1664 punti 1267 punti 1021 punti 1415 punti 1750 punti 1032 punti

Vicende da BG

Topic dove riportare in modo riassuntivo giocate tra personaggi che per diversi motivi vengono date da background

Messaggioda Kirie » 10/01/2020, 16:44

1) Nome del PG principale: Kirie
2) Nome dei PG coinvolti: Anko
3) Data dell'avvenimento: 17 Marzo 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Casa di Kirie, Colorado Springs
5) Trama dell'avvenimento: Ad una settimana circa dall'incontro con Itsuki, sei giorni dopo quello con Rebecca, Kirie riceve un'altra visita inaspettata, questa volta da una persona che non vedeva da tantissimo tempo. Quando il campanello della porta suona e lei va ad aprire, per qualche istante non riconosce Anko Minazuki, non avendola più vista praticamente da quando entrambe erano solo delle bambine. Ogni dubbio le viene fugato però dalla stessa Anko, che con molta solennità si inchina di fronte alla Kurosawa, chiamandola ojousama, "padroncina", e ponendo ai piedi della giovane donna orientale il proprio naginata. Prima che qualcuno possa vederla, facendosi strane idee, Kirie la fa entrare in casa, un po' imbarazzata dall'atteggiamento della Minazuki. La guerriera, fiera ed orgogliosa, non osa alzare lo sguardo sulla Kurosawa, accettando silenziosamente l'offerta di tè e aprendo bocca solo quando è Kirie stessa a chiederle come sta.
A quel punto la Minazuki non può fare a meno che raccontarle tutta la verità: le parla della sfida contro Itsuki, di aver perso, di essere stata cacciata da casa dopo aver perduto il proprio onore e delle ingiuste accuse che aveva rivolto alla stessa Kirie, quando credeva che la donna non volesse prendere il posto di sua madre per mancanza di responsabilità nei confronti dei propri doveri. Le dice anche che attualmente si è stabilita pianta stabile da Itsuki, pur odiando con tutta sé stessa vivere fianco a fianco con un Amakura, ma accetta il proprio destino e soprattutto di aver perso il diritto di essere lei la Guardiana Prescelta dei Kurosawa. Ciò non toglie però che il suo senso del dovere l'abbia spinta infine a presentarsi a lei, a fronte dell'aver saputo di un momento molto difficile che sta vivendo la stessa Nonomiya. Pur non potendo più arrogarsi alcun diritto, Anko chiede quindi di mettere ancora una volta il proprio naginata al servizio di Kurosawa-sama, promettendole solennemente di esserle sempre fedele, anche a costo di andare contro la propria famiglia.
Un po' frastornata da quel discorso da antico samurai, Kirie comprende quanto la stessa Anko si senta persa in un mondo che forse ha vissuto poco o niente. Pur non servendole un Guardiano, ella sente di voler aiutare la Minazuki magari a vedere in lei non una padrona, bensì un'amica. Ringrazia infinitamente la Minazuki della fedeltà che le ha dimostrato e non le rimprovera nulla dei pensieri avuti: sa bene che la sua scelta di non diventare Capofamiglia ha portato molto scompiglio fra coloro che gravitano intorno alla famiglia Kurosawa; purtroppo troppe cose non vanno bene in quella famiglia, prima fra tutte una madre snaturata come quella che ha concepito Kirie. Sentendo l'assoluta sincerità nel giuramento fattole dalla Minazuki, Kirie decide di concederle una possibilità, portandola a vedere Nabiki e spiegandole per sommi capi chi lei sia e come sia arrivata fin lì.
Nonostante il racconto sia di suo terribile e pieno di oscurità, Anko non esita a ribadire il concetto che per Kirie farebbe qualunque cosa, anche sacrificare sé stessa per proteggere lei o la sorella che al momento si trova addormentata nel letto. Che sia nata normalmente oppure attraverso un rituale, la Minazuki vuole essere d'aiuto alla sua ojousama, in quanto è l'unico metodo che conosce per potersi redimere dai peccati compiuti nei suoi confronti. Riuscire ad arginare il senso di lealtà e dovere della guerriera risulta piuttosto complesso a Kirie, che però trova forse una soluzione sia per sé stessa che per Anko. Dietro compenso -la Minazuki lo farebbe gratis, ma la Kurosawa insiste- Anko verrà lì ogni mattina puntuale alle sette, facendo da guardia alla sorella, tutti i giorni tranne il week-end, salvo indicazioni specifiche da parte della Nonomiya. Inoltre, visto che Itsuki è sempre ben accetto in quella casa, la MagiDottoressa invita anche la Minazuki a prendere parte ai loro pranzi del sabato, facendole piacere averla finalmente nella propria vita. Commossa da tanta bontà, Anko accetta, esibendosi in un altro profondo inchino e promettendole che non avrebbe perso di vista Nabiki nemmeno un secondo.
Questa soluzione pare accontentare un po' entrambe e magari, finalmente, riesce anche a far entrare un piccolo guadagno nelle tasche della squattrinata Minazuki.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Kirie
Terran delle Giungle
Terran delle Giungle
 
Grado: 10
 
Messaggi: 120
Iscritto il: 03/07/2016, 20:17

Messaggioda Rebecca » 07/02/2020, 22:56

1) Nome del PG principale: Rebecca
2) Nome dei PG coinvolti: Alarick
3) Data dell'avvenimento: 20 Marzo 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Covo Terran
5) Trama dell'avvenimento: La recente chiacchierata con Kirie Nonomiya ha fatto sorgere diversi dubbi all'Auditore. Bloccata a comprendere come possa una Semi Gildata diventare Gildata effettiva, ella cerca di capire se davvero i traumi infantili l'abbiano condotta a mantenere il suo Elemento statico e quasi nullo per tutto quel tempo, per sbloccarlo una volta superato ogni problema. Sperava di chiedere ogni cosa a Raiden la mezza italiana, ma il suo mentore e zio acquisito è assente da un po' in Gilda. Per sua fortuna, Rebecca vede passare di colpo Alarick in una delle sue passeggiate quotidiane e decide di cogliere la palla al balzo per chiedere direttamente a lui delucidazioni. Dopo aver bloccato il Consigliere Denisof e avergli chiesto la cortesia di affiancarlo nella sua passeggiata, la donna espone il suo problema, cercando di non fare né nomi né riferimenti alla persona su cui vuole delle spiegazioni. Dalle parole dell'uomo, sembra chiaro che Kirie stia nascondendo qualcosa ma è altrettanto chiaro che ciò che le è accaduto altro non è che un dono del Conflux. Per poter comprendere che cosa sia accaduto esattamente, Rebecca dovrebbe rivolgersi allo spirito della Terra, Windam, o eventualmente chiedere all'Uragano di intercedere per lei con lo spettro. Per nulla convinta che la sua curiosità valga di scomodare un'entità ed una personalità così importanti, l'Auditore si mette l'anima in pace e si convince che se la Nonomiya vorrà un giorno dirle la verità allora ella sarà pronta ad ascoltarla. Sembra che l'incontro fra Alarick e l'Auditore si sia concluso, ma una serie di altri piccoli eventi porta la donna a cascare letteralmente fra le braccia dell'uomo. Il Vento che la spinge verso commenti poco rispettosi sul Consigliere, la volontà di andarsene via prima di fare una gaffe e il non vedere l'albero di fronte rischiano di farla finire con il sedere per terra, se non fosse per la prontezza dell'uomo che la afferra prima che ella si faccia davvero male. Peccato che nel farlo, Alarick per sbaglio le tasta il seno, facendo nascere nella mezza italiana più di una fantasia con lui come protagonista. Dopo quell'incidente, che in ogni caso viene preso a scherzo da entrambi, finalmente Rebecca se ne va senza alcun incidente, ma con il Vento di nuovo molto e troppo in subbuglio.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Rebecca
Terran delle Foreste
Terran delle Foreste
 
Grado: 11
 
Messaggi: 168
Iscritto il: 25/01/2014, 22:41

Messaggioda Mei Ling » 19/04/2020, 23:04

1) Nome del PG principale: Mei Ling
2) Nome dei PG coinvolti: Logan
3) Data dell'avvenimento: 23 Aprile 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Caserma dei Vigilanti di Diagon Alley, Londra
5) Trama dell'avvenimento: I guai per Mei Ling Foster non sono affatto finiti dopo aver portato a termine e con successo il salvataggio delle due prigioniere e la cattura del pericoloso criminale Baek Doo Sun. Sembra anzi che l'aver accettato di aiutare Shuyun Muramasa abbia portato più casini che altro nella vita della mezza cinese, che adesso si deve ritrovare ad affrontare un problema molto serio e grande. Chiamata nell'ufficio del Vice Sceriffo Sykes, Logan chiede spiegazioni al Commissario sugli eventi che hanno portato lei e l'Agente O'Toole ad arrestare il pericoloso Mercenario Howarang. Mei Ling mente in maniera spudorata, sentendosi sempre più indegna di quel distintivo, ma spinta a farlo per proteggere le persone che hanno partecipato attivamente alla missione di salvataggio. Sa che se lei venisse scoperta anche gli altri lo sarebbero e per questo motivo cerca di sfruttare la fiducia che il Sykes nutre nei suoi confronti per dare credito alla sua storia. Il Vice sceriffo è uno dei pochi che le crede, ma altrettanto non si può dire dello Sceriffo, che invece sente puzza di imbroglio in tutta quella faccenda. Spinto dalle idee di alcuni colleghi invidiosi, infatti, il capo dei Vigilanti è convinto che la Foster abbia sfruttato le vecchie conoscenze criminali di Aidan O'Toole per giungere ad Howarang ed arrestarlo, così da poter ottenere ulteriore vantaggi per sé stessa, come una nuova brillante promozione. Mei Ling rimane completamente basita dalla notizie, colpita in maniera negativa da quella evidente prova di maschilismo all'interno del corpo dei Vigilanti, un gruppo che aveva sempre cercato di vedere come una seconda famiglia. Purtroppo le sorprese negative non si fermano certo lì; il Vice Sceriffo, infatti, aggiunge che ben presto la Commissione riunita per esaminare il suo comportamento la sottoporrà ad una prova specifica, il cui fallimento porterà all'immediato licenziamento sia suo che di O'Toole. La ragazza dovrà infatti catturare un pericoloso serial killer che da circa due anni ha ucciso almeno una ventina di persone, tutte giovani coppie. Il caso è di una difficoltà unica, scelto appositamente per affossare la Foster che ha solo due mesi di tempo per risolverlo. Mei Ling però non si lascia scoraggiare, non perché convinta di farcela, ma perché il suo orgoglio è stato calpestato nel momento sbagliato, quando cioè i suoi nervi sono altamente a fior di pelle. La mezza cinese è pronta ad accettare qualunque condizione, ma promette a sé stessa e al Sykes che se avesse risolto il caso sarebbe stata poi lei stessa a dare le dimissioni, schifata dal comportamento dei suoi colleghi e superiori. Logan cerca di farla ragionare, rassicurandola che se ce l'avesse fatta, nessuno avrebbe più osato mettere in dubbio le sue capacità, anche perché di ogni sua azione avrebbe risposto il Sykes stesso. Dopo averla un po' calmata, l'uomo la informa che nelle indagini verrà affiancata da un agente volontario, Phoenix Amarillo, vecchio amico della Foster. Infine, poco prima di congedarla, il Vice Sceriffo le fornisce il nome ed il numero di suo fratello, MagiPsicologo ma anche Profiler, che potrà dare alla mezza cinese qualche dritta su come risolvere un caso simile.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Mei Ling
Commissario della Vigilanza Magica
Commissario della Vigilanza Magica
 
Grado: 9
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 09/09/2017, 22:09

Messaggioda Nausicàa » 17/05/2020, 13:53

1) Nome del PG principale: Nausicàa
2) Nome dei PG coinvolti: Typhon
3) Data dell'avvenimento: 13 Maggio 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Istituto di MagiArcheologia, Cipro
5) Trama dell'avvenimento: Gli avvenimenti accaduti solo la sera prima hanno portato diversi sconvolgimenti nella vita della greca Patroklos. La sfida musicale di fine anno, fra il rappresentate della Cyprus Gérôme Lamarck e quello di Hogwarts Typhon Seal, ha visto salire sul palco anche un ospite inatteso come portavoce della Musashi. Itsuki Amakura ha voluto scegliere proprio quell'occasione per mantenere la parola data alla Danma, distruggendo completamente la sua barriera e riducendo il Ghiaccio secondo stadio di Fujiko, ad una misera affinità del 18%.
Tutte motivazioni queste che hanno spinto Nausicàa a rimandare l'ambito premio di una nottata di passione solo lei e Typhon... Salvo poi scoprire, l'indomani, che qualcosa era andato completamente storto. Pur avendo battuto entrambi i due sfidanti, il Seal è consapevole che il voto dato da Fujiko all'esibizione di Itsuki non è stato quello da lei veramente considerato. Rendendosi conto, dunque, di aver perso quella sfida, l'uomo è caduto nuovamente vittima della sua mancanza di certezze, uno stato d'animo che ha trovato impreparata la greca.
Incapace di comprendere il suo senso di competizione, Nausicàa si è ritrovata ad affrontare una spiacevole conversazione con Typhon, nella quale ogni suo tentativo di farlo ragionare e fargli tornare il buonumore è stato completamente annichilito dalla convinzione di non essere in realtà degno di vivere in quel mondo. L'incertezza data dalla sua stessa esistenza ha poi spinto infine l'uomo ad esprimere l'intenzione di separarsi dalla donna, giacché egli è consapevole di non poter tenere al proprio fianco una persona quando lui stesso si trova in quelle condizioni. A tali parole la rabbia e la delusione dell'Acuan dell'Acqua si fanno avanti, sotto forma di lacrime che non riescono proprio a concepire per quale motivo egli, dopo ciò che le ha detto solamente una settimana prima, possa decidere di rinunciare a lei. Pur non avendo lei mai espresso alcun desiderio di separarsi da lui, l'Uragano invita la Patroklos a riflettere con attenzione su ciò che vuole fare esattamente, pregandola di non considerare le sue parole come una spinta a decidere di stargli accanto.
Decisamente alterata da quella conversazione, Nausicàa decide di chiudere lì ogni confronto, andandosene via più che ferita che mai, con l'Acqua che esprime le proprie incertezze sul futuro e su ciò che sarebbe potuto essere il loro stare insieme.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Nausicàa
Acuan dei Fiumi
Acuan dei Fiumi
 
Grado: 11
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 15/01/2018, 23:33

Messaggioda Kirie » 17/05/2020, 21:34

1) Nome del PG principale: Kirie
2) Nome dei PG coinvolti: Itsuki
3) Data dell'avvenimento: 31 Maggio 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Casa di Itsuki Amakura, Baton Rouge (Louisiana)
5) Trama dell'avvenimento: Ha spedito da circa quattro giorni la lettera ad Hank Muscle, quando infine giunge la sua risposta il 31 Maggio. Quella stessa sera, Kirie decide di rendere partecipe il cugino della sua decisione di lasciare il compagno, spiegandogli brevemente il contenuto della sua missiva. Sondando il suo spirito è evidente quanto la Nonomiya stia male, anche a causa dei sentimenti latenti che ancora sono presenti in lei per Hank. Nonostante giorni prima avesse preso la decisione di confessare quanto prima possibile ad Itsuki il suo interesse per lui, quel nuovo risvolto frena quasi del tutto la giovane donna orientale, facendole infine fare retromarcia, almeno fino a quando il suo cuore non fosse stato completamente libero dai sentimenti per il Muscle. Una forma di rispetto che sente di dovergli, contrastando la tentazione di ottenere subito l'Amakura. Durante la serata, in ogni caso, Kirie lo mette al corrente anche di diverse questioni a cui ha pensato con attenzione, prendendo le sue decisioni. La prima è quella di voler diventare lei la Capofamiglia Kurosawa; per farlo, però, la Nonomiya vorrebbe trascorrere i mesi estivi vicinissima alla nonna di Itsuki, così da velocizzare la sua capacità di sfruttare il proprio dono. Questo garantirà alla sua nomina una validità maggiore, ma per farlo Kirie spera di contare sull'ospitalità dei genitori di Itsuki e sulla presenza di Anko nella propria vita. Solo in questo modo ella si sentirà sicura di poter affrontare un percorso del genere e, al tempo stesso, di avere qualcuno che sia sempre vicino a sua sorella quando si sveglierà. È l'Amakura a rassicurarla che c'è la possibilità di occupare la casa del migliore amico, magari proprio insieme alla Minazuki, mentre il Danma si sarebbe trasferito per qualche mese in America, a casa sua. Una notizia bella per Kirie, le cui incertezze per il futuro sono davvero tante, come ad esempio il lavoro -che è sicura dovrà lasciare- e la casa. Dopo quel tentativo di rapimento, la Kurosawa comprende che non potrà più tenere la casa che le aveva lasciato in eredità suo zio. Al tempo stesso però si prospettano tempi bui economicamente e questo significa per lei che la vendita della casa possa farle mettere da parte un po' di galeoni, da sfruttare fino a quando non avesse trovato qualcos'altro. Un pensiero che Itsuki appoggia, ma che il cuore della giovane donna piange, per via del profondo legame che la lega ad essa.
Tutto questo e molto altro la spingono infine a cedere alle lacrime, stringendosi a suo cugino per avere un po' di conforto. In quel frangente, infine, è Itsuki a confessarle di aver lasciato il proprio lavoro, facendo sorgere nella Nonomiya una reazione di immediato stupore. Tuttavia, alle sue domande preoccupate, l'Amakura risponde con sicura spavalderia, invitando infine la giovane donna a mangiare fuori, per distrarsi un po' e magari mettere da parte un bel po' di lacrime.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Kirie
Terran delle Giungle
Terran delle Giungle
 
Grado: 10
 
Messaggi: 120
Iscritto il: 03/07/2016, 20:17

Messaggioda Mei Ling » 10/06/2020, 21:30

1) Nome del PG principale: Mei Ling
2) Nome dei PG coinvolti: Shuyun
3) Data dell'avvenimento: 26 Maggio 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Casa di Mei Ling Foster, Diagon Alley
5) Trama dell'avvenimento: A circa un mese da quando Mei Ling è stata Benedetta dal Conflux con l'Elemento Fuoco e Vento, la mezza cinese riceve la visita del neo ritrovato parente Shuyun. Il Muramasa è giunto a lei con l'intento di rispondere alle domande inerenti la spada che ella sentiva possederla, ma grazie al suo spirito in totale armonia e fusione con il Fulmine, comprende che quelle risposte Mei Ling le conosce già. È lei dunque a dare spiegazioni al Muramasa, raccontandogli ogni cosa di fronte ad un bicchiere di latte e ad un po' di frutta. La situazione per lei non è delle migliori, ma riesce a dedicare all'uomo un po' del suo tempo, anche perché volenterosa di sapere come stessero le persone coinvolte nel salvataggio delle prigioniere di Baek. Pur parlando quindi di Lan Xia, di Anko e di Kisuke, il Sagitta non nomina però Melia Herbert, argomento che per il momento anche la Foster mette da parte, concentrandosi invece sulle sue curiosità inerenti l'Equilibrio e le Gilde. Attraverso queste semplici chiacchiere, Shuyun rivela a Mei Ling che le persone di cui lei è circondata (Logan, come Aidan, come anche Itsuki e Phoenix) sono tutti Gildati o Semi Gildati, persone alle quali dunque lei può fare affidamento e riferimento per qualunque tipo di dubbio o confronto. Inoltre, il Muramasa le spiega anche in che modo cercare di legarsi quanto più possibile ai suoi due elementi, così da imparare a controllarli senza che essi possano controllare lei. Una gran seccatura in un momento come quello, ma la Foster ha accettato l'incarico che le sue antenate le hanno affidato, mettendo da parte i problemi al lavoro per concentrarsi invece sulla promessa fatte alle due donne. L'argomento Herbert, solo rimandato, viene ripreso però dalla Vigilante, che chiede maggiori spiegazioni a Shuyun sia su cosa ci facesse lì, sia sé stesse bene. Il Magi Investigatore cerca di mettere in guardia la cugina dal cercare risposte direttamente da Melia, facendole intendere che la modella non è una donzella in pericolo, bensì una persona dalla quale era meglio stare alla larga perché lei stessa un pericolo per gli altri. Pur sconcertata da quella risposta, Mei Ling non riesce a mettere da parte i buoni sentimenti verso di lei, accecata come molti dalla sua innegabile bellezza e dal suo fascino. Cerca in tutti i modi un appiglio, ma sa anche bene che quell'appiglio, al momento non c'è e si fida abbastanza dell'uomo da non prendere sotto gamba i suoi consigli. Chiede solo, per ultimo, che tipo di torture abbia subito all'interno del covo di Baek e se sarà in grado di riprendersi da esse, ricevendo tutto sommato una risposta positiva, o almeno così la vede la mezza cinese. La chiacchierata, dopo quell'ultimo argomento, giunge al termine, ma prima che l'uomo se ne vada del tutto, da un ultimo consiglio alla cugina nei guai, inerente al caso che sta seguendo. Un consiglio su cui Mei Ling rifletterà molto e a lungo, sentendolo sempre più affine al Fuoco e al Vento che dimorano dentro il suo spirito.
6) Stralcio della vicenda:

"... Certi individui si possono incastrare solo facendo creder loro di essere stati incastrati a nostra volta. Se speri di rintracciarlo seguendo solo delle tracce, arriverai a lui, ma non molto presto."
Avatar utente
Mei Ling
Commissario della Vigilanza Magica
Commissario della Vigilanza Magica
 
Grado: 9
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 09/09/2017, 22:09

Data Utente Tipo Dado Risultato  
Precedente

 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron