1664 punti 1267 punti 1021 punti 1415 punti 1750 punti 1032 punti

Vicende da BG

Topic dove riportare in modo riassuntivo giocate tra personaggi che per diversi motivi vengono date da background

Messaggioda Beatriz » 04/07/2018, 17:49

1) Nome del PG principale: Beatriz
2) Nome dei PG coinvolti: Carlyle
3) Data dell'avvenimento: 04 Febbraio 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Studio privato di Carlyle Jung, Berna
5) Trama dell'avvenimento: Nonostante vi sia fermento fra le file dell'Avanguardia per sistemare ogni minimo dettaglio di quella nuova resistenza, Beatriz non dimentica le ultime parole che la ha rivolto Chandra prima di morire ed è ben decisa a scoprire la verità sulla propria famiglia. Si rivolge all'unica persona competente alla quale sente di poter affidare quel caso, il collega Carlyle Jung, membro della Task Force e famoso investigatore privato. La Schatuffen quindi si presenta nel suo studio, prendendosi una pausa di un giorno dall'Avanguardia, e parlando all'uomo della sua situazione e di quello che vuole sapere. Il Magi Investigatore la mette in guardia però sull'ingente spesa che comporterebbe assumerlo, ovvero una quarantina di galeoni a settimana. Cifra non certo piccola, che imporrà all'ex-Sicaria di far presente ad Emmett di quella spesa, ma necessaria al fine di sapere la verità. Non volendo rivolgersi a nessun'altro, Beatriz accetta, ottenendo da parte di Lyle la possibilità di sottoscrivere un contratto che dura solo quattro mesi, al termine del quale sarà libera di dirgli se continuare o meno qualora non fosse riuscito a trovare nulla. Una volta accettata quella proposta e firmato il contratto, la mezza dominicana consegna al Jung il suo nuovo indirizzo, dove potrà trovarla per informala dell'avanzamento delle indagini. Sembra che non ci sia niente altro da aggiungere, ma poco prima di andarsene la donna mulatta chiede a Lyle come stia il Maggiore Yusuf. Ricevuta risposta, lo ringrazia per quello che sta facendo per lei, sparendo poi dietro la porta chiusa.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Beatriz
Avanguardia
Avanguardia
 
Grado: 12
 
Messaggi: 105
Iscritto il: 15/10/2014, 15:47

Messaggioda Aidan » 13/07/2018, 1:20

1) Nome del PG principale: Aidan
2) Nome dei PG coinvolti: Mei Ling
3) Data dell'avvenimento: 03 Gennaio 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Caserma dei Vigilanti Inglese
5) Trama dell'avvenimento: Dopo diversi giorni trascorsi a rimuginare sull'ipotesi di ingresso nella Vigilanza Magica e ragionando sul pericolo possibilmente creato dalla Setta in merito a quella decisione, alla fine Aidan O'Toole decide di fregarsene e porta il proprio curriculum allo Sceriffo in carica della stessa Caserma dove lavora Mei Ling Foster, sua cotta presa durante il periodo natalizio. Ha già svolto lavori legali, per così dire, come il Pubblico Ministero, quindi non si preoccupa dell'eventualità che la Setta gli rompa le scatole. È al momento troppo interessata alle sue donazioni di sangue spontanee per andargli a fare storie sul suo lavoro, a costo di rimetterci qualche possibile seguace facente parte della malavita magica. Ovviamente, essendo la sua preparazione a dir poco eccellente ed avendo ottenuto una buona parola da parte del Neo Commissario, Aidan viene assunto nel giro di un paio di giorni con obbligo di inizio servizio immediatamente dopo l'Epifania, ovvero dal 07/01. La sua carica, come Vigilante Scientifico, ha lo stesso valore gerarchico di un Ispettore, ma con meno privilegi se non l'obbligo di rispetto ed esecuzione degli ordini da parte degli Agenti semplici. Lo stesso giorno di inizio di servizio gli viene comunicato che Mei Ling lo ha scelto come partner fisso e di fiducia sul campo dal punto di vista scientifico, questo vuol dire che la seguirà sempre nelle indagini e nelle ricerche sui casi con priorità assoluta. L'adesione ai Vigilanti però non lo ferma dal continuare a praticare la boxe come sport costante e lo Sceriffo per altro lo obbliga a continuare la carriera di Duellante, considerando che lui come Vigilante è meno attivo sul campo e una palestra magica obbligatoria come il Duello può essergli solo di aiuto nel supporto di emergenza agli altri Vigilanti e chiaramente alla sua partner, il Commissario Foster.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Aidan
Acuan Geyser
Acuan Geyser
 
Grado: 13+
 
Messaggi: 68
Iscritto il: 05/10/2015, 17:29

Messaggioda Emmett » 06/09/2018, 16:48

1) Nome del PG principale: Emmett
2) Nome dei PG coinvolti: Tiffany
3) Data dell'avvenimento: 07 Marzo 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Ristorante Giapponese "Orochi"
5) Trama dell'avvenimento: Come ringraziamento per il prezioso aiuto ricevuto dalla propria Commercialista, Emmett la porta in un ristorante giapponese piuttosto chic nel quartiere medio-alto della città, ben specificando che non si tratti di un appuntamento galante, così da rassicurare la mora.
Pur non essendo ancora ai livelli di abitudine trascorsa da Tiffany, indubbiamente l'ambiente è grazioso e moderatamente elegante.
Durante la cena, Sly le chiede di raccontare qualcosa di lei, anche poche pillole, in modo da avere un quadro maggiore della vita trascorsa dalla dipendente fenomenale in economia e finanza, aspettando che nel caso sia la Talbot a parlare sulla questione del padre. Di seguito, si fa anche esporre alcune idee su possibili campagne di raccolta fondi, spiegandole che per altro forse sarebbe anche possibile una collaborazione da parte di una famiglia aristocratica europea, quella di Scarlet Nygaard. Per finire le chiede come si stia trovando nella propria nuova abitazione e se i bilanci e i conteggi siano tutti in regola senza problematiche. Per il dessert invece decide di portarla in una nota pasticceria del centro cittadino, famosa per la lavorazione del cioccolato e la creazione di vere e proprie opere d'arte. Finita la serata, Sly la accompagna a casa e una volta rientrato alla propria, inevitabilmente sprofonda per i soliti minuti pre sonno in uno stato depressivo malinconico, sentendo sempre più fastidioso il peso degli accadimenti trascorsi.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Emmett
Ex Mangiamorte
Ex Mangiamorte
 
Grado: 11
 
Messaggi: 74
Iscritto il: 04/08/2015, 20:07

Messaggioda Martha » 21/11/2018, 18:20

1) Nome del PG principale: Martha
2) Nome dei PG coinvolti: Robyn
3) Data dell'avvenimento: 30 Gennaio 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Hogwarts
5) Trama dell'avvenimento: Dopo aver ceduto alla tentazione di andare a letto con Robyn, Martha -smaltita la droga- si rende conto di quello che ha fatto e decide di mettere un muro fra lei ed il Laars che sia definitivo. Gli scrive quindi una lettera dove gli chiede scusa per quella decisione, ma per ragioni che spera egli possa comprendere la donna preferisce non vederlo, non sentirlo e nemmeno leggere una sua risposta. Gli chiede quindi la cortesia di non rispondere alla sua missiva e declina definitivamente l'offerta di tenere quel seminario al Ministero, non sentendosi più nella condizione di poter portare avanti un progetto simile.
Una volta spedita la lettera, passano esattamente cinque giorni, giorni di inferno per la signora Cartwright, che non si decide a dire la verità al marito per timore delle conseguenze. Quell'esperienza ha mandato in pezzi la sua integrità morale, ma è pronta a sostenere il peso del senso di colpa se, d'ora in poi, ella smetterà di cadere in errore e si comporterà come una moglie fedele. Peccato che l'ultimo giorno di Gennaio -Venerdì- Robyn si presenta a scuola per quello che egli reputa essere un innocente saluto agli zii suoi parenti. I due si incrociano in uno dei tanti corridoi di Hogwarts, accidentalmente pare, ma Martha non sembra affatto credere a quella casualità. Non potendo però permettersi di parlare apertamente con il Laars, la pozionista si limita a mantenere un atteggiamento gelido e distaccato, celando il desiderio fortissimo che le provoca stare vicino all'Aberrazione.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Martha
Acuan Precettore
Acuan Precettore
 
Grado: 10
 
Messaggi: 272
Iscritto il: 03/03/2012, 1:35

Messaggioda Kelly » 21/02/2019, 17:29

1) Nome del PG principale: Kelly
2) Nome dei PG coinvolti: Evan
3) Data dell'avvenimento: 20 Febbraio 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Ordino, Principato di Andorra
5) Trama dell'avvenimento: La Festa degli Innamorati passa senza che la Everett riesca a vedere il suo fidanzato, ormai più simile ad un fantasma che ad un essere umano in carne ed ossa. La sua capacità di svanire per lunghi periodi ha decisamente stancato l'apprendista giurista, che prende dunque la difficile decisione di affrontare faccia a faccia i loro problemi di coppia. Comunicandogli di doverlo vedere con urgenza per parlare, il Chambers riesce a ritagliarsi finalmente un buco libero per lei, ritrovandosi ad affrontare una Everett piuttosto amareggiata e delusa. Tutte le promesse andate a vuoto, la distanza fra di loro, il fatto stesso che Evan non riesca a guardarla con gli stessi occhi di un tempo porta i due fidanzati a decidere di porre uno stop definitivo alla loro relazione. Sebbene la chiacchierata si sia conclusa con toni piuttosto pacati, la delusione profonda e la tristezza provate da Kelly non portano affatto ad uno stato d'animo sereno e tranquillo. La sera stessa della rottura rifiuta di affrontare il dolore che le provoca l'assenza di Evan. I suoi oggetti, le sue cose personali -rimaste lì- rendono la bionda ancora più decisa a non volere, per un bel po' di tempo, un altro fidanzato nella propria vita. Nascondendo anche a sé stessa il proprio malessere, Kelly va a dormire, non riuscendo però a chiudere occhio per via dei pensieri che le sconvolgono la mente. Consapevole di doversi riabituare dopo tanto tempo a stare da sola, si chiede se non abbia fatto un enorme sbaglio a lasciare che la loro relazione si concludesse così. Ma dopo aver avuto conferma che il Chambers non riesce ad accettare il suo nuovo aspetto, comprende di non poter stare con una persona che non la vuole al livello fisico, chiudendo finalmente gli occhi per lasciarsi scivolare nel sonno.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Kelly
Praticante Giuridico
Praticante Giuridico
 
Grado: 8
 
Messaggi: 95
Iscritto il: 08/10/2014, 21:09

Messaggioda Scarlet » 04/10/2019, 21:51

1) Nome del PG principale: Scarlet
2) Nome dei PG coinvolti: Tybalt
3) Data dell'avvenimento: 13 Marzo 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Magione Nygaard, Zurigo (Svizzera)
5) Trama dell'avvenimento: Le ore di sonno sembrano non bastare mai quando si è stanchi, eppure Scarlet, dopo la notte di sesso con Dre, si sveglia piuttosto precocemente, in preda ad un'adrenalina molto forte. La Rinnegata vorrebbe donare al suo amato un'affinità maggiore con il Fuoco, come regalo indelebile che egli porterà con sé per tutta la vita. Tuttavia, i suoi tentativi di concentrazione le fanno comprendere che ella ha bisogno di un aiuto da parte di un Druido esperto per innalzare l'elemento statico di un Gildato. Una cosa fattibile, ma che richiede un po' di tempo ed esercizio, che ella, in poche ore, non può ottenere. Prima di rientrare nella propria camera verso le sette del mattino, chiede quindi al Mercenario di incontrarsi nella depandance della Magione, poco dopo che egli si è congedato con i suoi genitori. Una volta arrivato lì, Scarlet gli spiega che il suo regalo è qualcosa che verrà, ma non adesso, avendo bisogno di tempo per poterlo donare. Nonostante le domande del Kingston, però, la Nygaard non ha alcuna intenzione di dire altro, né di rivelargli quale sia questo dono che richiede del tempo prima di poter essere dato. Con la promessa quindi di rivedersi presto, Scarlet saluta ancora una volta l'amore segreto della sua vita, sfiorandogli le morbide labbra con un bacio quasi impacciato, sentendo il cuore stringersi al pensiero di dirgli addio. <Non osare dimenticarmi, bifolco.> queste le ultime parole che gli rivolge, l'ultimo ordine, l'ultimo insulto, l'ultima sfiammata di passione, prima di lasciarlo andare del tutto e ritornare nelle proprie stanze. Una volta lì, nonostante la malinconia, la Rossa riflette su chi possa essere un insegnante degno di aiutarla in poco tempo a raggiungere il proprio scopo. Mettendo, momentaneamente in lista, il nome del proprio stesso fratello.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Scarlet
Druida Giovane Rinnegata
 
Grado: 9
 
Messaggi: 43
Iscritto il: 09/12/2017, 21:17

Messaggioda Kenneth » 07/01/2020, 0:12

1) Nome del PG principale: Kenneth
2) Nome dei PG coinvolti: Ingrid, Buffy
3) Data dell'avvenimento: 08 Aprile 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Castello di Hogwarts
5) Trama dell'avvenimento: Kenneth, su suggerimento dato per scherzo da un compagno di Casata, Neil Bartowski, decide di impelagarsi in una vera ed autentica pazzia: rimettere a posto tutto l'archivio pozionistico scolastico, in modo tale da attirare l'attenzione della docente di Pozioni Martha Cartwright e spingerla a considerare maggiormente la sua candidatura ad Assistente. Per fare questo però, ha bisogno di un lasciapassare fornito da un Prefetto che si prenda anche la responsabilità nel caso in cui il Corvonero combini qualche guaio, visto che l'archivio da sistemare si trova nel Settore Proibito della Biblioteca. Unica scelta possibile per lui è interpellare Ingrid Brouwer, la quale fortunatamente non fa chissà quante storie ma ottiene in cambio del favore un provino nel coro da parte del ragazzo. La Serpeverde si prende un po' gioco maliziosamente di lui, ma la vittima è davvero un bel po' imbranata e "pura" per accorgersene, tanto che quando gli viene richiesto un bacio premio, va spedito a baciarle la guancia senza pensarci due volte. Terminato quell'accordo finito positivamente, Kenneth incrocia nel corridoio Buffy Halliwell, uscente dai bagni. Durante l'ora di pranzo, immerso nei suoi pensieri e con l'occhio perso in un punto imprecisato, era stato accusato di stare fissando invece il sedere della Grifondoro scatenando, oltre all'ilarità di molti presenti, l'indignazione della bionda violenta. Per questo, pur temendo conseguenze infauste, tenta di avere un dialogo con lei, causando però solo un peggioramento della situazione. Usando infatti delle parole sbagliate ed equivoche, Kenneth fa capire a Buffy che i pensieri svolti in Sala Grande fossero proprio sul suo sedere, ricevendo a sorpresa un grosso cazzotto diretto al viso, che gli rompe il naso. Tra una copiosa fuoriuscita di sangue e qualche lacrima di dolore, il Corvonero prova a riparare il danno fatto cercando di spiegarsi meglio, ma la ragazza all'apparenza sembra non convincersi più di tanto. Se non altro riesce a conquistarsi di essere lasciato in pace senza ulteriori ripercussioni sulle parti basse, precedentemente annunciate dalla giovane dal destro facile. Rimasto da solo, si sposta infine dentro l'infermeria dove spiegherà semplicemente di essere inciampato ed aver dato una violenta facciata su un sasso nei pressi del Lago Nero.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Kenneth
Studente
Studente
 
Grado: 8
 
Messaggi: 9
Iscritto il: 06/10/2019, 21:42

Messaggioda Kirie » 10/01/2020, 15:04

1) Nome del PG principale: Kirie
2) Nome dei PG coinvolti: Hank
3) Data dell'avvenimento: 04 Marzo 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Caserma dei Vigilanti di Denver -> Casa di Kirie, Colorado Springs
5) Trama dell'avvenimento: Il mattino seguente alla nascita della sorella Nabiki, Kirie sa di dover adempiere ai suoi doveri e di doversi recare al lavoro. È consapevole che una volta lì dovrà affrontare il suo compagno, Hank Muscle e spiegargli ogni cosa, ma non del tempo che è trascorso, in quanto i ricordi sono molto vaghi e confusi. Non potendo tergiversare, pur sentendo un groppo alla gola al pensiero di lasciare da sola sua sorella, la Nonomiya si smaterializza come suo solito all'interno della Caserma, attirando quasi immediatamente l'attenzione di tutti i presenti. Dai loro sguardi, la giovane donna comprende che tutti si erano preoccupati per lei, il primo fra tutti Hank, che con un solo sguardo manda via tutti quanti, col chiaro intento di rimanere da solo con Kirie e parlare. La MagiDottoressa lo segue nel suo ufficio, ma una volta lì decide di rimandare le chiacchiere a quella sera stessa, nella propria abitazione. Ciò che ha da raccontargli non è cosa da fare sul posto di lavoro e l'unica domanda che il Muscle le rivolge è il voler sapere se sta bene e se c'è qualcuno che deve arrestare.
Dopo averlo rassicurato su entrambi i fronti, la Nonomiya ritorna al lavoro, mantenendo un distacco molto forte nei confronti del compagno. Non riesce a mostrarsi felice di vederlo, pur sentendolo dentro, per via di quello che ha combinato sotto l'influenza della Farfalla Purpurea. Il tutto però deve attendere ed il confronto non avverrà se non dopo diverse ore, quando ormai è sera. Kirie ed Hank si trovano nell'abitazione della Kurosawa, dove lei gli offre un té prima di iniziare il suo discorso chiedendogli scusa. Raccontare tutto quanto risulta difficile per Kirie, ma grazie alla Terra la giovane donna riesce a non perdersi in lacrime, risultando forse fin troppo composta agli occhi di un uomo che deve assorbire diversi colpi diretti allo stomaco ed al cuore. In ultimo, dopo avergli raccontato ogni cosa, la Nonomiya va a prendere sua sorella, ancora una piccola neonata, sebbene già cresciuta, mostrandola ad Hank e mostrandosi con un attaccamento già molto forte nei confronti di Nabiki. L'influenza della sorella inizia fin da subito, alimentando la parte più oscura di Kirie, che di fronte alla durezza e all'inflessibile senso di giustizia di Hank riesce solo a percepire la sua distanza e l'ostilità nei confronti della piccola Nabiki. Tutto questo non fa altro che generare un senso di contrasto nei confronti dell'uomo, che culmina infine nel mostrare l'alterigia e l'orgoglio di una Kurosawa. Pur sentendo il bisogno di averlo vicino, pur amandolo, pur struggendosi, Kirie cerca di resistere alla voglia impellente di piangere, lasciandosi sostenere da una Terra forse fin troppo forte per lei. Tutto ciò non fa altro che allontanare ancora di più il Muscle, il quale dopo aver avuto conferma da parte della MagiDottoressa di aver desiderato troppo la nascita della sorella per soppesare meglio le conseguenze di una resurrezione contro natura, sceglie arbitrariamente di starle lontano, con un grosso rimpianto e dolore che rispecchia quello della Nonomiya, al momento però troppo focalizzata nel dimostrarsi forte, per accorgersi che è proprio la sua dolcezza ciò di cui l'uomo ha bisogno in quel momento.
L'incontro si conclude con un saluto, che mantiene la linea dura sia dell'uno che dell'altro. Ma una volta sola, Kirie scoppia a piangere, stringendo forte al petto la sorella addormentata, consapevole di essere rimasta sola e sofferente per aver perso l'uomo che amava.
6) Stralcio della vicenda:

Kirie, ci sono cose che non riesco a tollerare facilmente, una fra queste è senza dubbio l'ergersi a giudici per un egoismo personale. Normalmente avrei valutato questioni simili come errori nei quali possa capitare di incorrere, concessi a chiunque... Ma qui si sta parlando di una resurrezione, di una scelta personale a fronte di molteplici peccati che hanno inevitabilmente ferito la persona che ti è accanto...
.. Non è tanto il problema del sapere se riuscirò o meno a superare il fastidio per i tradimenti da te commessi, perché so che potrei anche farcela con un po' di fatica e pazienza... Più che altro non so se è una persona che ha agito come hai fatto tu che mi sento di avere vicino, nella vita, nel futuro, ora anche accompagnata da una sorella che mi ricorderà sempre questo tuo gesto, questo tuo pensiero, questo tuo impulso...


... Non ti sto chiedendo di rimanere al mio fianco, a sopportare il penso delle mie scelte.
Sono venuta da te consapevole di non poter pretendere nulla...
Nabiki è stata una mia scelta, una mia responsabilità, una mia colpa...
... E sarò solo io a portarne il peso, io e nessun altro.
... Per tutto ciò che è successo, sono pronta ad addossarmi le colpe e le conseguenze di ciò che ho fatto.


Apprezzo che tu sia pronta ad affrontare le conseguenze delle tue azioni.
È importante, perché denota un carattere deciso, ma ciò non può escludere l'errore a monte. Un criminale resterà ugualmente tale, pur ammettendo di essere pronto ad affrontare il giudizio della legge. Al massimo potrà ricevere uno sconto sulla pena.
... Per ora non ho idea di quali siano queste conseguenze, è tutto molto confuso, sono io ad esserlo, perché si confronta il cuore con la ragione.
Tutto ciò che posso suggerire è un momentaneo allontanamento, così da fare chiarezza, una chiarezza che forse sarebbe utile anche per te...
... Chiederò un trasferimento momentaneo verso un'altra caserma, in questo modo sarà più semplice per entrambi affrontare questo periodo incerto.
Sei d'accordo?


Sarebbe più giusto se fossi io ad andare via... Ma se ciò non dovesse essere possibile... D'accordo.

Se tu ti allontanassi, potresti perdere il posto... Io posso chiedere qualche favore a degli amici in altre caserme nel chiedere un mio supporto periodico e non correrei alcun rischio, vista la mia carica. Inoltre, la tua efficienza professionale non ha nulla a che vedere con questa storia...
Buona notte, Kirie.


Buonanotte Hank-san.
Avatar utente
Kirie
Terran delle Giungle
Terran delle Giungle
 
Grado: 10
 
Messaggi: 115
Iscritto il: 03/07/2016, 20:17

Messaggioda Kirie » 10/01/2020, 15:55

1) Nome del PG principale: Kirie
2) Nome dei PG coinvolti: Itsuki
3) Data dell'avvenimento: 10 Marzo 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Casa di Kirie, Colorado Springs
5) Trama dell'avvenimento: I giorni passano, ma la consapevolezza di non poter affrontare tutto quanto da sola spinge Kirie a chiedere aiuto all'altra persona di cui si fida ciecamente. Dopo aver mandato un messaggio ad Itsuki, nel quale gli chiede di presentarsi a casa sua per parlare di una questione urgente, la Nonomiya si prepara mentalmente al discorso che dovrà fare al cugino. È un po' arrabbiata con lui perché ha sacrificato cinque anni della sua vita per lei, ma anche riconoscente e prova un forte senso di colpa, a fronte della chiacchierata avuta con Hank, che l'ha fatta riflettere nei momenti più cupi e solitari. Sa di aver combinato un grosso guaio ma sa anche che non avrebbe potuto fare altrimenti, non dopo aver sentito la sofferenza di sua sorella, non dopo la promessa che aveva infranto. L'arrivo dell'Amakura viene accolto bene dalla Nonomiya, che lo invita sempre a condividere una tazza di té insieme. Nemmeno fa in tempo a dargli il benvenuto che l'Ignis si accorge subito della Terra rigogliosa nel suo spirito, comprendendo dunque che Yuzuruha è finalmente intervenuta per salvare Kirie.
Dopo una simile premessa, la Nonomiya non perde altro tempo e spiega nei dettagli quanto è successo, finendo però per dimostrare apertamente col cugino la propria debolezza e sfinimento. Piange per tutto quello che è successo, per l'abbandono di Hank, per i sensi di colpa, per avergli tolto cinque preziosi anni di vita, scoppiando finalmente dopo aver cercato di mantenere sé stessa integra. Il calore di Itsuki, però, il suo affetto e la sua capacità di essere per lei forte, vedendola in quel momento più debole, lo spinge a soccorrere la cugina, aiutandola a spezzare delle lance in favore di sé stessa e del proprio operato. Ciò che ha fatto è stato un errore, ma un errore dettato comunque dal suo buon cuore e dal desiderio di non far soffrire più sua sorella. Rincuorata dalle parole dell'Amakura, la Nonomiya gli confessa anche del sacrificio fatto da lei stessa per permettere a Nabiki di ottenere le conoscenze basilari per poter vivere nel loro mondo. Oltre a ciò, gli rivela della maledizione di cui teme di essere affetta, sebbene non ne conosca ancora gli effetti. Itsuki l'aiuta a capire che non c'è bisogno di contrastare la corruzione, ma di accettarla per tenerla meglio sotto il proprio controllo; inoltre le suggerisce di recarsi in qualche tempio di monaci della Trama, capaci sicuramente di individuare qualunque maledizione ci sia in lei e forse anche di saperla debellare. Rincuorata ancora una volta dalle sue parole, il sorriso torna sulle labbra della bella Kurosawa, che chiede apertamente all'Amakura di non abbandonarla in quel momento difficile, avendo bisogno di qualcuno vicino ora più che mai. Sa di aver smarrito la strada, si rende conto di non poter chiedere al Muscle un simile sacrificio, ma è conscia che Itsuki potrebbe starle vicino senza essere colpito dagli eventi negativi nella storia e nella vita di Kirie. Che grazie alla sua presenza, per un po' riesce a non sentirsi troppo sola.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Kirie
Terran delle Giungle
Terran delle Giungle
 
Grado: 10
 
Messaggi: 115
Iscritto il: 03/07/2016, 20:17

Messaggioda Kirie » 10/01/2020, 16:10

1) Nome del PG principale: Kirie
2) Nome dei PG coinvolti: Rebecca
3) Data dell'avvenimento: 11 Marzo 2114
4) Luogo dell'avvenimento: Casa di Kirie, Colorado Springs
5) Trama dell'avvenimento: Non c'è mai pace nella vita della Nonomiya, a poca distanza da eventi traumatici e difficili da superare. Quando Rebecca bussa alla sua porta, la giovane donna non comprende il motivo della sua visita, sebbene lo stupore della mezza italiana nel ritrovarsi di fronte l'amica di J.D. la porta a pensare che lo stesso medesimo pensiero sia accaduto a lei. L'Auditore la saluta con un tono di voce molto sorpreso, chiedendole se può entrare in quanto è venuta ad assolvere un compito per la Gilda Terran. Il compito in questione è gildare Kirie stessa, delega che le è stata lasciata dalla Sempreverde in persona. Si aspettava di trovare un nuovo gildato, non una Semi-Gildata che ha ricevuto per qualche strano motivo il dono di un elemento dinamico. Comprendendo di non poter nascondere per troppo la verità, la Nonomiya la invita a sedersi, a condividere con lei del té e a spiegargli per sommi capi -senza citare la nascita di Nabiki- che cosa le sia successo. Omettendo tutto il discorso sulla Farfalla, la Kurosawa mette al corrente l'Auditore di aver scoperto che il proprio elemento era stato trattenuto e sigillato per via di alcuni eventi traumatici che aveva vissuto da bambina. Un viaggio spirituale interiore le aveva permesso di recuperare quello che credeva non fosse mai esistito, un dono che non pensava di meritare. Il suo racconto è talmente carico di viva emozione e gratitudine che l'Auditore non sembra particolarmente sospettosa nei suoi confronti, anzi pare quasi accettare la spiegazione data dalla giovane donna, consapevole che certi eventi nella vita di un individuo possano davvero bloccare la nascita dell'elemento. Ciò che non si spiega però è come possa ella avere un elemento tanto rigoglioso, senza però mostrare alcun sospetto o malizia al riguardo. Kirie non se la sente di rispondere, distoglie lo sguardo, come se volesse far intendere di non saperne nulla. A quel punto la mezza italiana preferisce non insistere oltre, comprendendo quanto per carattere possano essere riservate certe persone. Inoltre sa bene che ella non può aver ottenuto il Mana con l'inganno, quindi non le resta altro che accoglierla a braccia aperte nella Gilda Terran, consegnandole l'anello e illustrandole, da quel momento in poi, i suoi diritti e doveri. Kirie accetta con somma gratitudine, facendo presente che non appena alcune faccende si saranno sistemate, non mancherà di venire in Gilda per conoscere gli altri suoi Confratelli e Consorelle. Senza dire nulla, Rebecca decide che può anche andare via, ripromettendosi di parlare della questione con il saggio Raiden, per comprendere meglio quella faccenda. Prima di andare però, la Kurosawa le chiede di prometterle di non dire a nessuno il luogo in cui si trova. Ella sta ancora cercando disperatamente di sfuggire alla propria famiglia, desiderio compreso dall'Auditore, che dopo averle dato la sua parola, si congeda da lei, in parte contenta per la ex-Morimoto ed in parte incuriosita dal mistero che alberga nel suo spirito.
6) Stralcio della vicenda: //
Avatar utente
Kirie
Terran delle Giungle
Terran delle Giungle
 
Grado: 10
 
Messaggi: 115
Iscritto il: 03/07/2016, 20:17

Data Utente Tipo Dado Risultato  
PrecedenteProssimo

 

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron