1664 punti 1267 punti 1021 punti 1415 punti 1750 punti 1032 punti

Aveiro

Messaggioda Shuyun » 20/10/2015, 18:29

Questa è la mia battaglia, non le chiederei mai di affrontarla al posto mio.
Mi basta avere una pista dal quale partire al resto... ci penserò da sola.


Annuì mesto senza rispondere, tanto l'importante era che lei avesse afferrato il concetto.
Shuyun non le avrebbe fatto da balia ed era anche abbastanza sicuro che lei una balia non la volesse affatto.
Era cresciuta e non solo fisicamente, questo bisognava riconoscerlo.
Probabilmente c'era di mezzo lo zampino di Irina, ma essendo così accennato e non invasivo, lo si poteva anche considerare positivo.

... E comunque, il tuo CapoGilda è un altro, io non c'entro niente con gli Ignis.

Questa è una bugia bella e buona.

L'uomo spostò leggermente lo sguardo su di lei, invitandola a proseguire e spiegare il motivo di quella affermazione.

Forse lei non frequenta la Gilda fisicamente parlando, ma ha il Fulmine dentro e questo implica farne parte a prescindere.
Può aver abbandonato gli Ignis nella teoria, ma nella pratica non si è mai staccato da loro completamente.


Non mi sono mai staccato dal Conflux, è molto diverso.
L'Equilibrio è una filosofia di vita, un pensiero, un'ancora di salvezza per lo spirito.
Ad ogni modo... Non capisco questo tuo desiderio di conversare proprio con me... Mi auguro almeno che tu non abbia fatto parola della mia ubicazione con altri.


Non me lo spiego nemmeno io. Lo sento e basta, quindi seguo il mio istinto.
E' una cosa tanto sbagliata?
Comunque no, non ho detto a nessuno dove trovarla...


Chiedere ad un Ignis se sia sbagliato seguire o meno l'istinto è da considerarsi abbastanza poco saggio, non trovi?
Cerca di non farti condizionare troppo da esso, per il resto, l'impulsività fa parte di noi, è la nostra forza, basta imparare a controllarla.
Gli Acuan usano con dimestichezza l'intelletto, i Terran invece la "via di mezzo", noi siamo l'imprevedibilità e ce ne vantiamo, sempre.


Senza neanche volerlo, stava fornendo delle dritte importanti e delle lezioni a Caroline Priscilla, come un vero CapoGilda.
Peccato che lui però non lo era, non era stato scelto, non era stato considerato abbastanza degno.
Quel pensiero lo sfiorò solo per un secondo, ma decise di scacciarlo via, perché in fondo non era quello che gli faceva più male.

Bene.
Come procedono i tuoi allenamenti con la lama?


Direi... male, anzi malissimo. Non sono ancora riuscita a trovare nessuno che possa insegnarmi ad usare la wakizashi.
Credo che il mio problema sia l'uso che voglio farne: se mi è stata data significa che con essa prima o poi dovrò combattere, ma non credo che nessun maestro di spada sia disposto ad insegnarmi come usare la lama per difendermi e attaccare veramente... Oltre al fatto che io stessa non conosco nessuno in grado di saper utilizzare spade come la wakizashi.
A parte lei.


E' un'arma bianca particolare e difficile da padroneggiare.
In occidente non si insegna, al massimo puoi trovare qualche scuola di kendo.
Dovresti recarti in oriente, in Giappone, lì sicuramente troveresti un insegnante adatto.


Costoso, con estrema probabilità, ma se davvero voleva imparare non avrebbe dovuto badare a spese.
Shuyun però conosceva sia i prezzi e sia la considerazione che avevano gli orientali nei confronti degli occidentali volenterosi di apprendere certe arti.
Restii a spiegare tutto completamente, un po' evasivi e difficilmente capaci di affezionarsi ad un allievo tanto da stabilire con lui un legame tale da fargli non solo imparare ad usare un'arma, ma anche a farla diventare un'estensione del braccio, del corpo, dell'anima.

Preparati però a vedere parecchi sorrisi sarcastici e altezzosi.
Ogni razza ed etnia ha i suoi difetti, lo riconosco senza remore.


La osservò negli occhi ancora una volta, inspirando profondamente. La notte fonda, sempre più fonda, calava inesorabile.
La Luna alta nel cielo illuminava i loro contorni e le stelle facevano da tappetto infinito e cosmico in quella landa governata dal silenzio.

... Te la sentiresti di fare una scappata in Nepal circa tre volte al mese?

Era davvero necessario che sottolineasse il perché di quella domanda?
Il Muramasa voleva sperare che il Sesto Senso della O'Neill fosse abbastanza sviluppato da evitargli certe spiegazioni ovvie.
Avatar utente
Shuyun
Ignis Sagitta
Ignis Sagitta
 
Grado: 13+
 
Messaggi: 91
Iscritto il: 01/09/2014, 21:35

Messaggioda Caroline Priscilla » 21/10/2015, 19:27

Parlare con il Muramasa, era solo quello ciò che voleva la O'Neill: si sentiva stranamente bene e in sintonia con lui, nonostante l'atteggiamento distaccato del Sagitta nei suoi confronti. Qualunque problema avesse con la Gilda - e con l'attuale Capo-Gilda- Cappie però era convinta di una cosa: Shuyun rimaneva, nell'animo, un Ignis fatto e finito nonostante il suo distacco dalla Gilda in sè e per sè. Ed infatti, non appena la ragazza gli fece presente quel suo pensiero, la risposta dell'investigatore non fu altro che una conferma di ciò che già pensava, mentre annuiva silenziosamente.

Non mi sono mai staccato dal Conflux, è molto diverso.
L'Equilibrio è una filosofia di vita, un pensiero, un'ancora di salvezza per lo spirito.


Qualcosa che io faccio ancora fatica a comprendere.

Pensò, ma aveva fiducia nel tempo e nelle sue capacità di adattarsi alle nuove realtà della sua vita, come la Gilda. Sentiva in fondo di non dover faticare troppo per comprendere quel concetto, perchè già sentiva di avere un legame con il Conflux ancora prima di sapere della sua esistenza. Così come sentiva di avere un legame con Heiji, buttandosi in esso seguendo molto il suo istinto e non pensando a dovere sul perchè.
Era forse sbagliato ciò che stava facendo la O'Neill?

Chiedere ad un Ignis se sia sbagliato seguire o meno l'istinto è da considerarsi abbastanza poco saggio, non trovi?
Cerca di non farti condizionare troppo da esso, per il resto, l'impulsività fa parte di noi, è la nostra forza, basta imparare a controllarla.
Gli Acuan usano con dimestichezza l'intelletto, i Terran invece la "via di mezzo", noi siamo l'imprevedibilità e ce ne vantiamo, sempre.


C'era orgoglio nella sua voce, lo stesso orgoglio che spesso sentiva fra i suoi confratelli, i più battaglieri e più impulsivi fra tutte e tre le gilde, forse superati solo dai Terran del Vento. Ma nessuno di loro aveva la capacità di trasmettere quelle stesse emozioni, nessuno tranne Shuyun stesso: era proprio per questo che desiderava così tanto poter conversare con l'orientale.
Lui sapeva guidarla, sapeva essere un Capo-Gilda al pari del vero Sole. Non che L'ignis Elios non fosse in grado di fare il suo "mestiere" ma ovviamente era molto più innavvicinabile del Muramasa che all'interno della Gilda non c'era mai. E Cappie sentiva il bisogno di avere una figura di riferimento, così come aveva un disperato bisogno di trovare un maestro di spada che le insegnasse il corretto utilizzo della sua wakizashi in battaglia.

E' un'arma bianca particolare e difficile da padroneggiare.
In occidente non si insegna, al massimo puoi trovare qualche scuola di kendo.
Dovresti recarti in oriente, in Giappone, lì sicuramente troveresti un insegnante adatto.


Sarebbe già un miracolo...

Preparati però a vedere parecchi sorrisi sarcastici e altezzosi.
Ogni razza ed etnia ha i suoi difetti, lo riconosco senza remore.


Questo significa... che nessuno mi prenderà sul serio?

Chiese con voce acuita da una punta di angoscia. Per lei era importante imparare a combattere, ma avrebbe dovuto trovare qualcuno che avesse fiducia in lei e nelle sue capacità o non sarebbe andata molto avanti. Già, ma non poteva fare una ricerca a tappetto di tutto il Giappone per trovare quella persona: avrebbe fatto prima ad imparare a combattere con i manuali fai-da-te!
Il silenzio di Shuyun la spinse a rimanere lei stessa in silenzio, ricambiando il suo sguardo penetrante con uno interrogativo, quando finalmente l'uomo alzò gli occhi su di lei.

... Te la sentiresti di fare una scappata in Nepal circa tre volte al mese?

In... Nepal?

Ci mise due secondi prima di sgranare gli occhi e aprire la bocca, stupita.

Cioè da lei?
Intende farmi lei da insegnante?
Assolutamente sì!


Prima che Heiji potesse cambiare idea, la O'Neill accettò immediatamente la sua proposta, riuscendo a stento a contenere la felicità nonchè il desiderio di abbracciarlo. Immaginava di non potersi permettere troppe dimostrazioni di affetto, ma il fatto stesso che Shuyun si fosse proposto di farle da insegnante non era la prova che sotto sotto anche lui si sentiva un po' legato a lei?

Mi dia qualsiasi giorno e prometto di esserci, anche alle tre di notte se necessario!
Heiji grazie, davvero, davvero grazie!


Allargò le braccia e poi le fece ricadere sui fianchi, cercando di trattenere l'impulso di stringerlo in un abbraccio, ma non reprimendo invece l'enorme sorriso che le spuntò sul volto. Ascoltò con attenzione le istruzioni che le diede successivamente, spiegandole come e dove trovarlo. Fosse stato per lei avrebbe iniziato già l'indomani con le lezioni, ma sapeva di aver già ottenuto troppo e che non poteva spingersi troppo in là.

Va bene, allora aspetterò che sia lei a contattarmi!

Le avrebbe fatto sapere in seguito quando avrebbero iniziato, chiudendo così la questione. Si era fatto davvero molto tardi e Cappie sapeva che Axell la stava aspettando, probabilmente chiedendosi dove fosse finita la fidanzata. Così, dopo aver salutato il Sagitta e averlo ringraziato ancora per l'ennesima volta, la O'Neill se ne andò, conscia che si sarebbero rivisti molto presto.

[Fine]
Avatar utente
Caroline Priscilla
Ignis Fulmen
Ignis Fulmen
 
Grado: 10
 
Messaggi: 841
Iscritto il: 09/05/2012, 12:59

Data Utente Tipo Dado Risultato  
2015-10-20 19:33:19 Caroline Priscilla d20 3  
2015-09-28 22:26:29 Caroline Priscilla d20 13  
2015-09-28 22:25:37 Caroline Priscilla d20 3  
Precedente

 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron