1664 punti 1267 punti 1021 punti 1415 punti 1750 punti 1032 punti

Chicago

Messaggioda Ingwar » 20/01/2021, 19:44

Mi chiamo Ingrid Brouwer, sono la studentessa che si è iscritta per il corso intensivo estivo.
Ho portato qui il modulo di iscrizione, il certificato medimagico e la quota di iscrizione...
... Ma se per lei è un brutto momento, posso ripassare più tardi.


Lo ammise a se stesso, probabilmente un altro motivo per cui cercò di calmarsi alla svelta fu anche l'aspetto della nuova arrivata per il corso.
Quella biondina dall'aria angelica e innocente somigliava per certi versi a sua sorella Céleste, stile di vestiario compreso.
Non ce la fece a mandarla via, a dirle di tornare entro qualche minuto, poteva tornare focalizzato sul proprio dovere, gli serviva solo un bel respiro.

Ah sì... Giusto, entra entra, chiudi la porta...

La voce di Ingwar rendeva giustizia al suo corpo massiccio e possente.
Era di un tono basso, abbastanza roco e mascolino, di quelli che normalmente venivano definiti "virili".
Aveva sempre posseduto quel timbro fin dall'adolescenza, un'adolescenza per nulla inserita nel contesto scolastico, a differenza della bionda Serpeverde.
Gli era mancato il contatto con altri suoi coetanei, così come anche le possibili prime cotte, malintesi tra giovani, realtà normali di tutti i giorni.
Sapere che la ragazzina provenisse da Hogwarts attivò un insolito moto di invidia, seppur latente e blanda.
Chissà che voto avrebbe preso lui in Incantesimi o in Difesa, se analizzato da un docente non privato e quindi meno orientato ad essere troppo severo.
Parlando della studentessa Verde/Argento, la risposta riguardo la seconda materia innescò un'altra domanda, che per il Vogt fu quasi obbligatoria.

Ci sono altri motivi che ti hanno spinta a fare domanda di adesione?
Magari vuoi migliorare la tua autodifesa personale...
... O dimostrare qualcosa a te stessa.


Altri motivi a parte voler migliorare il mio voto in Difesa?

Già...

... C'è una ragazza a scuola che terrorizza tutti...

... Mh!

Si stava già preparando ad archiviare il fascicolo della neo diciassettenne come "Figlia di papà maniaca della perfezione didattica".
Invece, quella frase successive accese un barlume di curiosa speranza nello sguardo di Ingwar, che prese a fissarla più attento.
Forse si stava delineando un'altra spinta più particolare, sufficiente per non bollare quella fanciulla come "Noiosa" o "Scontata".

Sentiamo sentiamo...

È scontrosa, è aggressiva ma è anche la prima della classe in Difesa Contro le Arti Oscure.
Mi sono stancata di vederla sempre trionfare, ad ogni scontro...
Voglio avere la soddisfazione di farle abbassare la cresta, una volta tanto, e spero di riuscirci imparando dal migliore.


Insomma una bulla.
Andiamo d'accordo, digerisco parecchio male i bulli, a prescindere dal sesso!


Quanti ne aveva incontrati in passato intenzionati a prendersi gioco di sua sorella, quanti ne aveva massacrati, di quanti era stato geloso.
Céleste purtroppo ancora al presente faceva tantissima fatica a riconoscere le minacce, i maschi stupidi, inutili, approfittatori o arroganti.
Dava credito a chiunque, come una tenera bambina ancora immersa nel mondo delle favole.
Ingrid cominciava a distaccarsi dall'idea di similitudine con la migliore amica di Scarlet Nygaard, ma ciò non andava di pari passo con l'apparire meno simpatica.
Ingwar notava un'ottima grinta in lei, un'energia che aspettava solo di essere veicolata nel modo giusto, ovvero con allenamenti intensivi ed efficaci.
Ma la Brouwer doveva essere pronta a sudare e ad impegnarsi a fondo, perché non erano previsti sconti di pena o rallentamenti di preferenza.

Le ho consegnato il modulo che andava compilato...
Il certificato medico, che attesta lo mio stato di salute...
E questo è l'anticipo per garantirmi l'iscrizione al suo corso.


Tosta la nanetta.

Sì, sono più che decisa a proseguire... O almeno a provarci.
Se ha pensato che avessi ben poca determinazione per tentare una strada simile, si sbaglia di grosso.
Ma glielo dimostrerò anche a fatti, signor Vogt.


Certo, era ancora tutto da vedere, potevano anche essere solamente tante belle parole prive di fondamento.
Il ragazzone conosceva i propri metodi, conosceva il lavoro da svolgere perché lo aveva ideato lui personalmente, mentre lei assolutamente no.
Però sentiva di volerle dare un buon beneficio del dubbio, più che altro perché non tutti si presentavano lì con tutta quella forza di volontà.
E poi c'era da credere che la persona tanto indigesta alla Brouwer sapesse fungere da valido motivo per rialzarsi anche dopo un brusco volo a terra.
Ingwar ricevette quindi la quota di iscrizione con il modulo e il certificato, inserendoli dentro uno schedario ordinato.
Ogni bicipite sembrava quasi sul punto di scoppiare ogni volta che piegava il braccio per quanto era gonfio e voluminoso.
Sembrava aver rinforzato tutti i gruppi muscolari senza escluderne manco uno, ma era un requisito necessario quando si arrivava tanto in alto come lui.

Quando si inizia?

... Domattina, dalle 09:00 fino alle 12:30.
Questo per il Lunedì, Mercoledì e Venerdì.
Martedì e Giovedì invece il corso si svolge il pomeriggio, dalle 15:00 fino alle 19:30.
Il Sabato e la Domenica ogni partecipante può passare in palestra tra le 10:00 e le 11:30 per chiedere consigli o giudizi personalizzati.
Dovrai indossare ovviamente una tuta da ginnastica con annesse scarpe, evitando anelli, collane, bracciali o orecchini.
Eccezionalmente poi, domani a partire dalle 13:00 fino alle 15:00 sarà presente anche un nutrizionista sportivo della F.I.D.A. incaricato di assegnarvi una specifica dieta.


Federazione Internazionale Duelli Arcani.
Da certe accortezze si comprendeva quanto quel corso fosse assolutamente affidabile, preciso e rivolto al reale miglioramento dei suoi partecipanti.
Ingrid doveva dunque prepararsi a seguire una alimentazione controllata e bilanciata, senza sgarrare o concedersi libertà nei pasti principali e non.

Mettiti sotto, impugna la bacchetta come se ce l'avessi incollata alla mano e ti garantisco che quella bulla avrà parecchio filo da torcere al tuo rientro.
Imparerai a snellire i riflessi, sarai istruita sulle tecniche e le strategie di duello più efficaci e adatte ad ogni situazione di scontro magico.
Porrò voi tutti in diverse condizioni di difficoltà o handicap e col passare dei giorni vi renderete conto dei vostri passi avanti.
Tre settimane non sono moltissime, questo è sicuro, ma abbastanza per lasciarvi una adeguata impostazione da seguire poi nel prossimo futuro.
Il Duello è uno sport che richiede tattica costante ed in continua evoluzione anche in base al Mago o alla Strega che ne sono protagonisti.
Devi sapere infatti che di solito un Duellante ha una sua rosa di incantesimi che sfrutta maggiormente rispetto ad altri e che considera i suoi preferiti.
Questa scelta lo aiuta nello sviluppare un approccio combattivo esclusivo ma allo stesso tempo inquadrato.
Per questo motivo vorrei che entro domani tu pensassi a tre magie offensive che vorresti rendere il tuo "Tris delle Meraviglie".
Bada bene, non parlo di fatture o incanti che innescano effetti secondari, ma solo puro e semplice danno diretto all'avversario, intesi?


Ingrid poteva valutare gli Schiantesimi, così come le magie legate agli Elementi, tanto per fare qualche esempio.

In merito invece alle magie di difesa non servirà nessuna scelta.
Essendo via via sempre più complesse ma efficaci al massimo stabiliremo durante il corso quale sia quella più nelle vostre corde.
C'è però un piccolo extra che riguarda colui, o colei, che decreterò come migliore allievo alla fine delle tre settimane.
Ho sviluppato un mio incantesimo personale di attacco, uno di difesa ed un altro che potrebbe rappresentare una di mezzo fra gli altri due.
Sono stato lontano dallo sport per circa un anno così da svilupparli e renderli davvero speciali...
... Ebbene, chi sarà giudicato il top del corso avrà la possibilità di farsi insegnare uno di questi tre incantesimi in forma lievemente ridotta.
Ti consiglio di iniziare a riflettere bene su quale tu voglia, perché in nessun caso amplierò il numero di magie premio!


Un vero e proprio onore apprendere un incanto speciale ed esclusivo, una sorpresa, perché non c'era sicuramente scritto tra le info del corso.
Ingwar non svolgeva percorsi formativi intensivi di quel genere propriamente ogni mese, capitava di rado e giusto per arrotondare in vista di importanti spese.
Stava ipotizzando da mesi un ampliamento della palestra e l'acquisto di nuove attrezzature di allenamento, ergo qualche Galeone in più non avrebbe fatto schifo.
Per questo poi inseriva dei bonus così succosi ed ambiti, semplice strategia pubblicitaria.
Una volta sparsa la voce, al corso successivo il numero di partecipanti sarebbe stato più alto con conseguenti guadagni ancor più elevati.

Ci vediamo domani Ingrid e preparati ad un inizio sconcertante...

Palestra per Duellanti "Masters of Magic"
Il Giorno Seguente
Ore 09:05


Ogni luce della palestra era spenta e sembrava non ci fosse nessuno al suo interno.
L'orario era giusto, per altro le porte di ingresso aperte, quindi forse il Vogt, il coach, si era allontanato per qualche motivo improvviso ed imprevisto.
Non appena tutti i partecipanti al corso (quindici, Ingrid compresa), furono presenti, alcuni riflettori si accesero dall'alto, puntando su uno dei ring da duello.
Sopra di esso se ne stava in piedi Ingwar che imbracciava una chitarra elettrica, con a destra e sinistra altre persone, ognuna in possesso di uno strumento musicale.
Ogni vetro era stato oscurato magicamente affinché i raggi del sole non potessero penetrare e, di conseguenza, si creasse quell'effetto luce/buio.
I vari iscritti sgranarono gli occhi, rimanendo perplessi, ma d'altronde il ragazzone lo aveva detto che sarebbe stato un inizio sconcertante.
Così, il gigantesco duellante in calzoncini e canottiera attillata neri, salutò la classe che entro una ventina di giorni avrebbe vantato dei nuovi, abili, combattenti magici.



Well, you can tell by the way I use my wand
Beh, puoi dire dal modo in cui uso la mia bacchetta

I'm a Duelist, no time to talk
Che sono un Duellante, non ho tempo per parlare

Music loud and shoulders warm
Musica alta e le spalle si scaldano

I've been kicked around since I was born
Sono stato preso in giro da quando sono nato

But now it's all right, that's okay
Ma ora va tutto bene, è ok

You may look the other way
Puoi guardare dall'altra parte

We can try to understand
Possiamo provare a capire

The battlefield effect on man
Gli effetti del campo di sfida sugli uomini

Whether you're a striker or whether you're a defender
Che tu sia un attaccante o tu sia un difensore

You're stayin' alive, stayin' alive
Stai rimanendo vivo, rimanendo vivo

Feel the ring breakin' and everybody shakin'
Senti il ring rompersi e tutti scuotersi

I'm a-stayin' alive, stayin' alive
Sto rimanendo vivo, rimanendo vivo

Ah, ah, ah, ah, stayin' alive, stayin' alive
Ah, ah, ah, ah, rimanendo vivo, rimanendo vivo

Ah, ah, ah, ah, stayin' ali-i-i-i-ive
Ah, ah, ah, ah, rimanendo vivo

Oh, when you walk
Oh, quando cammini

Well, now I get low and I get high
Beh, ora scendo e salgo

And if I can't get either, I really try
E se non posso avere entrambi, ci provo davvero

Got the wings of heaven on my shoes
Ho le ali del paradiso nelle mie scarpe

I'm a Duel Man, and I just can't lose
Sono un Duellante, e semplicemente non posso perdere

You know, it's all right, it's okay
Sai, è tutto apposto, è ok

I'll live to see another day
Vivrò per vedere un altro giorno

We can try to understand
Possiamo provare a capire

The battlefield effect on man
Gli effetti del campo di sfida sugli uomini

Whether you're a striker or whether you're a defender
Che tu sia un attaccante o tu sia un difensore

You're stayin' alive, stayin' alive
Stai rimanendo vivo, rimanendo vivo

Feel the ring breakin' and everybody shakin'
Senti il ring rompersi e tutti scuotersi

I'm a-stayin' alive, stayin' alive
Sto rimanendo vivo, rimanendo vivo

Ah, ah, ah, ah, stayin' alive, stayin' alive
Ah, ah, ah, ah, rimanendo vivo, rimanendo vivo

Ah, ah, ah, ah, stayin' ali-i-i-i-ive
Ah, ah, ah, ah, rimanendo vivo

Life goin' nowhere, somebody help me
La vita non va da nessuna parte, qualcuno mi aiuti

Somebody help me, yeah
Qualcuno mi aiuti, yeah

Life goin' nowhere, somebody help me, yeah
La vita non va da nessuna parte, qualcuno mi aiuti

I'm stayin' ali-i-i-i-ive
Sto rimanendo vivo


Proprio in concomitanza dell'ultima nota che chiuse la canzone di benvenuto i vetri lasciarono passare finalmente i raggi solari.
Ingwar ringraziò i ragazzi che gli avevano permesso di rendere perfetta quella esibizione, i quali scendendo dal ring diedero un "In bocca al Drago" generale.
Sembrava proprio che le lezioni stessero per cominciare, difatti il Vogt invitò tutti a fare qualche passo avanti e mettersi in fila orizzontale.

Chiunque vi abbia sfidato in passato al termine di questa avventura comune non potrà riconoscervi.
Come voi vi impegnate a dare tutti voi stessi io vi assicuro che mi impegnerò allo stesso modo come allenatore.
Spero che la mia accoglienza sia stata gradita ed abbiate recepito il messaggio.
Ora voglio che ognuno, a turno, faccia un passo avanti, presentandosi agli altri e parlando a voce alta, scandendo bene le parole.
Da oggi siete un team, una squadra che deve favorirsi a vicenda nel miglioramento, perciò tutti dovete sapere le motivazioni e le aspirazioni altrui.
Infine, dopo la presentazione, nominerete le tre magie che avete scelto come vostra futura firma da duello...
... Partiamo da destra.


Considerando l'ordine della fila, Ingrid si trovava proprio al centro, era la settima.
Avatar utente
Ingwar
Turbine Elettrico
Turbine Elettrico
 
Grado: 10+
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 18/08/2019, 12:04

Messaggioda Ingrid » 26/01/2021, 23:45

Insomma una bulla.
Andiamo d'accordo, digerisco parecchio male i bulli, a prescindere dal sesso!


Non era tecnicamente una bulla.
Ingrid aveva descritto Buffy per come lei voleva che apparisse, ovvero una ragazza prepotente, che si divertiva a dare fastidio al prossimo. Forse dire che tutti ne erano terrorizzati era un po' esagerato, ma il sorriso d'angelo e l'occhiata innocente della Prefetta Serpeverde era difficile da interpretare come menzognera. Certo era che la Halliwell non stava simpatica a nessuno, era riuscita persino ad inimicarsi buona parte dei suoi stessi compagni di Casata. E dire che non ci si era nemmeno dovuta mettere di impegno lei stessa, lo aveva fatto spontaneamente, senza che Ingrid dovesse sporcarsi per forza le mani.
Tutti la evitavano, conoscendo il suo carattere bellicoso e capace di picchiare duro e fare male, ma tutti, al tempo stesso, la prendevano anche in giro. Qualche gruppo di scherzi era organizzato dalla stessa Brouwer, qualcuno invece si creava spontaneamente, ma il risultato era sempre lo stesso, fare arrabbiare la Halliwell e spingerla a compiere qualcosa di veramente sciocco e stupido che le avrebbe valso l'ennesima punizione o -magari- direttamente l'espulsione.
Insomma, se Ingwar avesse saputo la verità, forse non avrebbe aiutato Ingrid a raggiungere il suo scopo di mandare all'aria Buffy. La rivalità fra di loro era iniziata quasi già dai primi anni, resa ancora più acerba dall'avvicinarsi dei genitori. Ma se per Ingrid non c'era alcun problema ad accettare la madre della Halliwell, lo stesso non si poteva dire per la Grifondoro vittima dei piani malevoli della Sempreverde.

Sì, sono più che decisa a proseguire... O almeno a provarci.
Se ha pensato che avessi ben poca determinazione per tentare una strada simile, si sbaglia di grosso.
Ma glielo dimostrerò anche a fatti, signor Vogt.
Quando si inizia?


Appariva determinata come poche, non la solita figlia di papà viziata che piangeva per un nonnulla. Ingrid poteva ingannare con il suo spetto tenero e dolce, ma possedeva un carattere abbastanza forte da spingerla a dare il meglio di sé quando qualcosa le interessava e premeva. E da buona Serpeverde, quello che le premeva era annientare un avversario molto fastidioso ma soprattutto un avversario che si era reso forte in una materia dove lei, invece, faceva davvero molta fatica ad eccellere.

... Domattina, dalle 09:00 fino alle 12:30.
Questo per il Lunedì, Mercoledì e Venerdì.
Martedì e Giovedì invece il corso si svolge il pomeriggio, dalle 15:00 fino alle 19:30.
Il Sabato e la Domenica ogni partecipante può passare in palestra tra le 10:00 e le 11:30 per chiedere consigli o giudizi personalizzati.
Dovrai indossare ovviamente una tuta da ginnastica con annesse scarpe, evitando anelli, collane, bracciali o orecchini.
Eccezionalmente poi, domani a partire dalle 13:00 fino alle 15:00 sarà presente anche un nutrizionista sportivo della F.I.D.A. incaricato di assegnarvi una specifica dieta


Prese dalla borsa la sua Penna PrendiAppunti, lasciandola scrivere su un foglio di pergamena tutto quello che Ingwar le stava dicendo. Aveva tutta l'intenzione di sfruttare ogni singolo momento libero per allenarsi e diventare più brava ed apprezzava che nella palestra del campione assoluto di Duello egli mettesse a disposizione addirittura nutrizionisti sportivi qualificati affinché ognuno seguisse una dieta adatta al tipo di esercizio fisico che sarebbero andati a svolgere.
Insomma, i soldi di papà erano stati spesi bene e la figlia, più che soddisfatta, non vedeva l'ora di cominciare, prendendo molto sul serio la propria sfida personale nei confronti della Halliwell.

Mettiti sotto, impugna la bacchetta come se ce l'avessi incollata alla mano e ti garantisco che quella bulla avrà parecchio filo da torcere al tuo rientro.

Oooh, ci puoi scommettere...

Imparerai a snellire i riflessi, sarai istruita sulle tecniche e le strategie di duello più efficaci e adatte ad ogni situazione di scontro magico.
Porrò voi tutti in diverse condizioni di difficoltà o handicap e col passare dei giorni vi renderete conto dei vostri passi avanti.


Si vede che è un professionista... E che professionista!
Oh sì, brucia di invidia Halliwell, presto sarai tu quella che finirà col culo in aria...


Tre settimane non sono moltissime, questo è sicuro, ma abbastanza per lasciarvi una adeguata impostazione da seguire poi nel prossimo futuro.
Il Duello è uno sport che richiede tattica costante ed in continua evoluzione anche in base al Mago o alla Strega che ne sono protagonisti.
Devi sapere infatti che di solito un Duellante ha una sua rosa di incantesimi che sfrutta maggiormente rispetto ad altri e che considera i suoi preferiti.
Questa scelta lo aiuta nello sviluppare un approccio combattivo esclusivo ma allo stesso tempo inquadrato.
Per questo motivo vorrei che entro domani tu pensassi a tre magie offensive che vorresti rendere il tuo "Tris delle Meraviglie".
Bada bene, non parlo di fatture o incanti che innescano effetti secondari, ma solo puro e semplice danno diretto all'avversario, intesi?


Tutto chiaro...
Mentre invece per le magie di difesa?


In merito invece alle magie di difesa non servirà nessuna scelta.
Essendo via via sempre più complesse ma efficaci al massimo stabiliremo durante il corso quale sia quella più nelle vostre corde.
C'è però un piccolo extra che riguarda colui, o colei, che decreterò come migliore allievo alla fine delle tre settimane.


La faccenda si fa interessante...

Ho sviluppato un mio incantesimo personale di attacco, uno di difesa ed un altro che potrebbe rappresentare una di mezzo fra gli altri due.
Sono stato lontano dallo sport per circa un anno così da svilupparli e renderli davvero speciali...
... Ebbene, chi sarà giudicato il top del corso avrà la possibilità di farsi insegnare uno di questi tre incantesimi in forma lievemente ridotta.
Ti consiglio di iniziare a riflettere bene su quale tu voglia, perché in nessun caso amplierò il numero di magie premio!


Una sfida ulteriore all'interno di un'altra sfida, personale, per la Brouwer. Non era stata smistata a Dragargenteo, ma Ingrid possedeva quell'ambizione e quell'ingordigia tipica della Casata Verde Argento, che la spingeva a mettersi in gioco, non per amore delle sfide, ma perché i premi finali erano davvero succosi. Desiderava essere la prima del corso, sia per ottenere il preziosissimo incantesimo sviluppato da Ingwar Vogt, sia per potersi vantare a scuola di essere stata designata come tale in un corso dove partecipavano anche duellanti più grandi e probabilmente più esperti di lei.
Sorrise, né intimorita, né sognante e neppure arrendevole di fronte alla prospettiva di dover battere altri candidati, possibilmente tutti più grandi di lei. Lei vedeva soltanto la possibilità di quel premio, il modo in cui lo avrebbe ottenuto era ininfluente, ininfluente almeno adesso, perché sapeva che sicuramente si sarebbe dovuta mettere sotto per dimostrarsi la migliore. Doveva capire chi erano i suoi compagni di corso e quanto potessero costituire un ostacolo fra lei e la meta finale, per il momento quindi non restava semplicemente che salutare il suo nuovo insegnante, il quale le promise che il giorno successivo ci sarebbe stato un inizio davvero sconcertante.

Il Giorno Seguente


Immagine


Era stato davvero difficile riuscire a prendere sonno quella notte. L'eccitazione per quanto stava vivendo era alle stelle e questo aveva impedito per molto tempo, ad Ingrid, di riuscire a chiudere gli occhi. Non era un problema, aveva portato con sé alcuni libri e pergamene, per completare i compiti estivi anche durante il suo soggiorno in America. Poi c'era la scelta di tre incantesimi da sfruttare come suoi personali, motivo che la spinse a ripassare i diversi incantesimi degli anni precedenti, così da rinfrescare la memoria.
Tutte occupazioni che le avevano permesso di scaricare un po' di adrenalina, quel tanto che bastava per permetterle poi di chiudere occhio in maniera serena e tranquilla. Si era svegliata presto comunque, quella mattina, aveva fatto colazione ed aveva approfittato della presenza di un MagiFax per mandare una lettera alla cugina Lyra e chiederle il favore di reperire per lei l'indirizzo di Kenneth Laars. Sperava tanto che la Bennet non fosse troppo occupata, ma era assai difficile che la donna non le rispondesse per giorni, cercando sempre di avere premura nel mantenere un bel rapporto con la cuginetta più piccola.
Aveva approfittato dell'anticipo sull'orario per fare un piccolo giro pre-riscaldamento nei dintorni, dirigendosi poi verso la palestra dopo aver preso il borsone con cambio, asciugamani, bagnoschiuma e shampoo. Si sentiva bene, si sentiva in forma e si sentiva pronta per iniziare, stiracchiandosi un attimo la schiena sotto il sole, poco prima di incontrare i suoi futuri "avversari".
C'era aria di grande aspettativa, un sentimento condiviso anche dalla Serpina, che si mise in fila insieme agli altri poco prima di entrare, sorridendo a tutti e presentandosi quando c'era occasione. Non era asociale, affatto, al contrario sapeva socializzare bene e catturare l'attenzione del prossimo. Qualche ragazzo niente male l'aveva persino già adocchiata, mentre lei aveva risposto a quelle occhiate con un sorriso maliziosetto e furbo, per poi rivolgere la sua attenzione verso la porta aperta da uno dei nuovi arrivati, dalla quale era possibile vedere il... Buio.
Sì, proprio così, era tutto buio all'interno, nemmeno una luce accesa, cosa che stranì l'intero gruppo. Non c'era comunque altro da fare se non entrare e quando infine tutti furono all'interno, una luce da sopra illuminò uno dei ring come se fosse una specie di palco improvvisato, dove erano presenti una band e lui, il Vogt, il frontman della band, pronto a deliziare le loro orecchie con della musica... Fuori dal comune.



Di sicuro sa mantenere le sue promesse...
Questo sì che è sconcertante...


Per i primi secondi, la Brouwer guardò il ring improvvisato a palco con uno sguardo dubbioso, come dubbia era l'intenzione di Ingwar nei confronti dei suoi nuovi allievi. Non sapeva se definirlo un esibizionista o una persona eccentrica o forse era meglio definirlo in entrambi i modi e basta. Di certo la sua musica -pur non essendo fra i generi preferiti della ragazzina- era però orecchiabile e da buona intenditrice, la Serpina si rese conto della bravura sia musicale che vocale del suo nuovo personalissimo Coach.
Non le importava che fosse capace anche di cantare e suonare uno strumento, ma questo glielo rese comunque più simpatico, vista la vicinanza con il mondo musicale che anche lei prediligeva. Di colpo, senza rendersene conto, Ingrid stava ridendo, insieme a qualcun'altro del gruppo, più coinvolto sia dal tipo di musica che dall'esibizione del Vogt. Era difficile comunque non lasciarsi coinvolgere da quello che doveva essere un inno di incoraggiamento e che Ingrid prese come tale, imitando ciò che facevano gli altri, alzando le mani in aria e muovendo la testa a ritmo di musica.
Non era una di quelle che veniva definita, gentilmente, "con la scopa infilata su per il culo" e soprattutto quando si trovava al di fuori dell'ambiente scolastico le veniva persino più semplice lasciarsi andare. Applaudì alla fine dell'esibizione, azzardandosi anche a complimentarsi con un "Bravo!" in mezzo al casino generale.
Terminato di cantare, Ingwar si rivolse a loro, uno ad uno, guardandoli e riprendendo a parlare con quello sguardo perennemente incazzato, perennemente arrabbiato.

Chiunque vi abbia sfidato in passato al termine di questa avventura comune non potrà riconoscervi.
Come voi vi impegnate a dare tutti voi stessi io vi assicuro che mi impegnerò allo stesso modo come allenatore.
Spero che la mia accoglienza sia stata gradita ed abbiate recepito il messaggio.
Ora voglio che ognuno, a turno, faccia un passo avanti, presentandosi agli altri e parlando a voce alta, scandendo bene le parole.
Da oggi siete un team, una squadra che deve favorirsi a vicenda nel miglioramento, perciò tutti dovete sapere le motivazioni e le aspirazioni altrui.
Infine, dopo la presentazione, nominerete le tre magie che avete scelto come vostra futura firma da duello...
... Partiamo da destra.


Strategia avvincente e utile allo scopo, ma se qualcuno invece non desiderava migliorare il prossimo, bensì migliorare sé stesso al di sopra degli altri? Fu un pensiero che Ingrid ebbe, in quel preciso momento, facendo venire fuori quel suo carattere un po' arrivista e da prima della classe. Tuttavia lì non si trovava su un terreno uguale alla scuola, bensì in una classe dove esistevano persone fisicamente più prestanti di lei. Magari non tutti volevano solo migliorare e basta, magari qualcuno voleva raggiungere un gradino più alto nella scala delle eccellenze.
Da qualunque punto la guardasse, la Brouwer non vedeva soluzione se non fare esattamente come aveva detto Ingwar, provare a lavorare in un team non come leader -cosa che era solita fare- ma seguendo forse qualcuno più capace. Certo, se poi si fosse dimostrata lei quella più capace, allora non c'era da preoccuparsi più di nulla.
Aveva sentito ben sei persone prima di lei e adesso toccava a lei presentarsi, dire perché si trovasse lì e quali incantesimi avesse scelto. Era la più piccola in mezzo a quel gruppo, una neo diciassettenne che aveva nello sguardo il desiderio bruciante di sconfiggere un'avversaria e di far mutare idea ad un professore troppo testardo per rendersi conto del suo vero valore.

Mi chiamo Ingrid Brouwer, sono iscritta al settimo anno di Hogwarts.
Ho scelto di frequentare questo corso per migliorare i miei voti in Difesa e per affrontare una ragazza del mio stesso anno che bullizza l'intera scuola.
Voglio darle una sonora lezione e spero di dargliela con uno di questi tre incantesimi, che ho scelto pensando proprio a lei.
Farfallus Detonix...


Farfallus Detonix

Difficoltà: 4
Tipo: Incantesimo di Evocazione
Descrizione: Genera un vasto stormo di farfalle che esplodono gravemente a contatto con l'avversario
Genere: Offensivo
Danno: 9


... Stupeficium...

Stupeficium

Difficoltà: 5
Tipo: Schiantesimo
Descrizione: Lancia il bersaglio designato ad alcuni metri di distanza. Ai livelli magici più alti può anche farlo svenire
Genere: Offensivo
Danno: 13


... E Glacius!

Glacius

Difficoltà: 6
Tipo: Incantesimo di Evocazione
Descrizione: Emana un sfera gelida che si abbatte sul nemico in grado di congelare cose, animali e/o persone
Genere: Offensivo
Danno: 12
Effetto: -2 a Resistenza Magica per due round successivi


Grazie a tutti per avermi ascoltata e... Speriamo di farcela!

Incrociò le dita, ritornando poi al suo posto, allegra e frizzante, ascoltando le motivazioni degli altri. Uno sguardo più intenso nei confronti del Vogt, un occhiolino complice ed infine il sorriso di chi si sentiva la coscienza apposto pur avendo appena sparato una grossa bugia su una persona non del tutto colpevole come lei la dipingeva.
Avatar utente
Ingrid
Prefetto Serpeverde
Prefetto Serpeverde
 
Anno: 6
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 13/11/2019, 0:23

Messaggioda Ingwar » 27/01/2021, 21:17

I° GIORNO

Dunque vediamo... 157 centimetri... Per... Quarantasei chili... Ok!

Per un trattamento completo, esclusivo e preciso, la palestra di Ingwar chiamava sia un MagiDottore Nutrizionista uomo, sia una donna.
In questa maniera ogni visita poteva essere affrontata senza alcun problema di pudore o imbarazzo, visto che al duellante veniva richiesto di essere in intimo.
La MagiDottoressa in questione, una volta esaminate le proporzioni della Brouwer, le fece giusto qualche test precauzionale a livello di riflessi, respirazione e vista.
Stava già tutto appuntato sul certificato medimagico, ma per Ingwar la prudenza non era mai troppa, ergo le sue erano disposizioni indiscutibili.
Una volta fatta rivestire, la nutrizionista quindi si mise seduta facendo accomodare Ingrid di fronte a sé, iniziando a segnare appunti su un blocco note.

Ci sono cibi che proprio non riesci a mandare giù, cara?
... D'accordo, mentre per quanto riguarda invece intolleranze o allergie?
Benissimo... Soffri per caso di reflusso gastro-esofageo, iper acidità, sindrome del colon irritabile?
Dunque... Ultime due domande: la tua attività intestinale, regolare, frequente, lenta... O molto lenta?
Quanta acqua bevi durante la giornata?


La MagiDottoressa era estremamente accomodante, professionale ma anche gentile, insomma una figura positiva.
Ascoltò ogni risposta annuendo e appuntando ogni particolare tra le note, ragionando nel frattempo su quale alimentazione conferire alla biondina.
Fondamentale poi fu il consiglio riguardo un integratore proteico da assumere giornalmente attraverso una bevanda la mattina ed una barretta al pomeriggio.
Grazie ad esso, i muscoli della ragazzina non si sarebbero affaticati troppo, garantendole energia sufficiente ad affrontare ogni giornata di allenamento.
Ella avrebbe potuto scegliere liberamente per la bevanda tra il gusto vaniglia, il gusto cacao e il gusto cocco.

Ecco qui, questa è la dieta che dovrai seguire a partire da domani.
Come vedi è suddivisa per le tre settimane ed ogni settimana diminuirai di poco l'importo calorico totale.
Ti prego di non variare alcun dosaggio. Per quanto all'inizio potrà sembrare tanto cibo, in realtà il tuo corpo lo brucerà in fretta con l'attività fisica.
Inoltre dovrai sforzarti di bere almeno tre litri e mezzo di acqua al giorno, il mio consiglio è di suddividerli in sette bottigliette da mezzo litro da finire entro la giornata.
Hai qualche altra domanda?


Sostanzialmente la salute della giovane Serpeverde era di ferro, quindi altri particolari accorgimenti da dare non ce ne furono.
La MagiDottoressa salutò con un sorriso solare l'allieva del Vogt, chiedendole il favore di far entrare la prossima paziente.
Una volta fuori, la Brouwer poté ricontrollare con attenzione ogni giornata suddivisa in pasti e micro pasti, le così dette merende.
Proprio nello stesso momento, in lontananza, la nemesi di Buffy poté sentire la voce del suo coach piuttosto agitata mentre parlava al MagiFonino.
Non stava molto bene restare lì a godersi una conversazione altrui, ma non era detto che lei dovesse per forza fare la ragazza per bene.

Seriamente?
Un impegno del genere vi impedisce di mandarla qui per neanche tre giorni?
Ha tutta l'Estate per conoscere dei damerini idioti interessati solo al suo conto alla Gringott, potreste lasciarle tre c***o di giorni per stare con me!
Non sto chiedendo molto e lo sapete anche voi!
Lei ha voglia di vedermi, l'ultima volta è stato per il suo compleanno, a Marzo per la miseria, quasi cinque mesi fa, cinque!


Tuttavia quella comunicazione non ebbe una così lunga durata, dopo alcuni altri scambi di battute nervose evidentemente ad Ingwar chiusero la telefonata di colpo.
Il ragazzone, rimasto nel completo silenzio, si mise ad osservare il MagiFonino con un gran desiderio di fracassarlo al muro dalla rabbia.
Scosse la testa, rimettendo l'oggetto nella tasca, per poi dirigersi verso il proprio ufficio e chiudercisi dentro sbattendo la porta.
Ingrid lo avrebbe poi rivisto circa quindici minuti più tardi dentro la palestra, pronto per iniziare con le lezioni, come se non fosse successo nulla.
Non vi era alcun dubbio sul fatto che lavorativamente quella montagna umana volesse dimostrarsi ineccepibile ed affidabile.

III° GIORNO

I bracciali che vi sono stati consegnati pesano all'incirca mezzo chilo.
Dovete sistemarli al polso con cui utilizzate la bacchetta e non vi sarà più possibile toglierli per tutto il resto del tempo.
Col passare dei giorni non vi accorgerete manco più di averli ma i risultati si vedranno proprio quando duellerete senza di essi, alla fine del percorso.


Il bracciale in questione era una comunissima fascetta di cuoio nera incantata affinché avesse quello specifico peso.
Una volta sistemato, da una misura piuttosto larga e facile da infilare esso passò ad aderire perfettamente alla pelle senza stringerla troppo.
Effettivamente, anche tentando di sfilarlo, nessuno ci sarebbe riuscito, confermando l'avvertimento dato dal Vogt.
Piccola chicca a sorpresa, il bracciale in questione divenne di uno specifico colore differente da persona a persona.
La tonalità in questione fu decisa in base alla domanda fatta ad ognuno di loro il primo giorno su quale fosse il colore preferito.

In questo modo li odierete un po' meno, ahahah!
Bene, adesso disponetevi a coppie... Brouwer, tu sarai in coppia con Chung!
Tu userai il Glacius, mentre tu l'Elettro, al meglio di tre, dateci sotto!


Era la terza volta che li metteva a confronto, in altre parole ogni giorno si svolgeva un singolo duello di valutazione.
Ingwar seguiva tutti quanti allo stesso modo, infatti ogni duello si svolgeva singolarmente e non in concomitanza con gli altri.
Chung era una ragazza cinese di ventisette anni, il suo obiettivo era riuscire ad accedere alla Serie D della Lega dei Duelli.
Proprio per questo, avendo già avuto accesso alla Serie E, di sicuro non era affatto scarsa, anzi, le sue qualità non erano affatto male.
Ingrid, pur provando a lottare al meglio delle sue capacità, venne scaraventata indietro fuori dal ring dopo appena una trentina di secondi.

Un punto per Chung, Ingrid ce la fai a tornare in pista?
Ottimo, piega di più le ginocchia e datti un maggiore slancio con la spalla mentre stai lanciando l'incantesimo.
Chung alza la guardia o finirai per essere colta alla sprovvista...


Il successivo round non ebbe un esito tanto diverso rispetto al precedente, anzi, a dire il vero durò anche meno, venticinque secondi.
Chung colpì Ingrid al ginocchio destro facendole perdere l'equilibrio e rotolare giù come un sacco di patate.
Pur essendo al meglio di tre, il Vogt chiese di tentare un terzo round, senza però specificare il motivo.
Entrambe dunque si prepararono a duellare e, in quella occasione, fu assurdamente proprio la Brouwer a far cadere all'indietro l'avversaria.
Il Glacius rivolto alla spalla sinistra fece roteare di 180° la cinese che perse la stabilità alle gambe finendo con il sedere per terra.

Bella prova Ingrid!
Chung, questo è per farti capire una volta per tutte che se ti dico di alzare la guardia, devi alzare la guardia.
Hai scoperto la spalla e avendo davanti una signorina pronta a tutto pur di ottenere un riscatto, ne ha approfittato e ha fatto benissimo.
... Brouwer, non farmi più vedere quelle gambe allineate.
Sempre una davanti e l'altra dietro, chiaro?


V° GIORNO

Durante quella mattinata nessuno degli allievi vide la bacchetta manco col cannocchiale.
Ingwar dispose di utilizzare ogni singolo minuto all'allenamento fisico, distribuendo una lista di esercizi ginnici personalizzati.
Non poteva certo pretendere performance uguali da tutti, ma poteva pretendere che nessuno si lamentasse e pensasse solo a finire la scheda entro l'ora di pranzo.
Alla Brouwer erano toccati esercizi rivolti al rinforzo delle cosce, dei polpacci, dei tricipiti, dei dorsali e dell'addome.
In tutto ciò, Ingwar aveva anche interrotto l'afflusso di aria condizionata, rendendo l'atmosfera decisamente più calda e favorendo quindi la sudorazione.

Non mi interessa se presto questo posto puzzerà come un letamaio!
Sfruttando questo soleggiato mese di Luglio vi sembrerà di faticare dentro una sauna!
Vorrà dire che oggi berrete il doppio dei litri d'acqua, tanto non vi farà male di sicuro!
Ingrid quegli addominali li stai facendo per finta o per riposarti?
Più su col corpo e tieni ferme le gambe altrimenti non serve ad un bel niente... Aspetta.


Ingwar si avvicinò alla ragazzina, mettendosi giù e bloccandole le caviglie tenendogliele ancorate al suolo con le mani e le braccia tese.

Andiamo... Uno... Due... Tre... Quattro... Cinque... Sei... Sette...

L'avrebbe fatta arrivare a dieci, poi dopo un riposo di trenta secondi fino a quindici, poi altri secondi e quindi fino a venti.
Stesso identico discorso per gli addominali fatti a pancia in sotto, anche se in quel caso il Vogt le tenne fermo il retro delle cosce.
Alla fine di quella serie, la Brouwer poteva dire di avere gli addominali doloranti, leggermente contratti e affaticati.
Tuttavia, come previsto dalla bevanda e dallo snack proteico assunti già dal primo giorno, a fine giornata non ne avrebbe affatto risentito.
Passando ad aiutare un altro degli allievi, il ragazzone la lasciò in procinto di iniziare a lavorare sui polpacci, altro muscolo fondamentale per i duellanti.

Quando ti difendi da una magia avversaria i polpacci ti aiutano a non indietreggiare troppo.
Se ti avvicini eccessivamente al bordo del ring ti basta poco per finire fuori, quindi più sai imporre la tua volontà nel restare bloccata dove sei e meglio è.


Le fece un occhiolino di incoraggiamento, dopo di che si dedicò ad un altro dei ragazzi, Pablo Juenaga, aspirante insegnante di Duello Magico del suo paese.
Pablo era decisamente uno dei più promettenti, con quella adeguata marcia in più e la grinta data da una aspirazione grande ed importante.
Trent'anni da compiere a Novembre, assimilava ogni consiglio o suggerimento del Vogt come una specie di spugna, facendone subito tesoro nelle esercitazioni.
Ingrid aveva avuto modo di scontrarsi con lui il giorno prima ricevendo una pesante sconfitta sia nel primo che nel secondo round.
Ma per assurdo lì in mezzo al gruppo c'erano altri due individui che potevano reputarsi degli avversari anche più ostici del giovane latino.

VII° GIORNO

Squadra, in fila qui davanti a me!
... Allora, come ben ricordate le tre magie che state sfruttando ormai da una settimana le ho chiamate "Trio delle Meraviglie", giusto?
Ma, alla fine, se si trattasse solamente di un tris di incantesimi utilizzabili da chiunque, di quali meraviglie starei parlando?
Ecco, questo è l'argomento che tratteremo nel corso dei prossimi sette giorni, che segneranno i due terzi del vostro percorso di miglioramento.
... State bene a vedere cosa farò adesso!


Ingwar, già sopra uno dei diversi ring sparsi per la palestra, aveva fatto disporre dalla parte opposta un manichino di materiale plastico.

Kiligu, se non sbaglio nel tuo trio delle meraviglie c'è la Bombarda Maxima, me lo confermi?

Kiligu 'Nbate, allievo africano intenzionato a partecipare alle Olimpiadi Magiche del 2117, sezione Duelli ovviamente.
Slanciato, non massiccio ma particolarmente definito sul piano muscolare, non possedeva effettive debolezze né in attacco, né in difesa.
Definirlo bravo sarebbe stato riduttivo, era un autentico fenomeno, specie considerata la sua età, appena ventunenne.

Oooook, allora, questa è una Bombarda Maxima...

Ingwar eseguì il classico movimento col polso eseguendo l'incantesimo con fluidità e perfezione, che impattò contro il manichino facendolo ondeggiare.

... E adesso, quella che vi mostro, è una Bombarda Maxima Plus!

Nessuno di loro aveva mai sentito nominare una magia simile, in quanto dopo la Maxima, di norma c'era la Bombarda Extrema e poi quella Finale.
Alcuni si guardarono tra loro interdetti, altri invece rimasero a fissare il Vogt con assoluta curiosità di capire cosa stesse per fare.
Ingwar chiuse un attimo gli occhi, il movimento del polso parve analogo a quello precedente ma subì un rallentamento iniziale e poi una accelerazione finale.
Quando le palpebre si riaprirono e il braccio si tese, dalla bacchetta partì un fascio di luce uguale alla Bombarda Maxima, ma più luminoso e massiccio.
L'incantesimo colpì il manichino che in quel caso ondeggiò molto più a lungo, avendo subito un impatto più forte e incisivo.

Un incantesimo "Plus" è un incantesimo la cui portata e danno vengono aumentati tramite la propria concentrazione magica.
Grazie alla mia esperienza oggi riesco ad affiancare il "Plus" ad ogni magia di livello medio ma, come avete visto, ho bisogno di circa tre secondi in più.
Va da sé che se ci provassi durante un duello regolare, finirei per dare un vantaggio spropositato all'avversario, infatti tre secondi di attesa sono decisamente troppi.
Per questo mi sono allenato affinché solo il mio trio delle meraviglie possa avere l'attributo "Plus" perfetto, ovvero riuscire a castare le magie alla loro normale velocità, ma più forti.
Durante la prossima settimana vi spiegherò accuratamente come sviluppare il processo "Plus" ai vostri incantesimi, sarà una attività più noiosa, ma molto utile.


Nel corso dei minuti successivi Ingwar infatti sottolineò che ognuno di loro avrebbe dovuto in sostanza allenarsi nel lanciare a ripetizione la stessa magia fino allo stremo.
Il tutto accompagnato da diverse sedute di meditazione concentrativa volta a radunare una grossa quantità di Trama precedente alla successiva fase di cast continuato.
Per stabilire l'ordine di magie da migliorare ci si sarebbe basati sull'anno di insegnamento, quindi nel caso di Ingrid, Farfallus Detonix seguito da Stupeficium ed infine il Glacius.

Non sarà un'impresa facile, ve lo dico immediatamente.
Potete essere dei duellanti spettacolari ma il "Plus" si raggiunge tramite attributi differenti dai soliti parametri richiesti nei duelli.
Quindi non stupitevi se, per caso, un vostro compagno meno bravo di voi riuscisse a raggiungere l'obiettivo in minor tempo, è normalissimo.
In sostanza una volta appresa la metodologia per attribuire il "Plus" all'incantesimo, potrete proseguire ad esercitarvi anche concluso questo stage.
Anche perché già riuscire a perfezionare una magia su tre è un traguardo per nulla indifferente e sarà valutato dal sottoscritto con estremo rispetto.


Ora si faceva più chiaro il motivo per cui Ingwar avesse parlato di un premio finale individuale pur facendo sentire l'intera "classe" come una specie di team coeso.
Non bastava semplicemente essere bravi, vincere i duelli, mandare giù gli avversari, oh no, era necessario sopratutto dimostrare impegno, costanza e dedizione.
Questo lasciava intendere che il Vogt osservasse tutto, analizzasse ogni aspetto degli allenamenti dei vari allievi, assegnando o sottraendo punti con criterio specifico.
Una Chung, ad esempio, poteva averne persi parecchi non ascoltando il suo consiglio e venendo poi mandata fuori dal ring dalla Brouwer.
Andava così terminando un terzo del percorso intensivo della giovane Serpeverde... Ma con quali risultati?

FIRST MATCH

Per stabilire gli effettivi miglioramenti di Ingrid, bisogna effettuare una serie di prove, nello specifico:

TRE prove di Talento Fisico.
TRE prove di Sesto Senso.
TRE prove di Capacità Magica.
TRE prove di Riflessi.
TRE prove di Resistenza Magica.

Il parametro di Caratteristica o Predisposizione va sommato ad ogni prova.

TALENTO FISICO:

Risultato finale compreso tra 25 e 39 ---> Bonus +1
Risultato finale compreso tra 40 e 55 ---> Bonus +2
Risultato finale compreso tra 56 e 80 ---> Bonus +3

SESTO SENSO:

Risultato finale compreso tra 51 e 66 ---> Bonus +1
Risultato finale compreso tra 67 e 81 ---> Bonus +2
Risultato finale compreso tra 82 e 95 ---> Bonus +3

CAPACITÀ MAGICA:

Risultato finale compreso tra 19 e 34 ---> Bonus +1
Risultato finale compreso tra 35 e 49 ---> Bonus +2
Risultato finale compreso tra 50 e 64 ---> Bonus +3

RIFLESSI:

Risultato finale compreso tra 25 e 39 ---> Bonus +1
Risultato finale compreso tra 40 e 55 ---> Bonus +2
Risultato finale compreso tra 56 e 80 ---> Bonus +3

RESISTENZA MAGICA:

Risultato finale compreso tra 16 e 31 ---> Bonus +1
Risultato finale compreso tra 32 e 46 ---> Bonus +2
Risultato finale compreso tra 47 e 61 ---> Bonus +3
Avatar utente
Ingwar
Turbine Elettrico
Turbine Elettrico
 
Grado: 10+
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 18/08/2019, 12:04

Messaggioda Ingrid » 08/02/2021, 16:16

1° Giorno


Dunque vediamo... 157 centimetri... Per... Quarantasei chili... Ok!

Meno male che non si era abbuffata di dolci nell'ultimo anno!
La tavola di Hogwarts metteva sempre a disposizione per i suoi studenti numerose leccornie di fine pasto che venivano consumate in gran quantità da tutti. Era una tradizione a cui Ingrid si era accodata per i primi anni, andando lentamente a scemare poi quando aveva compreso che per essere appetibile e carina avrebbe dovuto cercare di mantenere una linea un po' più magra.
Non sceglieva il digiuno forzato, come facevano alcune ragazze, ma preferiva ridurre gli zuccheri che introduceva nel proprio organismo. I dolci li mangiava poco e non troppo spesso e quando lo faceva, di solito era la prima a darsi da fare nella lezione successiva di Volo.
Il primo giorno di allenamento prevedeva, in realtà, una visita completa voluta -anzi, ordinata- dallo stesso Ingwar. Il Vogt in quello si dimostrò molto professionale, facendo seguire i suoi allievi da una nutrizionista esperta che sottoponeva gli aspiranti duellanti ad una serie di esami per confermarne l'idoneità a quel tipo di allenamento.
Oltre a fornire loro una dieta fatta su misura per perdere peso ed acquisire massa al livello muscolare.

Ci sono cibi che proprio non riesci a mandare giù, cara?

Mmmh... No, mangio più o meno di tutto.

... D'accordo, mentre per quanto riguarda invece intolleranze o allergie?

Intollerante al lattosio, allergie nessuna.

Benissimo... Soffri per caso di reflusso gastro-esofageo, iper acidità, sindrome del colon irritabile?

Proprio no!

Dunque... Ultime due domande: la tua attività intestinale, regolare, frequente, lenta... O molto lenta?

Uhm... Lenta... Sì, la definirei lenta.

Quanta acqua bevi durante la giornata?

Circa un litro e mezzo.

Aveva una carica ed un'energia che sarebbe stata capace di mettersi sotto già in quel momento. La prospettiva di essere lì, in un posto del tutto nuovo e soprattutto di fare qualcosa che l'avrebbe portata a fronteggiarsi meglio contro la Halliwell era la spinta necessaria affinché la biondina affrontasse ogni sfida con un atteggiamento determinato e forte.
La MagiDottoressa le fornì una dieta fatta su misura per lei, con diversi spuntini che avrebbero frammentato la sua giornata affinché ella non rimanesse priva di quelle sostanze necessarie ai muscoli per non affaticarsi troppo. Era felice, ringraziò con un sorriso la donna -molto gentile- ed iniziò ad avviarsi verso l'interno della palestra, quando la voce del suo nuovo coach la fece bloccare momentaneamente sul posto.

Seriamente?
Un impegno del genere vi impedisce di mandarla qui per neanche tre giorni?


Non stava bene origliare le conversazioni degli altri, ma alla fine chi mai avrebbe potuta scoprirla? Era curiosa per natura ed un po' per atteggiamento appreso durante i suoi anni nella Casata dei Serpeverde, cosa che la spinse a rimanere ferma, con il proprio foglio in mano, ma le orecchie ben attente ad udire ogni singola parola.

Ha tutta l'Estate per conoscere dei damerini idioti interessati solo al suo conto alla Gringott, potreste lasciarle tre c***o di giorni per stare con me!
Non sto chiedendo molto e lo sapete anche voi!
Lei ha voglia di vedermi, l'ultima volta è stato per il suo compleanno, a Marzo per la miseria, quasi cinque mesi fa, cinque!


Non era interessata alla vita privata di Ingwar. Semplicemente, Ingrid non si lasciava sfuggire l'occasione di conoscere qualcosa che non avrebbe dovuto sapere, un po' per deformazione professionale -chiamiamola così- visto che da prefetta certe succulenti notizie potevano volgere a proprio vantaggio.
Non poteva trarre nessun vantaggio dal sapere che il Vogt fosse incazzato con qualcuno perché non gli facevano vedere qualcuno. A giudicare dalle sue parole sembrava si trattasse quasi di una figlia, il che non era da escludere. Ce lo vedeva come un papà grande e grosso che desiderava solo poter avere accanto la propria bambina, ma quelle supposizioni, in ogni caso, rimasero tali.
La Brouwer non era certo lì per farsi i cavoli degli altri, per questo motivo, dopo aver compreso che la telefonata si fosse conclusa, si affrettò a raggiungere il resto dei suoi compagni, per iniziare le loro lezioni di Duello con un Ingwar apparentemente serio e tranquillo.

3° Giorno



I bracciali che vi sono stati consegnati pesano all'incirca mezzo chilo.
Dovete sistemarli al polso con cui utilizzate la bacchetta e non vi sarà più possibile toglierli per tutto il resto del tempo.
Col passare dei giorni non vi accorgerete manco più di averli ma i risultati si vedranno proprio quando duellerete senza di essi, alla fine del percorso.


Il suo era di colore argento. Ingrid osservò con un una certa sorpresa la fascia apparentemente elastica aderire al suo polso per non poter essere tolta nemmeno con tutto l'impegno del mondo. Sentiva il braccio, adesso, leggermente più pesante, ma immaginava che tutto questo le avrebbe giovato in duello e tanto le bastava per non proferire parola ed accettare quelle disposizioni.

Bene, adesso disponetevi a coppie... Brouwer, tu sarai in coppia con Chung!
Tu userai il Glacius, mentre tu l'Elettro, al meglio di tre, dateci sotto!


Praticamente ogni giorno c'era un duello da affrontare. Sarebbe stato bello poter avere il Vogt focalizzato unicamente su di sé, ma purtroppo chiederlo come insegnante privato sarebbe costato al genitore troppo, motivo per cui la Brouwer si era per forza dovuta "accontentare".
Aveva ripensato di tanto in tanto alla conversazione che aveva origliato la volta precedente, ma non si era spinta oltre a farsi qualche domanda, rispondendosi da sola in automatico. Era sempre più convinta che Ingwar avesse una figlia da qualche parte nel mondo e che gli venisse impedito di vederla.
Era poco importante, a dire il vero l'attenzione della Serpeverde si concentrava quasi sempre ed esclusivamente sugli allenamenti, così da raggiungere il massimo risultato. Voleva rientrare a scuola trionfante, voleva vedere quella "S" sparire dal suo registro dei voti e soprattutto voleva vedere la faccia della Halliwell al prossimo duello che si sarebbe tenuto fra loro due.
Non avrebbe aspettato altro, avrebbe atteso con pazienza quel momento sapendo che sarebbe giunto, perché Sandyon Vastnor metteva sempre tutti contro tutti, facendo affrontare ogni studente con tutti gli altri studenti della classe.
I sogni di gloria che la attendevano erano la spinta necessaria per dare il meglio di sé, ma contro una duellante di serie E non c'erano comunque molte speranze di riuscire a sfangarla. Chung era una ragazza vicina ai trenta che faceva già la duellante di professione e desiderava solo salire di un altro gradino verso la categoria D.
Era un'avversaria decisamente fuori dalla portata della Brouwer, ma non bisognava mai sottovalutare una Serpeverde ed il suo desiderio di primeggiare.

Un punto per Chung, Ingrid ce la fai a tornare in pista?

Sì... Sì, ce la faccio!

Ottimo, piega di più le ginocchia e datti un maggiore slancio con la spalla mentre stai lanciando l'incantesimo.
Chung alza la guardia o finirai per essere colta alla sprovvista...


Ci sperava. Sperava che la sua avversaria fosse così sciocca da lasciare un punto scoperto, ma anche nel secondo scontro, purtroppo, la Brouwer non ebbe la meglio. Ancora una volta fu lei ad essere colpita e scaraventata all'indietro, con il sedere che ormai doveva essere diventato più simile ad una mongolfiera per tutte le botte che aveva preso.
Tuttavia, nonostante Chung avesse vinto di fatto il duello, Ingwar decise di lasciare che le due femmine si scontrassero ancora una volta, pur essendo ormai la vittoria in tasca all'avversaria della Brouwer. Ingrid non si chiese perché lo stesse facendo, ma desiderava ardentemente riuscire a batterla. Non era solo una questione di orgoglio, quanto di alimentare la speranza che se fosse riuscita a colpire una duellante professionista allora non doveva temere più nulla da Buffy Halliwell.
Il suo desiderio di rivalsa le permise di comprendere quasi subito il punto scoperto di Chung. Troppo sicura di sé, l'avversaria lasciò campo libero alla Serpina di colpirle la spalla sinistra, cosa che la ragazza fece con velocità fulminea, facendola roteare prima di far finire lei culo per terra, questa volta.

Bella prova Ingrid!

Il sorriso acceso e felicissimo della studentessa dimostrava la sua reale età: una diciassettenne, nel fiore della propria adolescenza e che la maturità l'aveva solo ancora assaggiata, mentre doveva resistere a stento dal saltellare sul proprio posto per non far vedere quanto fosse elettrizzata di essere riuscita a sconfiggere la propria avversaria. Anche se ella aveva vinto, in fondo, lo scontro, per due a uno.

Chung, questo è per farti capire una volta per tutte che se ti dico di alzare la guardia, devi alzare la guardia.
Hai scoperto la spalla e avendo davanti una signorina pronta a tutto pur di ottenere un riscatto, ne ha approfittato e ha fatto benissimo.
... Brouwer, non farmi più vedere quelle gambe allineate.
Sempre una davanti e l'altra dietro, chiaro?


Chiarissimo!

Aveva davvero molto da imparare la Brouwer, non solo dai consigli specifici che il Vogt le dava, ma da tutto ciò che diceva anche al prossimo. Sentirsi superiore a Buffy poteva costarle quelle settimane di intenso lavoro, perché magari troppo sicura di vincere quando in realtà la vittoria era una continua lotta fino alla fine.
Avrebbe rammentato quelle parole, facendone tesoro per i duelli a venire.

5° Giorno


Trama... Che... Fatica...

Quella era decisamente la parte meno divertente.
Ingwar aveva promesso loro che li avrebbe fatti sudare a furia di allenarli e -purtroppo per lei- non aveva affatto mentito. Il nasino delicato della Brouwer stava avendo a che fare con ogni tipo di odore sgradevole e malevolo, compreso il proprio. Non vedeva l'ora che quella giornata finisse per potersi buttare sotto la doccia e tornare ad essere profumata, ma prima avrebbe dovuto terminare la serie di esercizi che il Vogt le aveva assegnato e che stava compiendo con una certa fatica.

Ingrid quegli addominali li stai facendo per finta o per riposarti?
Più su col corpo e tieni ferme le gambe altrimenti non serve ad un bel niente... Aspetta.


Fu il ragazzone a venirle incontro, bloccandole le caviglie a terra così che la biondina potesse continuare a fare la serie di addominali a pancia in su. Contava, arrivando fino a dieci, poi si fermava, prendendo respiro. Poi riprendeva, contando questa volta fino a quindici e poi di nuovo ferma, per respirare. Continuò così fino a venti e poi, girata di schiena, ricominciò la serie di allenamenti, sempre con l'aiuto del Vogt, assicurandosi in questo modo che gli addominali della Serpeverde venissero messi completamente sotto sforzo.
Al termine di quella serie, altre la attendevano per rinforzare i polpacci, altro elemento fondamentale durante i duelli.

Quando ti difendi da una magia avversaria i polpacci ti aiutano a non indietreggiare troppo.
Se ti avvicini eccessivamente al bordo del ring ti basta poco per finire fuori, quindi più sai imporre la tua volontà nel restare bloccata dove sei e meglio è.


Ho capito... Grazie coach...

Le uscì fuori spontaneamente, ma non si vergognò di averlo chiamato in quel modo, prendendo la sua bottiglietta d'acqua e scolandola quasi tutta in un fiato. Per una volta non stette a badare all'etichetta, facendosi scivolare persino qualche goccia sopra il mento, che finì poi in mezzo al seno, tenuto stretto da una fascia sportiva.
Meglio così, in questo modo avrebbe almeno avuto un po' di fresco, anzi che non svuotava direttamente la bottiglietta sopra la sua testa, ma solo perché il suo corpo ne aveva molto più bisogno. Ritornò quasi subito ad allenarsi, pronta a prendere con molta serietà gli esercizi per le gambe. In questo modo qualunque attacco da parte della Halliwell sarebbe stato molto meno capace di farla finire fuori dal perimetro del duello.

7° Giorno


Squadra, in fila qui davanti a me!

Si trovava sul ring Ingwar, in attesa che tutti i suoi allievi si disponessero come da lui ordinato. Ingrid era fra questi, una delle prime che scattò, curiosa di scoprire quel giorno in cosa si sarebbero cimentati. Sentiva di essere migliorata davvero molto, di aver appreso tantissimo dai consigli del Vogt, ma questi sarebbero stati sufficienti per riuscire a battere Buffy? Forse il suo voto sarebbe passato da una "S" ad una "A", ma per sconfiggere la Halliwell, avrebbe dovuto superare ancora i propri limiti.

... Allora, come ben ricordate le tre magie che state sfruttando ormai da una settimana le ho chiamate "Trio delle Meraviglie", giusto?
Ma, alla fine, se si trattasse solamente di un tris di incantesimi utilizzabili da chiunque, di quali meraviglie starei parlando?
Ecco, questo è l'argomento che tratteremo nel corso dei prossimi sette giorni, che segneranno i due terzi del vostro percorso di miglioramento.
... State bene a vedere cosa farò adesso!


Fermo sopra il ring, Ingwar diede dimostrazione di come eseguire una perfetta Bombarda Maxima, che fece ondeggiare uno dei manichini posto al al lato opposto dove si trovava lui. Era indubbiamente una tecnica eccellente quella del Vogt, ma dove voleva arrivare?

... E adesso, quella che vi mostro, è una Bombarda Maxima Plus!

La Brouwer poteva ben dire di essere una secchiona. Aveva studiato e ristudiato a memoria ogni incantesimo, da quelli più semplici a quelli di Trasfigurazione a quelli usati in Difesa, al solo scopo di essere sempre pronta e preparata su tutto. Le piaceva avere bei voti ed essere considerata la migliore della classe, ma in quel caso il suo volto perplesso espresse tutti i suoi dubbi sull'esistenza di un simile incantesimo. Sapeva che esistesse la Bombarda Extrema, ma una Bombarda Maxima Plus? Mai sentito, ma la dimostrazione della sua esistenza venne compiuta proprio sotto i suoi occhi, quando il ragazzone lo eseguì di fronte all'intera classe... Con effetti molto più devastanti di quello precedente.

Un incantesimo "Plus" è un incantesimo la cui portata e danno vengono aumentati tramite la propria concentrazione magica.

... Geniale...

Le venne da commentare a bassa voce, dopo aver ascoltato la spiegazione del coach che finalmente dissolveva ogni dubbio nella mente sella Serpeverde. Avrebbe dato qualunque cosa per conoscere la tecnica giusta per eseguirne uno, ma per fortuna la Brouwer non dovette vendere alcunché, visto che fu il Vogt stesso a spiegare che tipo di procedimento avrebbero dovuto adottare. Spiegando però anche le debolezze insite nel lanciare gli incantesimi in questo modo.

Grazie alla mia esperienza oggi riesco ad affiancare il "Plus" ad ogni magia di livello medio ma, come avete visto, ho bisogno di circa tre secondi in più.
Va da sé che se ci provassi durante un duello regolare, finirei per dare un vantaggio spropositato all'avversario, infatti tre secondi di attesa sono decisamente troppi.
Per questo mi sono allenato affinché solo il mio trio delle meraviglie possa avere l'attributo "Plus" perfetto, ovvero riuscire a castare le magie alla loro normale velocità, ma più forti.
Durante la prossima settimana vi spiegherò accuratamente come sviluppare il processo "Plus" ai vostri incantesimi, sarà una attività più noiosa, ma molto utile.


No, non era affatto noiosa, non quando quello poteva diventare un altro asso nella manica della Prefetta contro la sua avversaria per eccellenza. Gli occhi iniziarono a brillarle di aspettativa e la bocca si aprì in un sorriso felice al pensiero di riuscire ad ottenere una cosa tanto importante. Ma era davvero possibile, per una come lei, ottenere dei risultati tanto importanti?
Non si trattava di poca autostima in sé, quanto di furbizia nel rendersi conto che dentro quel gruppo eterogeneo c'erano molte persone più in gamba e più capaci di lei. Ingrid ne era consapevole, si era dovuta scontrare con loro ricevendo solamente sconfitte, sconfitte che erano inevitabili, perché come poteva una semplice studentessa riuscire ad eguagliarli? Eppure la biondina non voleva demordere, convinta che se fosse riuscita a tenere almeno testa a questi avversari, la Halliwell poi sarebbe stata molto più facile da gestire.

Non sarà un'impresa facile, ve lo dico immediatamente.
Potete essere dei duellanti spettacolari ma il "Plus" si raggiunge tramite attributi differenti dai soliti parametri richiesti nei duelli.


A quelle parole, la ragazzina si animò di nuova speranza, ascoltando con attenzione le parole del Vogt.

Quindi non stupitevi se, per caso, un vostro compagno meno bravo di voi riuscisse a raggiungere l'obiettivo in minor tempo, è normalissimo.
In sostanza una volta appresa la metodologia per attribuire il "Plus" all'incantesimo, potrete proseguire ad esercitarvi anche concluso questo stage.
Anche perché già riuscire a perfezionare una magia su tre è un traguardo per nulla indifferente e sarà valutato dal sottoscritto con estremo rispetto.


Insomma, non solo avrebbe potuto ottenere un Trio delle Meraviglie potenziato... Ma in più, se ci fosse riuscita, agli occhi di Ingwar lei sarebbe risultata essere una delle migliori, nonostante la presenza di altri duellanti molto più capaci ed esperti. E questo le avrebbe permesso di ottenere l'ambitissimo premio speciale, quell'altro jolly che la Serpina avrebbe tanto voluto utilizzare contro la Grifondoro. Tre incantesimi fra cui scegliere nella rosa di quelli ideati da Ingwar, uno di attacco, uno di difesa e una via di mezzo.
Nell'attacco stava già migliorando tantissimo, le serviva qualcosa però che la facesse difendere dalle magie portentose di Buffy. I suoi incantesimi non erano come quelli degli altri, aveva una capacità magica che purtroppo Ingrid doveva riconoscere strabiliante. Ma le carte in tavola presto sarebbero cambiate e lei avrebbe infine ottenuto la sua giusta rivincita.

RISULTATO DELLE PROVE

TALENTO FISICO: 54

Risultato finale compreso tra 40 e 55 ---> Bonus +2


SESTO SENSO: 77

Risultato finale compreso tra 67 e 81 ---> Bonus +2


CAPACITÀ MAGICA: 49

Risultato finale compreso tra 35 e 49 ---> Bonus +2


RIFLESSI: 66

Risultato finale compreso tra 56 e 80 ---> Bonus +3

RESISTENZA MAGICA: 63

Risultato finale compreso tra 47 e 61 ---> Bonus +3
Avatar utente
Ingrid
Prefetto Serpeverde
Prefetto Serpeverde
 
Anno: 6
 
Messaggi: 7
Iscritto il: 13/11/2019, 0:23

Messaggioda Ingwar » 18/03/2021, 20:32

9° GIORNO

Nell'esecuzione di una magia si compie uno specifico movimento con il polso.
Questo movimento, che col tempo si fa più istintivo ed automatico, viene accompagnato da una formula, espressa a voce o mentalmente.
Le due componenti danno vita alla scintilla magica e, di seguito, all'incantesimo che si sprigiona dalla bacchetta.
Tutti sappiamo però che in verità l'ultimo movimento eseguito è comune ad ogni magia e serve solo per lanciare definitivamente il colpo.
Se ben ricordate, durante la mia dimostrazione, ho rallentato la mossa del polso per poi velocizzarla sul finale.
Velocizzare verso la fine, oltre a servire per recuperare tempo prezioso, è quasi una necessità al fine di non ritrovarsi parecchio nei guai.
Non è possibile infatti trattenere troppo a lungo un incantesimo e attendere troppo prima di permettergli di fluire via può comportare effetti collaterali.


Subito a seguito di quelle parole, uno degli assistenti di Ingwar, con un giubbotto di protezione magica, diede una dimostrazione pratica a tutti.
Provò ad effettuare una magia trattenendola per un paio di secondi senza permetterle di uscire dalla bacchetta ed il risultato fu eloquente.
Lo schiantesimo evocato gli si ritorse contro sfuggendo al suo controllo, facendolo volare indietro con una poderosa capriola.

Ricordo bene ciò che ho detto, volendo potrei attribuire il "Plus" ad ogni incantesimo di livello medio trattenendolo per circa tre secondi.
Allora perché lui dopo appena due secondi o giù di lì ha fatto quella fine? Dovete ricordare tutto ciò che dissi, compreso il fatto che ho acquisito molta esperienza.
Negli anni ho accuratamente educato la mia arma a sopportare l'energia in accumulo, aumentando la mia concentrazione e capacità di gestire la magia.
La bacchetta possiede una specie di propria volontà, un dettaglio ormai risaputo, quindi sapete anche che agisce in funzione dell'educazione ricevuta dal possessore.
Una magia "Plus" è una magia ragionata, ottenuta attraverso un preciso input alla propria bacchetta, un input che deve essere compreso e poi assimilato.
Il vostro obiettivo sarà riuscire ad arrivare per gradi fino a quei fatidici tre secondi e vi assicuro che sarà molto più difficile di quanto possiate immaginare.
Per questo motivo indosserete sempre un giubbotto di protezione, un caschetto ed anche delle ginocchiere.


Una bella imbracatura per far sì che nessuna magia "esplosa" potesse nuocere eccessivamente il Duellante in erba.
Ad ognuno fu quindi consegnato il suddetto materiale, creato con ottima fattura e restituendo al tatto una buona sensazione di resistenza.
Infine, furono posti tutti in posizione davanti a dei manichini da combattimento sistemati all'esatta distanza che normalmente è richiesta sul ring.

Ma se bastasse solo questo, allora vorrebbe dire che, una volta appreso come attribuire il "Plus" ad una magia, lo si può fare con tutte.
Ed invece assolutamente no, l'altra condizione affinché la tecnica funzioni è che l'incantesimo sia adeguatamente memorizzato dalla bacchetta.
Più volte lo utilizzerete e più sarà semplice trattenerlo per la vostra arma magica, che imparerà ad eseguirlo con maggiore scioltezza e velocità.
Inoltre, più una magia è di facile esecuzione, meno fatica fa la bacchetta ad interiorizzarla, ecco perché dovrete partire con gli incantesimi più semplice del vostro trittico.
Cercate il più possibile di centrare il manichino mirando alle zone di lotta che vi ho illustrato la settimana scorsa, d'altronde per ora dovete fare solo quello, no?


Assurdo, anche Ingrid stava affrontando un percorso magico davvero simile a quello della sua acerrima rivale, ma per il raggiungimento di uno scopo diverso.
far memorizzare una magia alla bacchetta per far sì che sapesse poi scagliarla con più potenza, anziché accorparla ad ogni altra magia esistente.
Una forma di "Memoria Arcana" senza la componente impulsiva, ma anzi, inserendovi invece quella ragionata.

11° GIORNO

Non si era mai sentito così tanto in silenzio dentro la palestra dall'inizio del corso.
Tutti gli allievi si trovavano disposti a circa un metro e mezzo gli uni dagli altri, seduti con le gambe incrociate e gli occhi chiusi.
Respiravano seguendo un ritmo specifico, inspirando piano, trattenendo il respiro per circa cinque secondi e poi espirando altrettanto piano.

L'ossigeno è una sostanza che fa parte di noi, ne abbiamo bisogno per vivere, senza di esso non possiamo stare.
Anche la Trama fa parte di noi, ne abbiamo bisogno per evocare la magia, senza non saremmo maghi o streghe.
Tratterrete il respiro prima per cinque, poi per dieci, quindici fino ad arrivare a trenta secondi entro la fine di questo ciclo di lezioni.
Istruirete il corpo a sopportare questa condizione di fastidio, rendendolo via via sempre più capace di resistere senza troppo disturbo.
Allo stesso modo anche trattenere la Trama vi risulterà meno complesso, perché vi starete abituando a gestire una condizione di disagio interiore.
Cercate, tra un respiro e l'altro, di concentrarvi e richiamare l'energia magica dentro di voi.
Fate entrare in risonanza il vostro corpo e il vostro spirito, solo così potrete raggiungere l'obiettivo prefissato.


Mentre la Brouwer stava seduta, ad un certo punto sentì una mano premerle dietro la schiena.
Ingwar le sussurrò di restare concentrata. Il ragazzone poi le fece assumere una posa più dritta.
Senza nemmeno accorgersene, la ragazzina si era incurvata leggermente in avanti, assumendo una postura scorretta.

Vi garantisco che se non sarete bene allineati con schiena e collo, alla fine della giornata saranno dolori.

Tutta la mattina sarebbe andata avanti così, mentre nei giorni seguenti le lezioni si sarebbero svolte per metà tempo in quel modo, per l'altra metà coi manichini.
Una intensiva manovra di educazione magica avanzata, che avrebbe riportato Ingrid ai ricordi di alcune lezioni passate con il Docente di Difesa.
Anche lui di tanto in tanto aveva imposto una meditazione generale della durata di tutta l'ora di lezione, trovata da molti una noia colossale.

Se deciderete di aumentare il tempo in cui mantenente il respiro, fatelo, ma non cercate di velocizzare le tappe.
Dovete essere certi che l'attesa nello step precedente non vi rechi più alcun problema, altrimenti sarà tutto inutile.
Vi consiglio per altro di dedicare un po' di tempo a questa pratica anche mentre non siete in palestra.


Ma a differenza degli studenti adolescenti e immaturi, quel gruppetto non presentava nessun individuo annoiato o facente smorfie.
Tutti volevano raggiungere l'obiettivo di essere considerati i migliori del corso e per questo seguivano le parole del Vogt come un dogma.
Sul finire dell'addestramento di quel giorno, il sudore sulla pelle sembrava quasi maggiore rispetto agli allenamenti puramente fisici.
Impegnare sia corpo che Spirito richiedeva uno sforzo immane, che lasciava privi di energie e bisognosi di riposo, oltre che cibo.
Col passare dei giorni la stanchezza sarebbe diminuita a riprova di un effettivo incremento delle proprie qualità magiche e fisiche.

13° GIORNO

O'Malley, tu sei la prima, vediamo che sai fare!

Jennifer O'Malley, 22 anni, cadetta della Vigilanza Magica Scozzese.
Era stata bocciata alla prova di combattimento e quindi il suo ingresso nelle forze dell'ordine era stato rimandato a Settembre.
Voleva a tutti i costi cambiare le sorti di quell'esame e per quello ce la stava mettendo davvero tutta.
Raggiungere l'attributo "Plus" era una specie di lasciapassare assicurato per ottenere il rango di Agente, valido motivo per essere la prima ad acquisire la tecnica.
Davanti al manichino, sopportò sorprendentemente i tre secondi di attesa prima di scagliare la magia, ma qualcosa non andò esattamente come previsto.
La scia magica più intensa partì, ma andò a finire tutt'altro che contro l'obiettivo, mancandolo di circa mezzo metro.
Se prima gli occhi della ragazza si erano mostrati scintillanti, poco dopo si rabbuiarono con uno sconforto evidente.

Ed eccovi servito il nuovo ostacolo da superare per impadronirvi del tutto di questa nuova abilità.
Come si dice, la potenza è niente senza il controllo.
Voi avete il controllo delle magie allo stadio normale, ma quando vengono fortificate diventano anche più complesse da governare.
Tuttavia O'Malley non sarei così triste al posto tuo, alla fine sei riuscita ad arrivare ai famosi tre secondi prima di tutti gli altri.
Chi riuscirà a trattenere ed anche a controllare creando un "Plus" perfetto davanti ai miei occhi? Avanti il prossimo, Purrloin, te la senti?


Christoph Purrloin, 28 anni, attore semi famoso dell'industria cinemagica.
La sua prossima pellicola, pienamente d'azione, prevedeva diverse scene di duello, nel quale il ragazzo era leggermente negato.
Il suo sogno era divenire un attore completo, capace di saper gestire qualsiasi ruolo, così da divenire più facilmente riconosciuto e stimato nell'ambiente.
Si mise in posizione, prese un bel respiro, dopo di che, con il massimo della grinta, cercò di mostrare il risultato dei suoi sforzi.
Purtroppo però, dopo circa due secondi il suo "Everte Statim" gli rimbalzò addosso facendolo finire con la schiena al suolo.

Tranquillo, ci sei vicino, stai facendo passi da Mezzo Gigante.
A quanto sei arrivato col trattenere il fiato? Venti secondi? Ok ok, ottimo, forza, so che potrai farcela!
... Uhm, vediamo, vediamo vediamo vediamo... Brouwer, fammi sognare su!


Non aveva conquistato il podio come prima allieva a sopportare la tempistica imposta, ma poteva ancora salvare il salvabile.
Il fallimento di Jennifer di qualche secondo prima le aveva fornito la chance per impostare immediatamente quel nuovo parametro.
Doveva a tutti i costi mantenere la presa salda sulla bacchetta, dirigere il fascio magico con precisione, imbrigliare la potenza.
Era una ragazzina, tanto giovane rispetto a praticamente tutto il resto della squadra, ma questo non le impediva di colmare il divario empirico con l'impegno.
Ingwar stette a braccia conserte mentre la Serpeverde si concentrava davanti al manichino, disposto esattamente come ella avrebbe trovato disposta la Halliwell.
Chissà, magari fu proprio quella la spinta giusta per creare il miracolo, ma dopo aver rallentato il polso per i tre secondi necessari, la biondina riuscì parzialmente a farcela.
Una farfalla magica di dimensioni triple rispetto alla versione classica si diresse contro il bersaglio... Beccandone per un soffio la spalla destra.

Oh, oh, oh... E non è manco Natale signore e signori...
Un bell'applauso per Ingrid!
Niente male Hogwarts, niente male...


Poteva reputarsi abbastanza soddisfatta.
I passi da fare erano ancora parecchi ma lentamente sarebbe riuscita nel colpire in modo più efficiente l'avversario, finto o vero che fosse.
Alla fine della lezione, il Vogt le comunicò quindi che, qualora avesse voluto, avrebbe potuto anche pensare ad aggiungere il Glacius all'allenamento.
Era una scelta che lasciava unicamente a lei, se concentrarsi ed affinare del tutto il primo incanto o inserire nella pratica pure il secondo.
Ciò nonostante, ella aveva guadagnato di certo i punti necessari per sentirsi più vicina all'ambito premio, per quanto ci fossero ancora dieci giorni da portare a termine.

15° GIORNO

Anche quella settimana ormai volgeva a conclusione, una settimana piena di lavoro ma anche di traguardi.
Nessuno in mezzo al gruppo poteva sentirsi uguale a come quando era appena arrivato.
Tutti avevano quindi migliorato le loro abilità, fortificato il corpo, intensificato il loro legame con la magia.
La giornata stava per dichiararsi chiusa e Ingwar era sul punto di mandare al riposo gli allievi fino all'incontro successivo.
Ma proprio come accaduto sette giorni prima, anche in quel caso li radunò tutti per una breve chiacchierata ed un sunto sugli esercizi futuri.
Sistemati uno di fianco all'altro, osservavano il loro coach in piedi su uno dei vari ring, dove appena qualche giorno prima si era esibito per loro.
Il Vogt aveva le mani dietro la schiena, petto in fuori, sguardo serio e tono di voce abbastanza alto.

Ci avviciniamo ormai all'ultima parte di questo percorso.
Avete svolto attività fisica, attività mentale, attività magica, soffermandovi sui vari settori che compongono l'identità di un Duellante.
Ma aspettatevi che da domani in poi il ritmo sarà molto più serrato, le sfide più ardue, l'addestramento più estremo.
I duelli che avete svolto la prima settimana erano più per conoscenza che per reale impegno nell'apprendimento.
Poi, durante questa seconda settimana vi siete focalizzati su tutt'altro, migliorando la vostra mira, ma senza più confrontarvi l'un l'altro.
A partire da domattina invece si farà sul serio e il mio obiettivo sarà trasmettervi della vera e propria strategia di combattimento magico.
Imparerete a pensare alla svelta come ottenere la vittoria, organizzare una tattica di attacco, difesa o entrambe e a valutare punti forti e deboli dell'avversario.
Ed è qui che entrerà in gioco il vostro essere un team, un team che collabora affinché si verifichi una autentica evoluzione sul ring per ognuno di voi.
Perché se non darete il massimo contro il vostro compagno, non migliorerà lui ma non migliorerete nemmeno voi.
L'unica soluzione che avete, quindi, è oltrepassare i vostri limiti, solo così riuscirete a garantirvi un progresso, ed io vi fisserò con scrupolosa attenzione.
Non potrete veicolare niente, non potrete alterare le mie valutazioni, non potrete boicottare gli altri e favorire voi stessi.
E ricordate che vincere il duello non significa ottenere più punti, perché io metterò in conto tutto quanto, anche quanto siete riuscite a resistere prima di soccombere.
Quindi, come avrete intuito, ogni giorno ci saranno solo Duelli, su Duelli, su Duelli.


Infatti, non molto distante, fissato al muro, c'era un tabellone recante i nomi di ogni allievo in ordine alfabetico.
Quell'ordine tuttavia ben presto sarebbe mutato in corrispondenza dei punteggi ottenuti dopo ogni sfida.
Somigliava in tutto e per tutto ad una classifica come nella Lega Magica dei Duelli.
Cinque punti a chi vinceva per fuori dal ring nell'arco di un minuto.
Quattro punti a chi vinceva per fuori dal ring nell'arco di tre minuti.
Tre punti a chi vinceva per fuori dal ring oltre i tre minuti o per K.O. sul ring.
Due punti per chi perdeva per K.O. sul ring resistendo per almeno due minuti.
Un punto per chi perdeva per K.O. sul ring o per fuori dal ring resistendo almeno un minuto.
Zero punti per chi perdeva per K.O. sul ring o per fuori dal ring al di sotto del minuto.


Voglio proprio vedere quali saranno le prime cinque posizioni della classifica.
Perché? Oh beh, perché per le prime cinque posizioni ho in programma un premio extra davvero speciale.
E considerando che sono giusto un paio i veri professionisti in mezzo a voi, le altre tre posizioni sono piuttosto incerte.
Ad ogni modo la classifica conterà poco e niente con la nomina del miglior allievo, ve lo dico subito.
Vi servirà solo come diversivo interessante per mettere più pepe alle varie sfide.


In realtà la vera motivazione poteva essere anche un'altra e metteva in risalto la volontà di Ingwar di deludere meno apprendisti possibile.
Grazie a quella sorta di mini campionato, i duellanti premiati sarebbero stati cinque e non uno solo, se non addirittura sei, quindi quasi la metà dei presenti.
Una mossa astuta per non scontentare quasi nessuno e garantirsi buona pubblicità? Poteva pure essere, per carità.

Godetevi il pomeriggio, fatevi una bella dormita e svegliatevi con l'argento vivo nel sangue!

SECOND MATCH

Per stabilire gli effettivi miglioramenti di Ingrid nella Concentrazione, bisognerà effettuare CINQUE prove.

Il parametro di Caratteristica va sommato una sola volta.

Risultato finale compreso tra 11 e 21 ---> Bonus +1
Risultato finale compreso tra 22 e 54 ---> Bonus +2
Risultato finale compreso tra 55 e 70 ---> Bonus +3
Risultato finale compreso tra 71 e 92 ---> Bonus +4
Risultato finale da 93 in su ---> Bonus +5
Avatar utente
Ingwar
Turbine Elettrico
Turbine Elettrico
 
Grado: 10+
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 18/08/2019, 12:04

Data Utente Tipo Dado Risultato  
2021-03-18 22:27:16 Ingrid d20 16  
2021-03-18 22:26:52 Ingrid d20 12  
2021-03-18 22:26:48 Ingrid d20 16  
2021-03-18 22:26:45 Ingrid d20 15  
2021-03-18 22:26:36 Ingrid d20 18  
2021-01-28 16:11:39 Ingrid d20 18  
2021-01-28 16:11:16 Ingrid d20 11  
2021-01-28 16:07:47 Ingrid d20 19  
2021-01-28 16:07:40 Ingrid d20 12  
2021-01-28 16:07:26 Ingrid d20 14  
2021-01-28 16:07:11 Ingrid d20 16  
2021-01-28 15:58:40 Ingrid d20 11  
2021-01-28 15:58:15 Ingrid d20 7  
2021-01-28 15:57:43 Ingrid d20 13  
2021-01-28 15:55:11 Ingrid d20 4  
2021-01-28 15:54:45 Ingrid d20 10  
2021-01-28 15:54:28 Ingrid d20 12  
2021-01-28 15:29:59 Ingrid d20 14  
2021-01-28 15:29:52 Ingrid d20 9  
2021-01-28 15:29:38 Ingrid d20 7  
Precedente

 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite