1664 punti 1267 punti 1021 punti 1415 punti 1750 punti 1032 punti

Per i negozi...

Messaggioda Cyrus » 07/02/2018, 13:37

Davis non avrebbe dato mai completamente pace ad Emanuelle.
Ormai lei era divenuta la sua preda, il suo obiettivo, e per quanto lei cercasse di nasconderlo, non è che le dispiacesse troppo.
Sapeva poco e nulla dei risvolti interiori della ragazza, ma al Valefor questo interessava davvero poco.
Gettandosi nel rischio, viveva e sperimentava, imprevedibile e un po' pazzo, oltre ad una buona dose di cattiveria.
Presto o tardi Pauline avrebbe ceduto, che fosse per sfinimento o per conquista, ma in entrambi i casi le sarebbe piaciuto.
Comunque prima che accadesse tutto questo, o meglio, nel frattempo, un'altra coppia stava avendo a che fare con la conoscenza.
Solo che a differenza del caso Davis/Emanuelle, lì era la ragazza ad aver fatto la predatrice fino ad allora e il ragazzo l'ignara preda.

Ah, dimenticavo, sono...

CYRUS!

... Ehm, sì, mi hai tolto le parole di bocca!

Inarcò il sopracciglio destro, il Bahamut, restando per alcuni secondi interdetto.
Era curioso ed interessato a capire come avesse fatto la bionda a sapere il suo nome.
Senza considerare che pareva stare sbavando come un lama nei periodi peggiori.

Sono la migliore amica di Emanuelle, la cameriera che lavora allo Shamrock e mi ha parlato di te!

Ah ecco, adesso si spiega...

Incrociò le braccia al petto, che di riflesso visivo si fecero ancora più grosse, sorridendo più convinto.

Stai pensando di iscriverti?

Eeeeeh... Vorrei tanto uscire con te...

... Prego?

Nuovamente l'espressione di Cyrus mutò, facendosi divertita e sorpresa allo stesso tempo.
Non che non gli piacessero le ragazze intraprendenti, ma lei era davvero strana e imprevedibile.
Poi si ricordò quale fosse l'Elemento a governare il suo Spirito e quindi fu tutto più chiaro.

Oh... Oh! Scusami, cosa hai detto?
Ah! No, no, sono qui solo per provare!
Ema mi ha dato il bonus e siamo venute a sfruttarlo insieme e pensa te, ho fatto benissimo perché finalmente ti ho incontrato!


Final... mente?

Assottigliò lo sguardo, fissandola ancora meglio.
Stava diventando sempre più esilarante quella conversazione, c'era da ammetterlo.
Si leccò le labbra in un gesto naturale ma forse a doppio senso per la ragazza, proseguendo ad ascoltarla.

Senti... Prima di continuare, vorrei farti alcune domande, se non ti dispiace.

Non mi dispiace, va bene, ma a questo punto perché non ci allontaniamo da qui?
Stiamo dando fastidio a chi si sta allenando e mi spiace rovinargli il bonus del pomeriggio.
... Seguimi, dai.


Per lui fu spontaneo voltarsi e dirigersi verso l'uscita della zona pesi.
Di sicuro non andò a pensare che la bionda potesse mettersi a guardargli il di dietro.
A differenza di Davis, le sue "mosse" erano spontanee e non calcolate, ma ugualmente efficaci.
Raggiunsero a quel punto il corridoio che conduceva verso l'area della terza piscina, completamente vuoto.
Difatti essendo quella struttura ancora non finita, non c'era alcun motivo che venissero interrotti/disturbati.

D'accordo, vai pure, sono tutto orecchi!

Sei ancora single?

Mi pare proprio di sì...

Sei ancora etero?

Su quello potrei avere qualche leggero dubbio...
... Mh...
Ti spiace fare un giro se te stessa? Molto piano cortesemente...


Dopo averle fatto quella domanda un po' giocosa, Cyrus se la poté squadrare decisamente meglio.

... Oh sì sì, decisamente etero...

Le fece un sorrisetto malizioso e furbo, con gli occhi grigi scintillanti di lussuria.

Vorresti uscire con me?

... Ho la netta sensazione che non riuscirei a dire "No", nemmeno volendolo!

In pratica se ci avesse provato, Stella si sarebbe intignata nel fargli cambiare idea in ogni modo.
Successivamente, gli occhi della Cartwright si misero a solcare il suo di corpo, con desiderio.
Mentre risaliva con lo sguardo dal cavallo dei pantaloni in su, a quel punto il ragazzo le facilitò il tutto, alzandosi la maglia.

Tutto di tuo gradimento?

Era ovvio che lo fosse, nel suo DNA stava l'attrazione rafforzata verso il sesso opposto.
Per Stella quel corpo probabilmente era il più bello mai visto prima, assente di rivali effettivi.
Comunque dopo qualche secondo la maglietta tornò al suo posto, giusto per alimentare ancora la "fame" della bionda.

È da quando la mia migliore amica mi ha mostrato un'immagine di te che non faccio altro che sperare di incontrarti!
Mi sono anche appostata allo Shamrock nelle ultime settimane per beccarti, ma nulla, non ci sono mai riuscita!
Mi sei piaciuto da subito e volevo provare a conoscerti...
Certo potevi farti vedere prima, almeno mi sarei sistemata meglio rispetto alla tuta.
... Tu invece stai da paura... Mi stai facendo sbavare da quando ti ho vistooooh...


Guarda che è meglio così!
Sinceramente preferisco conoscere una ragazza senza troppi trucchi.
E poi la tuta non ti sta affatto male...


Quelle goccioline di sudore qua e là poi, erano una vera meraviglia.

Ad ogni modo, con chi ho il piacere di parlare?

Ah è vero!
Non ti ho nemmeno detto come mi chiamo!


Già! Ahahah...

Mi chiamo Stella, Stella Cartwright.

Aspetta, tu sei Stella Cartwright sorella di Axell Cartwright dei G-...

Stava per dire "Gods of the Arena", ma si interruppe, ricordando il periodo storico in cui si stesse trovando.

... ravity Beetles?

E meno male che le due squadre cominciassero con la stessa iniziale, altrimenti sai che guaio?!

E' così strano conoscere dal vivo una persona che nel mio tempo ha avuto la sua buona percentuale di fama.
Nel mio tempo però, dopo divenne Stella Wheeler, verso i suoi 27 anni, ma ora penso ne abbia circa 23.
Potrei seriamente alterare il corso degli eventi, se non è già cambiato di suo... Bah, chi se ne frega!


... Allora, ti va di conoscerci un po'?

Cyrus non rispose subito. Si prese qualche secondo, ma sembrava ugualmente che stesse riflettendo su qualcosa.
Le fece cenno di attendere con la mano e si avvicinò alla porta dell'area piscina con sopra il cartello "Chiuso".
Provò a vedere se fosse ugualmente accessibile e scoprì che non fossero state inserite chiavi o blocchi.
Insomma, perché andare a chiudere se tanto c'era il cartello sopra anche bello grande e leggibile?
Si affacciò un momento, poi tornò a guardare Stella e le fece segno di avvicinarsi anche lei a guardare all'interno.

Immagine

... Che ne diresti di conoscerci un po' sguazzando in piscina?

Era proibito, vietato, rischioso.

Ma tu e il tuo Vento dovreste essere abbastanza pazzi da accettare...
Avatar utente
Cyrus
Mercenario Maestro
Mercenario Maestro
 
Grado: 13
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 01/03/2017, 22:51

Messaggioda Stella » 08/02/2018, 22:09

Era un bene che la migliore amica della Cartwright non fosse lì a vedere il metodo di approccio che Stella ebbe con Cyrus. Altrimenti si sarebbe data una sonora manata in fronte, avrebbe alzato gli occhi al cielo e avrebbe giudicato la bionda senza speranza, girando i tacchi e andandosene.
Stella era un mix fin troppo esplosivo da poter contenere e sopportare. Non tutti ne sarebbero stati in grado, ma il Bahamut non parve affatto spaventato dal suo modo di essere, così frizzante e fuori dagli schemi. Ragionando, in fondo era pur logico che lei fosse fatta in quel modo: possedeva il Vento, non certo l'elemento più calmo del mondo, e questo poteva giustificare -in parte- quel carattere così spigliato ed imprevedibile da lasciare a bocca aperta e storditi.
Il resto lo faceva la sua insaziabile voglia di sesso.

Senti... Prima di continuare, vorrei farti alcune domande, se non ti dispiace.

Non mi dispiace, va bene, ma a questo punto perché non ci allontaniamo da qui?
Stiamo dando fastidio a chi si sta allenando e mi spiace rovinargli il bonus del pomeriggio.
... Seguimi, dai.


Ma non ci pensi che potrebbe essere solo una scusa per approfittarsi di te?!

La vocina coscienziosa di Emanuelle poteva anche urlare a Stella ogni avvertimento possibile, tanto la biondina non l'avrebbe mai ascoltata. Un po' tontolona quando si trattava di bei ragazzi, la Cartwright non soltanto acconsentì senza porsi alcun minimo problema, ma in più quando il ragazzo le diede la schiena lei si perse qualche secondo ad ammirargli il sedere, estasiata e con l'acquolina in bocca all'idea di poterlo tastare non appena fossero stai un po' più in intimità.
In realtà perse proprio la cognizione del tempo e questo spinse il Bahamut a girarsi per capire dove fosse finita la biondina, trovandosela con lo sguardo assorto di chi aveva davvero tanta, tantissima fame.

...Mh?
Arrivo!


Proprio come una cagnolina, la ragazza si mosse tutta allegra, facendo agitare la coda di cavallo mentre seguiva Cyrus verso la zona della piscina ancora chiusa al pubblico e quindi completamente vuota.

D'accordo, vai pure, sono tutto orecchi!

Sei ancora single?

Mi pare proprio di sì...

Sei ancora etero?

Su quello potrei avere qualche leggero dubbio...
... Mh...
Ti spiace fare un giro se te stessa? Molto piano cortesemente...


Hihihihi... No che non mi dispiace!

Il suo culo non era un granché, ma tutto il resto per la miseria faceva ugualmente venire un bel po' di appetito in bocca ai ragazzi! E per fortuna il Bahamut non fu da meno, apprezzando tutto quanto di lei, anche ciò che non c'era in realtà per poca abbondanza.

... Oh sì sì, decisamente etero...

Si morse il labbro inferiore, già pronta a combinare con lui di tutto, ma mancava l'ultima domanda, quella cruciale, per comprendere fin dove fosse disposto a spingersi il moro.

Vorresti uscire con me?

... Ho la netta sensazione che non riuscirei a dire "No", nemmeno volendolo!

Non rispose, perché in quel momento i suoi occhi avevano iniziato a fare una panoramica a raggi infrarossi dell'intero corpo di Cyrus, soffermandosi ovviamente nella zona del pube. Il Bahamut però non sembrava affatto messo in soggezione da quel suo modo di fare, anzi ci giocò anche alzandosi su la canottiera per far vedere il corpo muscoloso e definito alla sbavante Stella.

Tutto di tuo gradimento?

Direi... proprio... di sì...
... Ma se ti abbassassi anche un po' i pantaloni, sarei ancora più contenta!


Sfrontata? Assolutamente sì, ma era fatta in quel modo, prendendo un po' di quelle caratteristiche tipiche anche del fratello maggiore che li rendevano, in un certo senso, unici e speciali.
Stella aveva uno sguardo malizioso e birichino, ma anche stregato dalla figura del Bahamut. Non poteva sapere che egli esercitasse su di lei il proprio fascino, ma anche se lo avesse saputo le sarebbe importato poco. Era un bellissimo ragazzo a prescindere, per cui se se ne sentiva ancora più attratta per una sorta di derivazione genetica magica, chi se ne frega! Tutto di guadagnato, almeno dal suo punto di vista.

È da quando la mia migliore amica mi ha mostrato un'immagine di te che non faccio altro che sperare di incontrarti!
Mi sono anche appostata allo Shamrock nelle ultime settimane per beccarti, ma nulla, non ci sono mai riuscita!
Mi sei piaciuto da subito e volevo provare a conoscerti...
Certo potevi farti vedere prima, almeno mi sarei sistemata meglio rispetto alla tuta.
... Tu invece stai da paura... Mi stai facendo sbavare da quando ti ho vistooooh...


Guarda che è meglio così!
Sinceramente preferisco conoscere una ragazza senza troppi trucchi.
E poi la tuta non ti sta affatto male...


Oh beh... Il mio meglio lo dò però in costume da bagno...

Ne aveva una collezione infinita, un po' perché lei era una spendacciona in tal senso, un po' perché era Axell a viziarla così tanto. Inoltre, fino a pochi mesi prima passava un sacco di tempo a casa del fratello a Malibu, per questo poteva permettersi di collezionare costumi da bagno a non finire. Peccato che da quando si fosse trasferita a Londra il sogno delle spiagge eternamente assolate della California era sparito, insieme ad un po' di quella sua bella carnagione dorata da perfetta abbronzatura.

Ad ogni modo, con chi ho il piacere di parlare?

Ah è vero!
Non ti ho nemmeno detto come mi chiamo!


Già! Ahahah...

Mi chiamo Stella, Stella Cartwright.

Aspetta, tu sei Stella Cartwright sorella di Axell Cartwright dei G-...

Ma tu...

... ravity Beetles?

Mi conosci?!
Cioè sei un fan tanto sfegatato di mio fratello da conoscere persino la sua famiglia?
WOW!
Sei l'uomo della mia vita...


Immagine


Magari era meglio che non se ne uscisse con certe frasi smielate e nemmeno con quelle espressioni da persona profondamente innamorata. Poter trovare un ragazzo che fosse tanto appassionato di Quidditch era un sogno per la biondina, poi addirittura uno che apprezzava suo fratello fondamentale, calcolando quanto egli sarebbe stato geloso di lei se si fosse messa con qualcuno. Magari avere un fan al fianco di Stella avrebbe permesso ad Axell di accettarlo meglio... E non nel senso dell'accetta, intesa come arma, ma come accettazione del prossimo!

Comunque intendevi dire ex-giocatore dei Gravity Beetles, vero?
Hihihihi, beh sì, sono io in carne ed ossa!


Molta carne, soprattutto. La Cartwright aveva un bel corpo magro, ma non troppo, con il burro nei punti giusti. Non si era mai preoccupata dei rotoli in eccesso, a meno che non avessero superato una certa soglia stabilita da un paio di jeans che ella conservava e indossava di tanto in tanto. Se risultavano essere troppo stretti, allora era arrivato il momento di mettersi a dieta! Per fortuna quel periodo era finito da un bel po', perché solitamente Stella mangiava tanto per sopperire alla mancanza di sesso. Adesso invece -e finalmente!- poteva averne quanto voleva.
E il suo obiettivo era diventato in esclusiva proprio Cyrus.

... Allora, ti va di conoscerci un po'?

Il moro non rispose subito, dando un'occhiata prima alla zona piscina -quella ancora chiusa- per vedere se ci fosse qualcuno. Aveva in mente qualcosa, ne era certa, ma la cosa non la impensieriva affatto. Riusciva a pensare solamente a quanto avrebbe voluto pomiciarselo, ovunque, in ogni luogo, anche all'interno di un bagno puzzolente e sporco da far schifo.
Tanto i suoi occhi non avrebbero visto altro se non lui.

... Che ne diresti di conoscerci un po' sguazzando in piscina?

NUDI?!

Lo disse con entusiasmo. Fin troppo entusiasmo. Quasi non aspettava altro che il Bahamut le dicesse di sì, per potersi spogliare totalmente ed entrare con lui in piscina. Fregandosene che fosse vietato, fregandosene che qualcuno avrebbe potuto vederli. Decisamente Stella era un Vento molto pazzerello e Cyrus se ne stava rendendo conto ogni secondo di più.
Il punto era: l'avrebbe fomentata ancora di più, oppure avrebbe cercato di darle una sonora calmata?
In quel caso, purtroppo, doveva per forza calmarla. Non era possibile rischiare così tanto facendo il bagno totalmente nudi, era meglio rimanere semplicemente con l'intimo sportivo. In ogni caso alla Cartwright andava sempre meglio, rispetto che a lui. Lei aveva sia sopra che sotto, mentre il moro doveva rimanere soltanto in mutande.

Oh... Va bene!
Peccato...


Sì, era davvero un po' giù di tono, ma si riprese in fretta, entrando all'interno dell'area piscina non ancora completata ed avvicinandosi al bordo vasca. Prima di farlo però, Stella si tolse scarpe e calzini, non volendo certo sporcare con le impronte delle suole. Rivelò quindi il piede, bello, affusolato e con le unghie al naturale, posando poi le scarpe poco distante dal bordo della piscina.

Posso starti a guardare, vero?

Immagine


Lei si era tolto tutto quasi subito, buttando i vestiti dove capitava e lasciandosi solamente il reggiseno sportivo e le mutandine culotte addosso. Non voleva perdersi lo spettacolo del Bahamut che si spogliava, guardando ogni singolo lembo di pelle scoperta che egli le mostrava. Soffermandosi sempre sulla zona che per lei era la più invitante in assoluto.
Al termine di quello spogliarello, probabilmente per lui sarebbe stato semplice avvertire l'elemento della biondina completamente in subbuglio e carico di adrenalina sessuale. Ma invece che vergognarsene, la Cartwright sembrava piuttosto tranquilla nel mostrarsi in quel modo, avvicinandosi per prima ed entrando poco per volta. L'acqua non era tiepida come se fosse stata aperta al pubblico, ma nemmeno troppo fredda. Meglio andarci cauti, almeno in quello, sedendosi sul bordo della piscina e mettendo a mollo soltanto le gambe per il momento, continuando a sorridere come un ebete al bel ragazzo che si trovava insieme a lei.

Parlami un po' di te...
Adesso che so le cose più importanti, puoi anche raccontarmi tutto il resto.


Nome, se fosse fidanzato e se fosse etero.
Aveva degli standard piuttosto tranquilli la biondina per credere che fossero veramente quelle le cose importanti di una persona che si voleva frequentare.
Ma lei, in un certo senso, non era mai stata troppo esigente. Richiedeva solo determinate caratteristiche, alcune da scoprire anche subito, altre da saggiare quando si fossero trovati in contesti più intimi.
Avatar utente
Stella
Terran Aer
Terran Aer
 
Grado: 9
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 07/02/2017, 23:27

Messaggioda Cyrus » 10/02/2018, 17:29

Tutto di tuo gradimento?

Direi... proprio... di sì...
... Ma se ti abbassassi anche un po' i pantaloni, sarei ancora più contenta!


Allora se lo facessi pure con l'intimo, potrei vedere anche i salti di gioia, giusto?

Sorrise ironico, rispondendo alla biondina schietta e maliziosa più che mai.
Il Vento nel suo Spirito era perennemente in agitazione, manco fosse stato tenuto represso per mesi e mesi.
A dire il vero era proprio così ma di certo lui non poteva minimamente immaginarlo.

Sinceramente preferisco conoscere una ragazza senza troppi trucchi.
E poi la tuta non ti sta affatto male...


Oh beh... Il mio meglio lo dò però in costume da bagno...

Tu mi sai di una da colori sgargianti e fantasie allegre... Ci ho preso?

Il giallo, il verde lime, il fucsia anche, come il celeste o anche l'arancio.
Aveva un corpicino perfettamente adatto ai costumi più succinti e sexy, con una marcia in più di gradimento proprio del Bahamut, ovvero la statura.
Non era una cavallona, alta sì ma quel giusto che lo facesse ugualmente risultare abbastanza più alto rispetto a lei.
Per carità, non che fosse in soggezione di fronte alla ragazze molto slanciate, ma perché non ammettere che quei 10 cm di differenza gli piacessero particolarmente?
In tutto ciò, però, non aveva ancora saputo come ella si chiamasse e quando lo scoprì, dovette fare molta attenzione per non parlare troppo e a sproposito.

Mi conosci?!

Più o meno!

Cioè sei un fan tanto sfegatato di mio fratello da conoscere persino la sua famiglia?
WOW!
Sei l'uomo della mia vita...


La faccia che fece Stella fu impareggiabile e gli fece nascere spontaneo un sorriso divertito davvero sincero.

Ahahah... Beh, diciamo che sicuramente il Quidditch mi piace, ne sono un buon appassionato.
Ma tendenzialmente so molte cose per via del mio lavoro, sono un Preparatore Atletico.
Ultimamente ho svolto la professione allenando militari, ma in precedenza sono stato anche Personal Trainer di squadre di Quidditch e Duellanti agonistici.


Gli sarebbe piaciuto parlare del suo immenso curriculum, della sua capacità riconosciuta e risaputa, ma quelli erano dati appartenenti ad un'altra epoca.

Comunque intendevi dire ex-giocatore dei Gravity Beetles, vero?
Hihihihi, beh sì, sono io in carne ed ossa!


Sì sì, esatto, ex Giocatore!
Beh la somiglianza è molta, senza dubbio...


Stella ed Axell avevano diversi dettagli in comune, dal taglio degli occhi alla capacità espressiva, così come anche la tonalità dei capelli.
A quel punto Cyrus comprese come avesse fatto un solo individuo a metter su una squadra da zero e riportarla in vetta in poco tempo.
Serviva la giusta dose di grinta ma anche di follia e se il Giocatore possedeva anche solo la metà della pazzia della sorella, tutto diveniva più chiaro.

... Che ne diresti di conoscerci un po' sguazzando in piscina?

NUDI?!

... Temo sarebbe fin troppo rischioso, ma ti giuro che apprezzo la proposta a prescindere!

Non voleva farla rimanere male, ma per quanto gli andasse di essere trasgressivo, era fin troppo pericoloso introdursi in una piscina chiusa e per di più senza nulla addosso.
Anche nel caso di una fuga repentina, avere per lo meno l'intimo sarebbe stato fondamentale, ma nuovamente il Bahamut si ritrovò a chiedersi quanto fosse assurda quella ragazza.
Per quanto, molte delle domande passarono in secondo piano non appena furono all'interno e il ragazzo la vide privarsi di scarpe e calzini.

Ehi, wow, lo sai che hai dei piedi splendidi?

Si espresse in quel complimento con un malcelato interesse, osservando bene quelle zona del corpo decisamente di suo gradimento.

Posso starti a guardare, vero?

Non rispose, preferì che la risposta avvenisse tramite gesti e non parole.
Sorrise beffardo, sbuffando, per poi privarsi della maglia restando a petto nudo, al seguito si occupò di privarsi di calze e scarpe.
Ultimo step furono i calzoncini a tre quarti, i quali una volta rimossi mostrarono sotto un paio di slip color grigio scuro.
Essendo uno sportivo, non amava particolarmente i boxer, preferiva di gran lunga avere le gambe del tutto scoperte.
Stella avrebbe potuto notare quindi una leggera peluria sulla zona pettorale ed una un po' più concentrata nella regione inguinale.
Non molta però sulle braccia come anche sulle cosce, iter piuttosto comune tra coloro che si allenavano per svolgere diversi tipi di attività ginniche.
Proprio come il fratello di lei, ad esempio, che per esigenza era costretto a privarsi quasi di tutto, così anche da ammortizzare gli odori troppo forti.

Tira un bel po' d'Aria...

Le finestre erano chiuse e sigillate, quindi a cosa si stava riferendo esattamente il ragazzo? Come se fosse difficile intuirlo.

Direi che si possa entrare...

Attivò subito l'Elemento Acqua e l'Elemento Ghiaccio, così che il freddo accennato della piscina non lo intaccasse minimamente.
Stella decise di starsene inizialmente seduta sul bordo, in tal modo poté ammirare Cyrus che invece si introdusse completamente, facendo qualche bracciata.
L'eco era forte, ma essendo insonorizzata la piscina, non c'era pericolo che qualcuno sentisse.

Parlami un po' di te...
Adesso che so le cose più importanti, puoi anche raccontarmi tutto il resto.


Iniziare col dirle che venisse da un altro tempo non parve l'idea migliore in assoluto.
Certe informazioni richiedevano un legame leggermente più forte di una conoscenza di circa mezz'ora.
Però insomma, poteva dirne diverse di cose, andando sul vario, tanto lei aveva appena detto di essere in parte già soddisfatta.

Dunque...
Ho frequentato Hogwarts, Casata di Dragargenteo.
Adesso ho 28 anni e sono alto 183 cm per 77 kg.
Coabito con un amico, Davis, che per altro va dietro proprio alla tua migliore amica.
A proposito, lei è single? Me lo confermi?


Non sapendo che il biondo l'avesse già puntata e "attaccata", Cyrus decise di fare un po' da informatore, pur non apprezzando troppo quello sporco lavoro.

Di preciso stiamo a Liverpool, ma soltanto per questioni lavorative, difatti io ho origini medio orientali, lui tedesche.

Parlando, il ragazzo intanto si avvicinò di più a Stella, con aria tranquilla e calma, senza apparentemente nessun secondo fine.

Tra le mie qualità più spiccate c'è sicuramente la mia propensione ad apprendere in fretta tutto ciò che voglio imparare.
Mi piace mettermi alla prova ed ho un debole per le sfide, ma cerco di contenere il mio spirito competitivo quanto più possibile...
... Uhm, che altro potrei dire... Fammi pensare... Ah sì...


Con una mossa svelta, L'EsaGildato afferrò per le caviglie la Cartwright e con una bella prova di Forza, cercò di tirarle in avanti per farla finire in acqua.

... Non mi piace fare il bagno da solo!

Spoiler:
Talento Fisico (37) + Bonus Status (3) + d20 (13) = 53
Avatar utente
Cyrus
Mercenario Maestro
Mercenario Maestro
 
Grado: 13
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 01/03/2017, 22:51

Messaggioda Stella » 11/02/2018, 17:32

Era ancora più bello dal vivo. Più Stella guardava Cyrus e più non riusciva a fare a meno di staccargli gli occhi di dosso, sbavando internamente e non solo, osservando tutti i possibili dettagli di lui che le facevano gola. A partire dagli occhi -di un grigio splendente- ai capelli neri, passando per il fisico che era definito ma non pompato come quello del fratello, alla barbetta rude, ai peli sul corpo ed anche alle fossette che si formavano quando sorrideva.
Ne stava venendo conquistata secondo dopo secondo, alimentando la propria eccitazione ed i battiti del cuore, senza nemmeno rendersene conto. Inoltre era una bella sorpresa vedere che il moro non temeva l'esuberanza della bionda, anzi ne prendeva parte scherzando subito insieme a lei, cosa che gli faceva conquistare un sacco di punti a favore.

Allora se lo facessi pure con l'intimo, potrei vedere anche i salti di gioia, giusto?

Le capriole carpiate all'indietro, se sei dotato delle misure giuste...

Sarebbe potuta suonare molto offensiva come frase o persino superficiale lei come persona, ma Stella era fatta così e sapeva che per lei una dotazione che fosse al di sotto dello standard rischiava di non essere per niente soddisfacente. Non poteva permettersi di infatuarsi di qualcuno e poi scoprire in seguito che fosse messo male ai piani bassi.
Mise le mani dietro la schiena, incrociando le dita e sperando che Cyrus non andasse via infastidito. Se non lo avesse fatto, allora questo poteva significare soltanto che avesse un'ottima grandezza di cui andare fiero, dunque anche lei avrebbe potuto tirare un sospiro di sollievo.
Dopo aver azzeccato i suoi gusti in fatto di costumi -insomma, quante altre prove le servivano per capire che fossero fatti per stare insieme?!- si passò alle presentazioni, almeno da parte di Stella che nella foga aveva completamente dimenticato di dirgli come si chiamasse.
Il Bahamut però la sorprese ancora una volta, dimostrando di conoscere perfettamente suo fratello e di riflesso anche lei, sebbene la Cartwright non fosse -ancora- famosa. Questo poteva significare soltanto che il ragazzo fosse un gran tifoso di Quidditch, giusto?

Ahahah... Beh, diciamo che sicuramente il Quidditch mi piace, ne sono un buon appassionato.
Ma tendenzialmente so molte cose per via del mio lavoro, sono un Preparatore Atletico.


DICI SUL SERIO?!!!

Ultimamente ho svolto la professione allenando militari, ma in precedenza sono stato anche Personal Trainer di squadre di Quidditch e Duellanti agonistici.

E ti andrebbe di svolgerla ancora?
Stavo giusto cercando un Preparatore Atletico per una nuova squadra di Quidditch e sembra proprio che tu capiti a proposito!
Per il momento i candidati che si sono presentati non sono stati un granché, ma sono sicurissima che tu invece sarai perfetto, anzi, ti lascio immediatamente il mio biglietto con sopra scritto l'indirizzo dove dovrai presentarti per fare il colloquio.
Sarò io stessa ad esaminarti, ma non preoccuparti, so essere molto professionale e precisa, d'altronde si tratta di un progetto molto molto importante, ma te ne potrò parlare soltanto quando e se verrai assunto.


Adesso il facepalm di Emanuelle era completo. Stella si era lasciata trasportare dall'entusiasmo, al punto tale da dimenticarsi della promessa fatta al fratello di non lasciarsi coinvolgere dai possibili componenti della squadra. Però era anche vero che Axell aveva parlato di squadra, quindi poteva significare i semplici giocatori di Quidditch e non l'intero staff.
Senza considerare le conseguenze dell'impelagarsi con un ragazzo prima di quel famoso colloquio, rischiava di annebbiare il suo giudizio o anche di determinare la rottura con lo stesso. La Cartwright però, esattamente come Axell, possedeva tanta fiducia nel prossimo ed inoltre Cyrus aveva menzionato di essere un Preparatore Atletico da anni, di aver allenato molte persone, per cui già quello era una bella garanzia rispetto agli altri aspiranti con cui aveva avuto a che fare.
Un'esperienza come preparatore anche di militari poteva dare ai loro giocatori quella carica di aggressività in più che sarebbe potuta servire loro.

... Che ne diresti di conoscerci un po' sguazzando in piscina?

L'entusiasmo della biondina fu fin troppo palese ed andò persino oltre a quello ipotizzato dal Bahamut. Per questo motivo il ragazzo fu costretto a sedarla un po', facendole comprendere che fare il bagno nudi sarebbe stato troppo rischioso. Se qualcuno li avesse beccati, avrebbero potuto fuggire con solo l'intimo addosso, mentre completamente nudi risultava molto più complesso.

... Temo sarebbe fin troppo rischioso, ma ti giuro che apprezzo la proposta a prescindere!

Va bene... Tanto fra i due sono io che ci guadagno...

Sorrise birichina, poi entrati all'interno della zona vietata si tolse per prima cosa scarpe e calzini, suscitando immediatamente i commenti e il desiderio del Bahamut verso quella zona del suo corpo.

Ehi, wow, lo sai che hai dei piedi splendidi?

Hihihi sì, lo so, ma se vuoi continuare a guardarli e a ripetermelo non mi lamenterò, giuro!
... E cos'altro ti piace di me?


Fu sempre molto intraprendente, togliendosi il resto degli indumenti e lasciandosi addosso, come richiesto, l'intimo sportivo. Fece un altro giro su sé stessa, poi gli sorrise maliziosa, camminando verso di lui, un po' sudata ma ugualmente tanto arrapante. Aveva uno sguardo da cucciola che sapeva ben imitare quello della ragazza più maliziosa del mondo, una pelle dorata dalle passate abbronzature ed un seno ben proporzionato sul proprio corpo.
Poi fu il turno di Cyrus di farle uno spogliarello, che Stella si godette visibilmente eccitata, guardando il suo bel corpo con tanto, tantissimo apprezzamento.

Quei peli... Quei peli che scendono giù...
Trama se non se li toglie io me lo sposo...


Anche il pacco, risaltato dalla tipologia di intimo utilizzata, lasciava intendere che al caro Bahamut davvero non mancassero i centimetri di troppo, sebbene Stella non potesse -purtroppo- quantificarli.

Tira un bel po' d'Aria...

È colpa mia...
Mi sto eccitando a guardarti...


Alzò persino la mano, colpevole, ma non sentendosi affatto tale e non preoccupandosi di far presente all'altro il suo stato attuale. Anzi, doveva saperlo, così che potesse stare tranquillo di prendere l'iniziativa se avesse voluto. Comunque sia, il Bahamut scelse di immergersi completamente in acqua, mentre la Cartwright preferì aspettare, non sopportando molto le temperature fredde.
Si sedette sul bordo, immergendo giusto le gambe e osservando rapita il moro fare qualche bracciata, mettendo in tensione i muscoli di braccia, spalle, schiena e gambe. Anche solo da quello si intuiva che il ragazzo fosse un ottimo preparatore atletico, ma sul momento non ci badò molto la Cartwright, pensando soltanto a lasciarsi conquistare totalmente da lui e dal suo fascino.

Parlami un po' di te...
Adesso che so le cose più importanti, puoi anche raccontarmi tutto il resto.


Dunque...
Ho frequentato Hogwarts, Casata di Dragargenteo.


Io la Cyprus, ero una Squalobianco.

Adesso ho 28 anni e sono alto 183 cm per 77 kg.

23 anni, alta 171 cm e peso... mmm... 52!

Coabito con un amico, Davis, che per altro va dietro proprio alla tua migliore amica.

Dici Emanuelle?!
Ma è fantastico! Che splendida notizia!


A proposito, lei è single? Me lo confermi?

Più che single, non esce con un ragazzo da mesi e mesi ormai!
... Davis è quel tipo alto, biondo che Ema ha visto una volta quando siete venuti insieme allo Shamrock?
Ah quindi è lo stalker!
Hihihi, sarà felice di avere conferma dei suoi sospetti.
Non ti preoccupare, se mi assicuri che Davis è un bravo ragazzo metterò io una buona parola per lui con Ema.
È ora che esca e frequenti ragazzi nuovi.


Non era sicuro che la Cartwright riuscisse a convincere la Lamarck, ma la sua parola poteva davvero influenzarla nella decisione di dare una chance o meno a questo Davis. Non sapendo ovviamente che il Valefor si era già conquistato quel diritto grazie semplicemente al proprio carisma ed al proprio fascino.

E comunque anche io abito insieme ad Ema!
Ahahahah, pensa quante strane coincidenze!
Siamo a Londra, condividiamo un bilocale mansardato nel quartiere di South Bank.
Voi invece?


Di preciso stiamo a Liverpool, ma soltanto per questioni lavorative, difatti io ho origini medio orientali, lui tedesche.

Davvero?
Come fai di cognome? Sono curiosa!
... In effetti ce l'hai un po' l'aria da principe, tipo Aladdin...


Solamente lei poteva uscirsene con certe frasi e similitudini, ma in fondo nel cuore la Cartwright era pur sempre un po' bambina. Vide avvicinarsi il ragazzo e smise di muovere le gambe, sorridendogli come un'ebete mentre lui proseguiva a parlare ancora un po' di sé.

Tra le mie qualità più spiccate c'è sicuramente la mia propensione ad apprendere in fretta tutto ciò che voglio imparare.

Oh beato te!
Vorrei averla io questa capacità...


Mi piace mettermi alla prova ed ho un debole per le sfide, ma cerco di contenere il mio spirito competitivo quanto più possibile...

Hihihi, ti capisco... Anche se io non mi contengo affatto, ma devono essere le giuste sfide...

... Uhm, che altro potrei dire... Fammi pensare... Ah sì...

... Cosa?
!!!!!
AAAAH-GLUGLUGLU!


Venne presa per le caviglie e strattonata a forza, una forza tale che non riuscì proprio a resisterle. Finì dentro l'acqua fresca, di colpo, rimanendo sotto per qualche secondo prima di riemergere con tutti i capelli davanti. Fortuna che il fratello le aveva insegnato a nuotare fin da quando era piccola, così riuscì a mantenersi perfettamente a galla mentre spostava i capelli indietro, guardando sorpresa il moro.

... Non mi piace fare il bagno da solo!

Potevi dirmelo prima, mi sarei tuffata direttamente fra le tue braccia!

Stella era di sicuro una ragazza che sapeva stare agli scherzi. Rideva, infatti, e mentre rideva iniziò a bagnare il moro con tutta l'acqua presente, cercando di proteggersi a sua volta da un contrattacco.

Sono straconvinta che non mi prenderai mai!

Si mise a nuotare quanto più velocemente possibile, ma soltanto perché voleva dare l'idea all'altro che quella fosse veramente una sfida. In realtà, non appena giunta di nuovo vicino al bordo, si voltò facendosi intrappolare dal Bahamut con la schiena contro il muro, ridendo e al tempo stesso nuotando all'indietro, in maniera che l'altro la seguisse e si stringesse ancora di più contro il suo corpo.

Adesso che mi hai presa... Posso pagare pegno?

Si mordicchiò il labbro inferiore, sorridendo maliziosa, poi fece scivolare una mano intorno al suo collo, l'altra stretta sul petto, in mezzo ai peli bagnati dall'acqua della piscina. Lo spinse con delicatezza verso di sé, avvicinandolo alle proprie labbra ma rimanendo ferma, strusciando con il naso contro la punta del suo.
Era un momento estremamente eccitante per lei, che sentiva la voglia di lasciarsi andare completamente. Il Vento sferzava e richiamava quello del Bahamut, il quale chissà se avrebbe risposto a quel richiamo.

... Ho una voglia matta...

Una frase che Cyrus avrebbe sentito molto spesso detto dalla biondina.

Spostamento in PVT
Avatar utente
Stella
Terran Aer
Terran Aer
 
Grado: 9
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 07/02/2017, 23:27

Messaggioda Cyrus » 09/01/2019, 18:22

19/02/2114
Interno Palestra
Periferia di Hogsmeade
Inghilterra
Ore 14:19


Hai intenzione di allenarti ancora per molto?
È trascorsa pure l'ora di pranzo, forse ti converrebbe interrompere.


Non ho lavoro nel pomeriggio, posso mangiare anche dopo.
... Tu piuttosto, hai qualcosa da sbrigare?
Vai pure se devi, io finisco qualche altra serie e poi andrò a farmi la doccia.


Quella mattina Cyrus appariva un po' più pensieroso del solito e Davis, pur comprendendolo, non ne capiva però il motivo.
Non l'aveva mai visto così sulle sue, ma sempre e perennemente sereno, seppur all'apparenza.
Erano amici, quello sì, ma probabilmente non abbastanza da potersi confidare ogni cosa.
Ad esempio, Davis non sapeva della reale provenienza di Cyrus proprio perché il Bahamut non aveva mai detto nulla.
Quelli erano segreti da custodire probabilmente per sempre.

Sei davvero strano oggi.

Mh?
Ah sì, scusami...


È successo qualcosa?

No, non proprio...
... Oggi è come se cadesse una specie di... Ricorrenza.


Non vuoi parlarne?

Non credo di sentirmela, scusami.

D'accordo, come preferisci...

Fu un saluto silenzioso, quello tra loro, con un cenno del capo a vicenda.
Davis si allontanò con il corpo ancora sudato, sbrigandosi a cercare una delle docce disponibili con il box più grande e comodo.
Quel pomeriggio si sarebbe dovuto informare per qualche missione a disposizione: guadagni interessanti in arrivo, con estrema probabilità.
Intanto, il Sole entrava dalla grande finestra del palazzo, illuminando tutta la sala completa di macchinari della palestra.
Cyrus, terminata l'ennesima serie, si interruppe, bevendo un lungo sorso d'acqua.
Tra una cosa e l'altra era rimasto completamente da solo, visto che ben pochi apprezzavano quell'orario per fare esercizi.
Ogni palestra possedeva i propri ritmi e lì, arrivare tra le 14:00 e le 15:00 significava nella maggior parte dei casi allenarsi in santa pace senza aspettare turni per usare gli attrezzi.

... Che cosa avrai deciso alla fine?

Si ritrovò a fissare un punto vuoto, poco dopo essersi asciugato il sudore con un panno estratto dal borsone accanto a sé.
Di cosa parlava? Di chi parlava? Quella domanda esposta nella propria mente faceva tornare memorie a galla.
Memorie che riguardavano il suo passato o meglio, in tal caso il futuro.
Perché anche se non lo dava poi così tanto a mostrare, Pendragon qualcosa l'aveva lasciata quando aveva deciso di attraversare quel portale.

Immagine

Persone, amici, affetti in generale, ma nessuno che valesse tanto da farlo desistere dal prendere l'occasione di fuga al volo.
Quel futuro era, per lui, un futuro noioso e privo di stimoli, un futuro dal quale scappare per ricercare qualcosa di nuovo ed inaspettato.
Freyja aveva rappresentato una ben più che valida motivazione ulteriore per fare le valigie ed anche se alla fine non era andata bene con lei, era soddisfatto lo stesso.
Aveva le sue frequentazioni, Stella era una ragazza davvero eccezionale e speciale, tuttavia, quanto sarebbe durata ancora?

Queste linee temporali sono differenti, è vero, ma qualche congruenza c'è...
Chissà se tra un po' mi ritroverò mollato per il fratello di Emanuelle...
Almeno me la sarò spassata un po' prima con la madre del futuro campione fra i più ricordati nella storia del Quidditch.


Ecco perché non poteva parlare con nessuno, ecco perché i segreti andavano custoditi, in un modo o nell'altro.
Ovvio, non era sicuro che Stella alla fine si mettesse con Gérôme Philip Lamarck, ma se così fosse stato?
Cyrus era preparato a quell'eventualità fin da quando ci si era messo assieme (più o meno) alla Cartwright.
A parte questo, comunque, non era quello il motivo di quello sguardo serio, bensì il ricordo di una conversazione specifica avuta con una persona poco prima di partire e non tornare più.

CIRCA UN ANNO FA - DATA DEL FUTURO 2199

So bene che è follia, Cyrus, ma non lo so...
Sento che il mio dovere è provare fino all'ultimo...
Anche se alla fine non otterrò nulla...
Anche se alla fine non sarà servito a niente...


Immagine

Hai rischiato già tanto arrivando qui.
Potevi non tornare più nella tua epoca.
È vero che si apriranno altri portali, ma non è sicuro che tu possa arrivare al tuo reale passato prendendone un altro a caso.
Le coordinate magiche del portale che si aprirà tra quattro settimane invece è certo al 100% che ti farà tornare nella giusta linea del tuo tempo.


Sì ma almeno è stato stabilito che quei portali hanno un collegamento magico con gli eventi trascorsi!
Quando sono andata via dal mio tempo, non sapevo dove potessi finire, non erano così avanti con gli studi!
Li stanno distruggendo tutti, Cyrus, uno dopo l'altro, per impedire che qualcun altro fugga in altre epoche.
Questa potrebbe essere l'ultima opportunità per me di salvare mio padre.


Tomoe, i MediMaghi sono riusciti a ripristinare i tuoi ricordi per il rotto della cuffia e neanche completamente.
Se prendessi di nuovo un portale sbagliato e il Custode del Tempo ti ritrovasse, dimenticheresti ogni cosa, incluso il motivo del tuo viaggio.
E a quel punto tua madre aspetterà una figlia invano, una figlia che si sarà dimenticata di lei.


Sì ma tu hai detto che hai con te un escamotage per eludere il potere del Custode del Tempo, no?
Tu partirai con questo trucco per mantenere le tue memorie!
Perché non puoi procurare una cosa del genere anche a me?
Se il problema sono i soldi, ne ho abbastanza per coprire qualsiasi spesa!


Non serviranno chissà quali grandi cifre, ma non è quello il punto.
Tomoe, dammi retta, prendi il portale che si aprirà tra quattro settimane e torna da tua madre, nel tuo passato.
È vero, lo immagino, è straziante la morte di un genitore, soprattutto quando provocata da una malattia.
Ma la cura che hai ottenuto qui è ugualmente un metodo illegale per risolvere il problema.
Salveresti qualcuno con la MediMagia di un epoca futura!


E allora?!
Itsuki Amakura è stato un uomo magnifico, un marito devoto e un combattente insuperabile!
... D'accordo, hai ragione, forse fornirgli la medicina sarebbe troppo, ma potrei per lo meno informarlo di effettuare un trattamento.
La profilassi per la malattia che l'ha ucciso nel suo tempo di gioventù è superflua e sperimentale, ma gli salverebbe la vita più in là, questo me lo concedi?


Io non devo concederti nulla.
Ti ripeto solamente che prendere un portale potrebbe voler dire non riuscire più a tornare indietro.
Hai troppi rischi avanti a te: sbagliare linea temporale, restare bloccata.
Questa volta hai avuto fortuna, ma se non si ripetesse, dovresti dire per sempre addio a tutto ciò che hai lasciato nella tua epoca di provenienza.


Anche tu lo stai facendo e a cuor leggero, mi sembra.

Io sto scegliendo di andarmene perché questa vita non mi soddisfa più.
Il mio è un motivo futile e personale!
... Uff, ma com'è possibile che tua madre abbia permesso una cosa simile?!


Perché lei è rimasta straziata anche più di me dalla morte di papà...
Nel mio tempo ormai, i Kurosawa non hanno più così tanta necessità di protezione.
È un mondo tutto sommato in pace, come questo.


E che mi dici di quel ragazzo che ti piaceva?

Lui... Lui non mi ha mai voluta.
Troppi problemi, troppi traumi, non ha mai voluto nessuno realmente vicino.
Suo padre lo ha demolito anche troppo...


Sei davvero pronta a salvare la vita ad un uomo che potrebbe non essere poi veramente tuo padre e poi rimanere ferma in quell'epoca?

... No, non lo so se sono pronta.
Me lo continuo a chiedere ma non ho una risposta definitiva.
Mamma mi ha detto di seguire il mio istinto, di non avere rimpianti.
Probabilmente crede che io possa in qualche maniera alterare il tempo e ridarle suo marito.
Lei crede in me, è stata pronta a rinunciare a rivedermi, non posso deluderla...


Sono cose fatte o dette di impulso, dettate dal dolore e dalla malinconia.
Lo hai detto sempre di avere un carattere molto simile a quello di tua madre.
In realtà magari adesso le starai mancando da morire e desidera non averti mai dato il permesso di prendere quel portale.


... Anko Minazuki è una donna molto più forte, decisa e caparbia di quanto tu possa pensare.
Sono fiera di essere nata da lei, Cyrus, sono fiera che sia stata lei ad educarmi, lei con mio padre.
Ha preso atto della propria scelta ed è pronta a non rivedermi.
Sono io che devo capire se sono pronta alla stessa identica eventualità...


Tra poco non potrò più consigliarti, partirò domani mattina alle prime luci dell'alba.
Quindi credo a prescindere di doverti salutare adesso perché penso proprio di non rivederti mai più, in un senso o nell'altro.
Le probabilità che tu possa finire nella mia stessa linea temporale sono infinitesimali.


Sei stato un punto di riferimento in tutti questi mesi trascorsi qui e ti ringrazio.
Uno dei maschi più forti che abbia mai conosciuto, per altro, anche se non al livello di mio padre!


Ahahah, continuerai a ripeterlo in eterno!

... Grazie per quello che hai fatto, grazie per l'ospitalità.

Qualora scegliessi di tentare l'impossibile, usa il camino e pronuncia la frase "Lowland Garden".
Lì chiedi in giro di un uomo chiamato Zip e una volta incontrato digli che ti mando io.
Sarà lui a procurarti la gemma dei ricordi così da eludere i poteri del Custode.


Devo ringraziarti anche per questo allora...

Immagine

... E questo cos'era?

Te l'ho detto no?
Un ringraziamento...
E poi volevo togliermi lo sfizio, visto che non ci rivedremo più...


Sorrise appena tra sé, sbuffando con gli occhi addolciti, Cyrus Bahamut.
L'aveva incontrata poco dopo l'apertura dei primi portali random nella sua epoca.
Avendo assistito all'intervento del Custode del Tempo, lo aveva attaccato magicamente scacciandolo via.
In quel modo, le memorie della ragazza erano state intaccate ma non cancellate completamente.
Solo così i MediMaghi, attraverso un lungo processo, erano riusciti a restituirle una buona percentuale dei suoi ricordi.
Una ragazza che si era gettata nel vuoto del tempo e dello spazio solo per la possibilità di salvare la vita a suo padre.
Ma quel rischio era valso a nulla: Tomoe era finita nel futuro anziché nel passato, ipotizzando di aver del tutto fallito.
Poi, l'apertura nei mesi successivi di altri portali qua e là e di conseguenza lo studio di essi aveva portato a nuove informazioni.
Erano risaliti alle coordinate dei portali utilizzati fino ad allora, individuando quali conducessero indietro e quali in altre destinazioni ignote.
Avevano però determinato con una esattezza del 90% quali conducessero indietro e quali avanti, ma senza stabilire la linea temporale.
A Cyrus non era servito scegliere, dovendo prendere lo stesso usato da Freyja e non ancora chiuso.
Pendragon però sapeva dove sarebbe finito, essendo un portale già utilizzato, quindi conosciuto e studiato.
Una bella differenza con Tomoe, intenzionata a prendere un nuovo portale verso il passato ma senza alcuna certezza di provenienza.
Ma quello diretto al suo tempo, alla sua era, era aperto e disponibile: doveva solamente attraversarlo.

Quanto mai poteva essere speciale questo individuo per spingerti ad una impresa simile?

Forse un giorno sarebbe andato ad incontrarlo quel famoso Itsuki Amakura tanto adorato dalla figlia Tomoe.
Giusto per chiedergli un incontro, un combattimento e scoprire quanto potesse essere davvero forte.
Ma non aveva alcuna fretta, non era nei suoi piani immediati, anzi, a dire il vero nulla lo era.
Sperava veramente che la ragazza fosse riuscita, nel caso, ad incontrare il padre del suo passato e a salvargli la vita.
Ma se fosse capitata in un altro tempo, dove magari il padre neanche era destinato ad essere tale, come si sarebbe comportata?
Di fronte a tutte quelle improbabili precisioni e pericoli, Cyrus avrebbe desistito dal prendere un altro portale a caso verso chissà dove.
In ogni caso, se anche fosse riuscita a salvare un Itsuki qualunque, avrebbe restituito in un certo senso la vita al defunto genitore.

In effetti avrei potuto chiederle di che esami si trattassero...
Avrei potuto comunicare anche al suo padre di questa linea temporale come comportarsi.
O forse non è scritto in questo corso che avrà la stessa identica malattia, bah...
... Tanto è inutile pensarci, se capiterà, la Tomoe di questo mondo dovrà farsene una ragione, perché di portali non ce ne sono più.


Si alzò in piedi, mentre nuove persone iniziavano ad entrare nella sala.
Pensando e ricordando aveva fatto passare la bellezza di quarantacinque minuti.
Insomma addio altre serie di allenamenti in santa pace.
Recuperò il borsone e la borraccia, avanzando verso gli spogliatoi quando lo sguardo gli cadde sul ring da boxe.

Allora, te la senti di andare avanti?

Ho dimenticato molto delle mie qualità combattive, Cyrus, devo recuperare in fretta...

Immagine

D'accordo, allora in piedi, mandami K.O. avanti!

I combattimenti con la tua allieva ti sembreranno acqua fresca!


... Ovunque tu sia finita, ti auguro ogni bene.

AUTOTONCLUSIVA
Avatar utente
Cyrus
Mercenario Maestro
Mercenario Maestro
 
Grado: 13
 
Messaggi: 15
Iscritto il: 01/03/2017, 22:51

Data Utente Tipo Dado Risultato  
2014-11-23 22:04:05 Caroline Priscilla d20 7  
2014-09-07 19:00:41 Jorge d20 17  
2014-03-02 18:39:28 Tisifone d20 17  
2013-07-21 17:19:22 Julie d20 17  
2013-07-21 17:18:24 Julie d20 2  
2013-07-20 18:31:31 La Setta d20 11  
Precedente

 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron