1664 punti 1267 punti 1021 punti 1415 punti 1750 punti 1032 punti

Tucson

Messaggioda Beatriz » 16/09/2020, 15:27

Esiste il concetto di redenzione, Beatriz.

Era bello poter parlare di nuovo con Tariq. Nei mesi passati, Beatriz aveva sperimentato quanto fosse piacevole stare insieme al suo Maggiore, discorrere con lui, come se fosse una persona in grado di comunicare col prossimo senza problemi. Anzi, stava scoprendo che fosse addirittura meglio rispetto al passato, perché quei vincoli che la tenevano legata al silenzio adesso non c'erano più, permettendole quindi di essere maggiormente sé stessa.
E nell'esserlo, la donna stava scoprendo le proprie debolezze, le proprie paure, i propri pensieri verso un futuro che osservava con la certezza di non essere destinata ad alcun riposo eterno. Yusuf cercava di farle avere una visione diversa da quella pessimistica sempre avuta nei confronti della propria morte. Non conosceva la gravità dei suoi peccati, ma poteva intuirli e nonostante questo sembrava così sicuro che per lei ci fosse ancora una possibilità di salvezza.
Gli occhi scuri della mezza dominicana si spostarono velocemente sul volto del Maggiore, osservandone le rughe intorno agli occhi, quelle vicino alle labbra, quello sguardo serio e virile e ascoltandone la voce, che puntava a rassicurare, a infondere coraggio in un animo privato della sua benedizione eterna. Beatriz gli riconosceva un fascino che l'aveva avvicinata fin dal primo momento che lo aveva visto, quel fascino che adesso la teneva inchiodata lì, seduta sulla spiaggia insieme a lui e poi dritto fra le sue braccia, a ricercare un contatto di lingue, bocche ed umanità.
Fu bello ed importante lasciarsi andare per lei, ma i discorsi non erano ancora finiti fra di loro, perché la propensione alla sincerità da parte della Schtauffen aveva fatto capire all'uomo l'importanza di muoversi per evitare che Beatriz scegliesse infine un compagno diverso da lui.

Io penso di volere qualcosa di specifico e importante da te.

Che cosa intendi?

Chiese, a dire il vero spaesata, mentre il loro camminare si interrompeva su un pontile di legno che affacciava sull'oceano.

Una compagna, una donna con cui pensare e costruire un futuro, anche se immerso nelle difficoltà di due vite pericolose come le nostre.
Ascoltare la tua storia non mi ha spaventato, forse mi ha solo fatto capire quanto tu possa avere bisogno di una persona vicino ad alleggerire il tuo peso.
Credevo fosse un pensiero, un'idea, un progetto, scontati, ma considerando le vicissitudini con Sly, temo proprio di essermi sbagliato.


Non la stava rimproverando, quello no, ma sembrava che l'uomo avesse bisogno di mettere in chiaro qualcosa che per lui era stato ovvio per diverso tempo, mentre per la mezza tedesca si era trattato di altro. Non era colpa di Tariq, nemmeno della stessa Beatriz: per la donna, era difficile pensare di poter intrecciare nuovamente una relazione con un uomo. Le vicende con Marcus l'avevano segnata, certo, ma di base tutta la sua vita l'aveva segnata, spronandola a non fidarsi mai di nessuno e dunque a non ricercare nessuno per costruire una vita insieme.
Quello che Tariq le stava dicendo era e non era al tempo stesso completamente astruso alla Schtauffen. Non aveva mai avuto un vero compagno, anche includendo la sua relazione con Azhad, durata poco e che rassomigliava principalmente ad un rapporto di subordinazione fra uno dei Dodici ed una di grado inferiore. A Marcus piaceva quel tipo di potere e Beatriz glielo aveva lasciato, senza sapere che questo l'avrebbe condotta a sentirsi ferita, facendola sprofondare di nuovo nell'incertezza e nella debolezza.

... Ascolta attentamente le mie parole.
Ciò che tu credi su di lui e sul fatto che te ne parlerebbe se provasse qualcosa, può non essere giusto o valido.
Non perché voglia mentirti, non perché voglia prenderti in giro, ma perché ogni persona ha bisogno dell'attimo giusto.
In certi casi addirittura si arriva a pensare che quell'attimo non debba giungere mai e allora restiamo muti per sempre.


Dunque Yusuf pensava che Sly volesse le stesse identiche cose che voleva lui. Fece quella constatazione in silenzio Beatriz, continuando a fissarlo, catturata da lui e non dalla vista del mare che si perdeva nell'orizzonte. Era difficile assimilare così tanti concetti umani, ma ci stava provando, stava cercando di riuscirci, perché desiderava davvero quella redenzione di cui avevano parlato prima, convinta che per ottenerla il suo cuore avrebbe dovuto riprendere a battere, avrebbe dovuto conoscere nuovamente che cosa fosse la pietà.

Hai detto che per questo individuo provi sentimenti forti, puri, nuovi.
La mia intenzione di volerti accanto rimane, ma ho bisogno di avere vicino una donna che ha ragionato, fatto chiarezza, è sicura di volere proprio me.
Magari le mie sono soltanto paranoie e allora meglio così, ma in caso contrario non voglio ritrovarmi un giorno con una relazione consumata dai dubbi.
... D'accordo?


Desideri chiarezza ed onestà da parte mia... Non posso non darti ragione.
... Io invece non lo so che cosa voglio.


Rispose, allora, questa volta era il suo turno di distogliere lo sguardo, come se quando si trattava di aprire il proprio cuore fosse difficile per lei guardare in faccia l'altro.

Per me è già un grande passo avanti aver trovato ben due persone di cui fidarmi.
Non ho mai potuto coltivare una relazione vera, perché avrebbe significato lasciarmi coinvolgere, fidarmi e questo era impensabile per me e per la mia Maestra.
Adesso sono libera eppure continuo a tenermi ingabbiata, come se mi trovassi ancora in pericolo di vita.
Anche io voglio fare chiarezza... Su di me, prima di tutto.
Poi su Sly e su di... Noi.
Sì, noi...


Ripeté quella parola, a fior di labbra, trovandola così strana da pronunciare, come se fosse in una lingua straniera. Le venne da sorridere, un sorriso che rivolse nei confronti di Tariq, come se trovasse la cosa buffa, ma il volto si girò nuovamente verso l'orizzonte, nascondendo quanto si sentisse impacciata nel parlare in un modo che le sembrava così lontano dal suo solito essere.

Voglio veramente cercare la risposta giusta.
Mi prenderò del tempo, per capire quale sia, così che possa finalmente spazzare via i tuoi dubbi, che sia in senso negativo o positivo.


Questa volta, la Schtauffen si voltò seria verso Tariq, fissandolo dritta negli occhi e porgendogli la mano, consapevole che fosse arrivato il momento di salutarsi. Un gesto molto asettico, poco emotivo, ma certe meccaniche rimanevano sempre e comunque difficoltose per la donna da comprendere ed assimilare, motivo per cui con lei bisognava sempre avere parecchia pazienza o eventualmente provare a cambiarla attraverso gesti altrettanto sorprendenti e forti.

Ci vedremo quando avrò le mie risposte.
Ci incontriamo di nuovo qui, fra qualche settimana?
... Va bene.
Buona giornata... Tariq...


E se l'uomo avesse cercato di stringerle la mano, infine Beatriz avrebbe ceduto al proprio istinto di stringerlo per qualche istante vicino a sé, lasciandosi andare a quel poco di umanità riconquistata anche grazie a Sly.

Fine
Avatar utente
Beatriz
Avanguardia
Avanguardia
 
Grado: 13
 
Messaggi: 112
Iscritto il: 15/10/2014, 15:47

Data Utente Tipo Dado Risultato  
2020-07-19 18:19:55 Beatriz d20 6  
2020-07-19 18:19:46 Beatriz d20 8  
2020-07-19 18:19:38 Beatriz d20 14  
2020-07-19 18:18:59 Beatriz d20 5  
2020-07-19 18:18:55 Beatriz d20 7  
2020-07-19 18:18:52 Beatriz d20 8  
2020-07-19 18:18:43 Beatriz d20 18  
Precedente

 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron