richiesto, la bacchetta magica sistemata in una fondina attorno al pantalone, stivali pesanti da battaglia e tanta buona volontà, con un pizzico di malumore. Non aveva mai potuto rivelare realmente quale fosse stato il motivo della rottura con Maggie e questo in un certo senso gli pesava, ma non avrebbe mai fatto quell'errore, avrebbe rischiato troppo e non era detto che Monique fosse stata altrettanto comprensiva come al suo solito.

Non ci permettono di comunicare con l'esterno.
Siamo totalmente isolati, quindi ci rivedremo intorno a metà Aprile o poco più tardi.
Ho deciso di impormi questo addestramento per capire se posso davvero sostituire mio zio.
Una volta non l'avrei mai pensato, ma grazie a te zia, sento che oggi posso farcela, sento che posso dimostrare qualcosa.


La partenza era fissata alle ore 10:30, ma non volendo fare le cose di corsa era passato con il dovuto anticipo per salutare la francese.
Sapeva che le sarebbe mancato averlo in giro per casa, la Vireau era una donna che amava la sensazione di famiglia, quel calore particolare che la faceva sentire circondata da persone speciali, sempre. In fondo non avrebbe dovuto aspettare moltissimo prima di rivederlo, quello era un lato positivo da prendere in considerazione. Sembrava il giorno prima quando aveva bussato alla porta di quella camera presentandosi come il nipote furioso e in cerca di vendetta di Sandyon. Adesso invece, non più ragazzino, come uomo stava affrontando il suo presente e il suo futuro a testa alta, provando a non pensare alle disgrazie avvenute e magari provando a trovare un antidoto alla lunga serie di sogni che lo avevano tormentato, portandolo alla definitiva rottura con la Sanders. Chissà, forse una volta tornato avrebbe provato a contattarla sperando in una guarigione.

Posso chiederti la cortesia di mandare ogni tanto Sophie a casa mia per dare una spolverata?
Mi basta anche una volta a settimana, per il resto ho lasciato tutto in ordine.
... Ecco, questa è la chiave, altrimenti le protezioni non le permetterebbero di entrare.


Immagine

Aveva cambiato le lenzuola e la disposizione di un paio di mobili, così da non avere un attacco di nostalgia al proprio ritorno.
Era più un meccanismo di auto difesa che la voglia vera e propria di effettuare un cambiamento al seguito della fine del fidanzamento, anzi, ipotizzava che Margaret avesse fatto una cosa simile. Avevano condiviso tantissimo e lasciare tutto com'era equivaleva a farsi del male gratuito.
Il proprietario del pub ad Hogsmeade gli aveva assicurato che lo avrebbe aspettato, mettendolo in stop momentaneo per quel periodo, chiedendogli giusto una piccola somma di denaro per compensare quella mancanza di una persona fondamentale improvvisa. Per fortuna il 30% veniva coperto dal Ministero ed in più la famiglia di Robyn era abbastanza ricca da non avere problemi a saldare certi debiti giusti e motivati.
Quando la donna si alzò in piedi per andare ad abbracciarlo, egli sorrise e corrispose, stringendola forte, baciandole una guancia.

Adesso è proprio ora che vada.
Tra l'altro, tenterò la trasfigurazione animale nel corso di questo addestramento, chissà che non ci riesca.
Ma non dire nulla ad Aryanne, voglio farle una sorpresa, lei ci è già riuscita, non è giusto!
Ti voglio bene Monique, sarai fiera di me, te lo assicuro...


Non gli faceva alcun effetto strano starle così vicino. Era proprio vero che l'inconscio faceva degli scherzi tremendi, ma ormai era inutile parlarne, era inutile stare a fare indagini ed investigazioni quando il peggio era avvenuto e non si poteva più cambiare. Si avvicinò alla porta dell'ufficio della donna e la aprì lentamente. Mandò un ultimo sguardo carico di affetto e calore verso la propria parente acquisita e poi uscì dalla stanza.
Quattro mesi di lontananza da casa, quattro mesi di allenamento di ogni genere, quattro mesi di dure prove da affrontare, quattro mesi nei quali nessuno lo avrebbe supportato, quattro mesi per essere completamente solo con sé stesso. Era sicuro che ce l'avrebbe fatta, perché voleva farcela ad ogni costo. Avrebbe pianto, sputato sangue, sudato freddo ma mai e poi mai si sarebbe arreso di fronte a quelle difficoltà. Cercò di sorridere al Sole già alto nel cielo... Quello forse era l'inizio di un nuovo, grande, importante capitolo della sua vita.

CHIUSURA PER ROBYN
Avatar utente
Robyn
Task Force Speciale "Eclipsim"
Task Force Speciale "Eclipsim"
 
Grado: 12
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 22/07/2012, 15:34

Data Utente Tipo Dado Risultato  
2013-05-22 00:45:22 Zephyr d20 13  
2013-01-19 23:46:30 Brianna d20 4  
2013-01-19 13:27:35 Brianna d20 13  
Precedente

 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron